News - Aggiornamento normativo

Acque

Milano, 28 luglio 2010

Quando si tratta di "acque pubbliche" decide il Tsap

Acque

(Alessandro Geremei)

Spetta al Tribunale superiore delle acque pubbliche decidere i ricorsi avverso atti della P.a. che incidono direttamente sulla materia delle acque pubbliche.

 

Quando le controversie incidono solo in via di riflesso o indirettamente sulle "acque pubbliche", al contrario, la giurisdizione del Tribunale istituito dal Rd 1775/1933 è esclusa a favore del Giudice amministrativo.

 

Con queste motivazioni il Tar Emilia Romagna ha dichiarato l'inammissibilità di un ricorso sottoposto alla sua valutazione, sulle ulteriori condizioni imposte dal Magistrato del Po a un privato — già autorizzato dal Comune – per l’esecuzione di alcune modifiche edilizie a un fabbricato sito nelle vicinanze di un fiume, a meno di 5 metri dall'argine (sentenza 5484/2010).

 

Tale situazione implica la giurisdizione del Tsap, sottolinea il Giudice amministrativo, "basata sulla ragione pubblicistica di assicurare la possibilità di sfruttamento delle acque demaniali e di assicurare il libero deflusso delle acque".

 

documenti di riferimento
Regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775

Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici

Sentenza Tar Emilia Romagna 8 luglio 2010, n. 5484

Acque - Controversie che incidono direttamente sulle acque pubbliche - Competenza del Tsap - Sussiste

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598