News - Aggiornamento normativo

Rumore

Milano, 2 luglio 2015

Rumore, nuovi criteri misurazione Ue dal 2019

Rumore

(Alessandro Geremei)

 Rumore, nuovi criteri misurazione Ue  dal 2019

I metodi comuni per la determinazione del rumore ambientale, che gli Stati membri devono recepire entro il 31 dicembre 2018, sono contenuti nella direttiva 2015/996/Ue della Commissione.

 

Il provvedimento, pubblicato sulla Guue del 1° luglio 2015, sostituisce i metodi "provvisori” stabiliti dall’allegato II della direttiva 2002/49/Ce sulla determinazione e la gestione del rumore ambientale, recepita in Italia attraverso il Dlgs 194/2005.

 

I nuovi metodi comuni servono a stabilire i valori dei descrittori acustici (Lden per determinare il fastidio, Lnight per determinare i disturbi del sonno) che gli Stati membri devono utilizzare al fine di elaborare e revisionare la mappatura acustica strategica nazionale. Tale mappatura, a sua volta, costituisce la base per l’elaborazione dei piani d’azione previsti dalla disciplina.

 

Fino al 31 dicembre 2018, quando scatterà l’obbligo di utilizzare i nuovi metodi comuni, gli Stati membri potranno continuare a utilizzare i metodi di determinazione esistenti precedentemente adottati a livello nazionale.

documenti di riferimento
Dlgs 19 agosto 2005, n. 194

Attuazione della direttiva 2002/49/Ce relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale

Direttiva Parlamento europeo Consiglio Ue 2002/49/Ce

Determinazione e gestione del rumore ambientale

Direttiva Commissione Ue 2015/996/Ue

Determinazione del rumore a norma della direttiva 2002/49/Ce - Modifica dell'allegato alla direttiva 2002/49/Ce

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598