Area 231

Strumenti di formazione

All'attività di formazione permanente sui rifiuti, coordinata da un autorevole Comitato Scientifico presieduto da Paola Ficco, si affianca un nuovo filone tematico relativo alla responsabilità amministrativa delle imprese in materia ambientale che ha integrato il quadro normativo nazionale già tracciato dal Dlgs n. 231/2001.

 

Le recenti novità introdotte dal Dlgs n. 121/2011, infatti, obbligano le imprese e gli enti ad un aggiornamento sulle responsabilità dei soggetti coinvolti nella commissione dei reati e a un approfondimento dell’analisi e mappatura delle attività e degli ambiti aziendali a rischio, con l’obiettivo di aumentare la loro capacità organizzativa complessiva.

 

Edizioni Ambiente ha deciso di affrontare il tema 231 con una pluralità di strumenti, di cui l'Area 231 di Reteambiente rappresenta il raccordo e il punto di riferimento.

 

Rispetto alla formazione, sono previsti Seminari settoriali (Piattaforme, Trasportatori, ecc.) e Panel di formazione in house, che consistono di brevi incontri con i decisori aziendali durante i quali gli esperti siano in grado di entrare direttamente nel merito dei punti salienti per la specifica impresa.

 

 

Seminari settoriali

 

L’approccio proposto da Reteambiente con i seminari settoriali coniuga dunque due elementi di estrema e diversa importanza:

 

le conseguenze a carico dell’azienda per i reati ambientali commessi dai dipendenti,

• e gli strumenti organizzativi che l’impresa può mettere in atto per evitarle.

 

Rispetto al primo punto, l’interpretazione normativa affronta sia le tematiche ricorrenti in tema di applicazione del Dlgs 231/2001 (cioè le questioni di carattere generale estensibili anche alla materia ambientale), sia i profili di specifica applicazione ambientale di particolare interesse per le dinamiche aziendali.

 

Rispetto al secondo punto, ogni seminario esamina le particolarità di un singolo comparto produttivo o di servizio, mettendo l’accento sui punti di debolezza e di forza dello specifico modello organizzativo e incanalando la riflessione sul metodo di implementazione necessario a prevenire le conseguenze aziendali del danno ambientale, fino ad abolirle completamente.

 

>> info su seminari - segreteria.formazione@edapro.it

 

Panel di formazione in house

 

Di fronte alla particolare complessità del tema, l’approccio proposto da Reteambiente alle aziende e Enti di dimensioni medio/grandi, è quello dei piccoli (e poco dispendiosi) panel di formazione in house, nei quali gli esperti possono interloquire con i decisori aziendali, entrando direttamente nel merito dei punti salienti per quella specifica impresa.

 

 

Elementi necessari per organizzare un Panel in house

L’azienda interessata dovrà fornire una sintesi della propria attività, della propria organizzazione  e delle principali fonti di rischio, al fine di consentire agli esperti la messa a punto degli elementi  da trattare.

La comunicazione si intende strettamente riservata (si prega comunque di evitare la comunicazione di dati sensibili).

È inoltre necessario indicare il presunto numero di partecipanti, oltre al luogo e alla data indicativa.

Verrà fornito un preventivo di massima e i successivi accordi verranno presi telefonicamente.

 

>> Per contatti vedi l'apposita voce nel menu di sinistra

 

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598