Adempimenti Rifiuti

Introduzione

(Coordinamento: Vincenzo Dragani. Testi: Vincenzo Dragani, Alessandro Geremei, altri Autori)

 

Segnalazione ultime novità normative

 

— L'11 maggio 2019 mediante la riformulazione dell’articolo 185 del Dlgs 152/2006 è stato ridotto il novero dei residui vegetali gestibili fuori dal regime rifiuti ex lege.

— Il 28 marzo 2019 è stata pubblicata la sentenza della Corte di Giustizia Ue sulla classificazione dei rifiuti con codici speculari (pericoloso e non pericoloso).

— Il 22 febbraio 2019 è stato pubblicato sulla Gu il Dpcm 24 dicembre 2018 di approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale (Mud) per l'anno 2019

— Il 13 febbraio 2019 il MinAmbiente ha fornito delle linee guida recanti le prime indicazioni operative per i Piani di emergenza interna ed esterna degli impianti di gestione rifiuti.

— Il 13 febbraio 2019 è entrata in vigore la legge 12/2019, di conversione del Dl 135/2018, che istituisce il nuovo "Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti".

 

 

La gestione dei rifiuti è a livello nazionale disciplinata in termini generali dalla Parte quarta del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (cd. "Codice ambientale"), emanato in recepimento delle direttive comunitarie in materia di rifiuti, rifiuti pericolosi, imballaggi e rifiuti di imballaggio ed in vigore dal 29 aprile 2006. Dalla stessa data il provvedimento ha abrogato e sostituito, tra gli altri, il Dlgs 5 febbraio 1997, n. 22 (cd. "Decreto Ronchi"), mantenendone tuttavia in vigore fino a nuova disciplina di dettaglio tutta la relativa normativa attuativa.

 

Alle disposizioni in materia recate dalla Parte IV del Dlgs 152/2006 si aggiungono quelle specifiche recate da numerosi provvedimenti settoriali

 

Ne deriva una complessa disciplina che prevede molteplici obblighi a carico dei soggetti a vario titolo coinvolti nella produzione e/o gestione dei rifiuti.

 

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598