News - Aggiornamento normativo

Aria

Milano, 29 novembre 2010

Pm10, Italia deferita alla Corte di Giustizia Ue

Aria

(Alessandro Geremei)

L’Italia non ha affrontato in modo efficace il problema delle emissioni eccessive di PM10 (particolato fine) e non ha rispettato le condizioni stabilite dall’Ue per ottenere una deroga fino al giugno 2011.

 

Lo ha reso noto la Commissione Ue con un comunicato stampa del 24 novembre 2010.

 

La normativa comunitaria in materia di inquinamento atmosferico stabilisce valori limite per l'esposizione alle PM10 cui gli Stati membri dovevano conformarsi entro il 2005 (40 μg/m3 di concentrazione annua e 50 μg/m3 di concentrazione quotidiana non superabile più di 35 volte in un anno), ma che risultano essere stati violati in più zone del nostro Paese.

 

Non avendo neanche soddisfatto le condizioni stabilite dall’Ue per ottenere una proroga di tali vincoli al giugno 2011, tra le quali la dimostrazione di aver adottato le misure necessarie per l’adeguamento entro il termine prorogato, l’Italia sarà ora deferita alla Corte di Giustizia Ue, al pari di Cipro, Spagna e Portogallo.

 

documenti di riferimento
Dlgs 13 agosto 2010, n. 155

Qualità dell'aria ambiente - Attuazione direttiva 2008/50/Ce

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2008/50/Ce

Qualità dell'aria ambiente e per un aria più pulita in Europa

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598