News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 16 marzo 2011

Pile e relativi rifiuti, novità in vigore dal 30 marzo 2011

Rifiuti

(Alessandro Geremei)

Sistemi collettivi di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori obbligati ad iscriversi presso le Camere di commercio, nuove modalità per le comunicazioni dei produttori relative alle pile e agli accumulatori immessi sul mercato.

 

Scopo principale del Dlgs 11 febbraio 2011, n. 21, pubblicato sulla Gu del 15 marzo 2011 e in vigore 15 giorni dopo, è quello di adeguare la normativa nazionale recata dal Dlgs 188/2008 ai più recenti dettami dell’Ue (direttiva 2008/103/Ce e 2009/603/Ce).

 

Il provvedimento pone al contempo rimedio ad alcuni “refusi” della disciplina stessa, in materia di raccolta separata di batterie per veicoli e di sanzioni per i distributori che non avvisano il pubblico della raccolta separata delle pile.

 

Si segnala anche l’anticipo della comunicazione annuale degli impianti di riciclaggio  (dal 31 marzo al 28 febbraio), e la sanzionabilità delle immissioni in commercio di pile ed accumulatori prive del simbolo della raccolta differenziata anche antecedenti al 26 settembre 2009.

 

 

 

documenti di riferimento
Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2006/66/Ce

Direttiva relativa alle pile e accumulatori e rifiuti di pile e accumulatori - Abrogazione direttiva 91/157/Ce

Dlgs 11 febbraio 2011, n. 21

Pile,   accumulatori e relativi rifiuti - Modifiche al Dlgs 188/2008

Dlgs 20 novembre 2008, n. 188

Attuazione della direttiva 2006/66/Ce relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori

Decisione Commissione Ce 2009/603/Ce

Obblighi di registrazione per i produttori di pile e accumulatori

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598