News - Aggiornamento normativo

Sostanze pericolose

Milano, 17 dicembre 2012

Sostanze pericolose, anche alle Regioni i proventi delle sanzioni

Sostanze pericolose

(Lavinia Basso)

Sostanze pericolose, anche alle Regioni i proventi delle sanzioni

La disciplina sanzionatoria (Dlgs 186/2011) per la violazione del regolamento 1272/2008/Ce (classificazione, etichettatura e imballaggio sostanze e miscele, cd. Clp) non può prevedere che i proventi delle sanzioni siano tutte attribuiti al bilancio dello Stato.

 

La Corte costituzionale (sentenza 30 novembre 2012, n. 271) ha dichiarato l'illegittimità della previsione contenuta nell'articolo 13, comma 3, Dlgs 27 ottobre 2011, n. 186 nella parte in cui prevede che anche le sanzioni di competenza regionale siano attribuite al bilancio dello Stato. Infatti, poichè l'articolo 14 del medesimo decreto legislativo prevede che siano le Regioni e le Province autonome, nell'ambito delle proprie competenze, ad irrogorare le relative sanzioni, è a tali enti, e non allo Stato, che i proventi delle sanzioni devono essere versate.

 

Ciò in applicazione di quanto stabilito in modo chiaro ed inequivocabile dall'articolo 29, legge 24 novembre 1981, n. 689 in base al quale nelle materie di competenza regionale i proventi spettano alle Regioni.

documenti di riferimento
Legge 24 novembre 1981, n. 689

Modifiche al sistema penale - Capo I sulle sanzioni amministrative - Stralcio

Sentenza Corte Costituzionale 30 novembre 2012, n. 271

Sostanze pericolose - Classificazione, etichettatura, imballaggio - Sanzioni - Proventi - Destinatari

Regolamento Parlamento europeo e Consiglio Ue 1272/2008/Ce

Classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele ("Clp") - Abrogazione delle direttive 67/548/Ce e 1999/45/Ce

Dlgs 27 ottobre 2011, n. 186

Disciplina sanzionatoria delle violazioni al regolamento 1272/2008/Ce sulla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio di sostanze e miscele

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598