News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 20 settembre 2012

Pile e accumulatori portatili, 1 su 4 va raccolto separatamente

Rifiuti

(Alessandro Geremei)

Pile e accumulatori portatili, 1 su 4 va raccolto separatamente

I produttori hanno tempo fino al 26 settembre 2012 per conseguire, anche su base regionale, un tasso di raccolta minimo di pile ed accumulatori portatili pari al 25% del quantitativo immesso sul mercato.

 

È questa la scadenza prevista dal combinato disposto dell’articolo 6, comma 1 e dell’articolo 8, comma 2, del Dlgs 20 novembre 2008, n. 188, recante “attuazione della direttiva 2006/66/Ce concernente pile, accumulatori e relativi rifiuti”.

 

La percentuale di raccolta minima che i sistemi individuali e collettivi di gestione dei rifiuti di pile e batterie, costituiti ex Dlgs 188/2008 dai produttori (o dai terzi che agiscono in loro nome) al fine di ridurre al minimo lo smaltimento delle pile e degli accumulatori portatili insieme al rifiuto urbano misto, dovrà poi salire al 45% entro quattro anni (26 settembre 2016).

documenti di riferimento
Dlgs 20 novembre 2008, n. 188

Attuazione della direttiva 2006/66/Ce relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2006/66/Ce

Direttiva relativa alle pile e accumulatori e rifiuti di pile e accumulatori - Abrogazione direttiva 91/157/Ce

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598