News - Aggiornamento normativo

Sostanze pericolose

Milano, 14 febbraio 2014

Direttiva Aee, precisazioni su obblighi importatori

Sostanze pericolose

(Francesco Petrucci)
Parole chiave Parole chiave: Sostanze pericolose | Rifiuti | Limiti / Soglie | Elettrodomestici / Domotica / Computer | Metalli pesanti | Deroghe | Elettricità | Illuminazione

Direttiva Aee, precisazioni su obblighi importatori

Gli importatori di Aee (apparecchiature elettriche ed elettroniche) devono verificare che il fabbricante abbia applicato sull'Aee il proprio marchio o nome e l'indirizzo di contatto. La precisazione è contenuta in una rettifica alla direttiva 2011/65/Ue pubblicata il 14 febbraio 2014.

 

La rettifica in parola corregge l'articolo 9 della direttiva 2011/65/Ue (restrizioni all'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche) precisando che insieme agli altri obblighi imposti all'importatore e precisati nel citato articolo 9, si aggiunge quello di un controllo che il fabbricante abbia messo sull'Aee o sull'imballaggio se non sa possibile l'applicazione diretta sull'apparecchiatura, tutti i suoi riferimenti identificativi.

 

Ricordiamo che lo schema di Dlgs di recepimento della direttiva 2011/65/Ue è attualmente al vaglio delle Commissioni parlamentari per il prescritto parere. Tra le novità di spicco della nuova disciplina c'è l'obbligo della marcatura CE a carico dei fabbricanti, una definizione più puntuale del campo di applicazione della disciplina che esclude i pannelli fotovoltaici ma include cavi e pezzi di ricambio e prevede obblighi differiti per i dispositivi medici.

documenti di riferimento
Direttiva Parlamento e Consiglio Ue 2011/65/Ue

Restrizione dell'uso di determinate sostante pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (cd. "Aee") - Abrogazione direttiva 2002/95/Ce

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598