News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 5 febbraio 2014

Conversione Dl 136/2013 su combustione rifiuti, via libera definitivo

Rifiuti

(Francesco Petrucci)

Conversione Dl 136/2013 su combustione rifiuti, via libera definitivo

Il Senato ha approvato definitivamente il 5 febbraio 2014 la legge di conversione del Dl 136/2013 che ha introdotto il reato di "combustione illecita di rifiuti". Tra le novità l'obbligo per il responsabile di risarcire il danno ambientale e pagare la bonifica.

 

L'articolo 3 del Dl 136/2013 in parola ha introdotto nel Codice ambientale l'articolo 256-bis prevedendo il reato di "combustione illecita di rifiuti” punito con la reclusione da due a cinque anni (da tre a sei anni se si bruciano rifiuti pericolosi). Tra le novità spicca una "stretta" nel caso in cui il delitto sia commesso nell'ambito di attività d'impresa o attività comunque organizzata: il titolare dell'impresa o responsabile dell'attività organizzata risponde anche per omessa vigilanza sugli autori materiali del delitto e a costui si applicano anche le sanzioni interdittive previste dall'articolo 9 comma 2, Dlgs 231/2001 sulla responsabilità ambientale delle persone giuridiche per fatto di dipendenti e collaboratori.

 

Il provvedimento ha inoltre previsto l'estensione delle pene previste anche alle condotte di reato di attività di gestione illecita di rifiuti (articolo 256, Dlgs 152/2006) e di traffico illecito di rifiuti (articolo 259, Dlgs 152/2006) se tali condotte sono finalizzate alla successiva combustione illecita di rifiuti.

documenti di riferimento
Dl 10 dicembre 2013, n. 136

Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali - Istituzione del reato di combustione illecita di rifiuti

SPECIALE Codice Ambiente (Dlgs 152/2006)
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598