News - Aggiornamento normativo

Rumore

Milano, 25 agosto 2015

Attività rumorosa autorizzata, superamento limiti senza responsabilità penale

Rumore

(Francesco Petrucci)

Attività rumorosa autorizzata, superamento limiti senza responsabilità penale

Il titolare dell'esercizio commerciale autorizzato a trasmettere musica se supera i limiti massimi di legge non commette il reato ex articolo 659, comma 2, Codice penale ma un illecito amministrativo.

 

La Corte di Cassazione nella sentenza 18 agosto 2015, n. 34920 ribadisce il consolidato orientamento in materia di immissioni rumorose (a volte non seguito dalla Corti di merito, come quella del caso di specie). Un esercizio commerciale autorizzato a restare aperto fino a tardi e all'uso di strumenti musicali e di diffusione sonora va qualificato come "mestiere rumoroso". Siamo quindi nel campo del comma 2 dell'articolo 659, Codice penale e non del comma 1.

 

Di conseguenza se l'uso di tali strumenti musicali e di diffusione sonora è connesso e necessario all'esercizio dell'attività, il mero superamento dei limiti massimi o differenziali di legge non dà luogo a responsabilità penale (disturbo del riposo delle persone) ex articolo 659, comma 2, Codice penale, ma integra l'illecito amministrativo ex articolo 10, comma 2, legge 447/1995 (legge quadro sull'inquinamento acustico).

documenti di riferimento
Legge 26 ottobre 1995, n. 447

Legge quadro sull'inquinamento acustico

Regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398

Codice penale - Stralcio - Norme attinenti agli illeciti ambientali e alla sicurezza sul lavoro

Sentenza Corte di Cassazione 18 agosto 2015, n. 34920

Rumore - Esercizio commerciale autorizzato all'uso di strumenti musicali e di diffusione sonora - Qualificazione - Mestiere rumoroso - Disturbo del riposo delle persone - Articolo 659, comma 2, Codice penale - Configurabilità - Esclusione - Superamento limiti massimi o differenziali - Illecito amministrativo

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598