News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 2 dicembre 2015

Traffico illecito rifiuti, prescrizione reato esclude ordine di ripristino ambientale

Rifiuti

(Alessandro Geremei)

Traffico illecito rifiuti, prescrizione reato esclude ordine di ripristino ambientale

Quando il Giudice di Appello dichiara prescritto il reato sanzionato dall'articolo 260 del Dlgs 152/2006, deve anche revocare l'ordine di ripristino dello stato dell'ambiente stabilito dalla condanna in primo grado.

 

La Cassazione (sentenza 45632/2015) si richiama a propri precedenti relativi all'ordine di rimessione in pristino previsto nel caso di reati paesaggistici (articolo 181, Dlgs 42/2004), ritenuto "assimilabile" per natura giuridica all'ordine stabilito dal Dlgs 152/2006, nei quali la stessa Corte ha chiarito come tale "sanzione amministrativa accessoria" alla condanna debba essere obbligatoriamente revocata nel caso di successiva assoluzione dal reato, sia pure per prescrizione.

 

Stesso destino per le pene accessorie (come l'interdizione dal ruolo di esercente una discarica di rifiuti) che non possono essere mantenute nel caso di prescrizione maturata.

 

Il tutto nel rispetto del Dlgs 152/2006 (articolo 260, comma 4) in base al quale, sottolinea il Giudice legittimità, l'ordine di ripristino, nel caso di condanna o patteggiamento per il reato di traffico illecito di rifiuti, rappresenta per il Giudice "un provvedimento dovuto".

documenti di riferimento
Sentenza Corte di Cassazione 17 novembre 2015 , n. 45632

Rifiuti - Traffico illecito - Caratteristiche - Condanna - Ordine di ripristino ambientale - Articolo 260, comma 4, Dlgs 152/2006 - Sanzione amministrativa accessoria alla condanna - Prescrizione del reato - Revoca - Obbligatorietà

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte IV - Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Dlgs 22 gennaio 2004, n. 42

Codice dei beni culturali e del paesaggio

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598