News - Aggiornamento normativo

Territorio

Milano, 15 ottobre 2013

Paesaggio, tutela del vincolo vale anche per il sottosuolo

Territorio

(Francesco Petrucci)

La tutela dei beni paesaggistici, ex articolo 136, Dlgs 42/2004 non si limita al mero aspetto esteriore o immediatamente visibile dell'area vincolata, ma anche a quello non visibile: ogni modifica dell'assetto del territorio fatta con qualsiasi opera è soggetta al rilascio della prescritta autorizzazione paesaggistica.

 

Il Consiglio di Stato (sentenza 5 agosto 2013, n. 4079) ha dato torto al Tar che aveva annullato il divieto della Soprintendenza disposto nei confronti di un'impresa alla realizzazione di opere nel sottosuolo di un'area vincolata. Per il Tar "la potestà di tutela paesaggistica ha riguardo solo ai beni naturali o ai manufatti che sono percepibili dall'occhio di un uomo posto sulla superficie della terra o che la sorvola".

 

Secondo i Supremi Giudici amministrativi invece la nozione di paesaggio è ampia, riguardando, anche ai sensi della Convenzione europea sul paesaggio del 20 ottobre 2000, ratificata con la legge 9 gennaio 2006, n. 14, pure le opere realizzate nel sottosuolo in quanto anche queste ultime implicano un'utilizzazione del territorio idonea a modificarne l'assetto, specie quando si tratti di opere di rilevante entità, come nel caso di specie.

documenti di riferimento
Dlgs 22 gennaio 2004, n. 42

Codice dei beni culturali e del paesaggio

Legge 9 gennaio 2006, n. 14

Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea sul paesaggio, fatta a Firenze il 20 ottobre 2000

Sentenza Consiglio di Stato 5 agosto 2013, n. 4079

Territorio - Beni paesaggistici - Paesaggio - Nozione - Area vincolata - Opere eseguite nel sottosuolo - Tutela - Sussiste

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598