News - Aggiornamento normativo

Appalti e acquisti verdi

Milano, 10 febbraio 2016

Appalti, smaltimento rifiuti sanitari a soggetti aggregatori

Appalti e acquisti verdi

(Francesco Petrucci)

Appalti, smaltimento rifiuti sanitari a soggetti aggregatori

Ai sensi del Dpcm 24 dicembre 2015, dal 9 febbraio 2016 per gli appalti per lo smaltimento rifiuti sanitari oltre soglia scatta l'obbligo per la pubblica Amministrazione di ricorrere a soggetti aggregatori o alla Consip.

 

Se l'appalto del servizio di smaltimento rifiuti sanitari supera 40mila euro l'Amministrazione deve ricorrere a soggetti aggregatori o alla Consip. La soglia deve intendersi come importo massimo annuo, a base d'asta. Oltre al servizio di smaltimento rifiuti sanitari il decreto individua, tra le altre categorie merceologiche, i servizi di pulizia immobili e manutenzione immobili e impianti. Se non si ricorre a soggetti aggregatori o alla Consip, l'Authority di vigilanza sui contratti pubblici non rilascia il Codice identificativo di gara indispensabile per bandire l'appalto.

 

Il provvedimento, emanato ai sensi dell'articolo 9, comma 3, del Dl 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89 è in vigore dal 9 febbraio 2016 per le Amministrazioni statali, centrali e periferiche (escluse scuole e università) nonché per Regioni, Enti regionali, loro consorzi e Enti del servizio sanitario nazionale. Per tutte le altre Amministrazioni l'obbligo scatta dal 9 agosto 2016.

documenti di riferimento
Dlgs 12 aprile 2006, n. 163

Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/Ce e 2004/18/Ce

Dl 24 aprile 2014, n. 66

Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale - Stralcio - Società partecipate dalla P.a. - Modifiche al Codice appalti - Pubblicazione dei bandi di gara - Tassazione reddito da bioenergie

Dpcm 24 dicembre 2015

Appalti per l'acquisizione di beni e servizi - Elenco delle categorie nonché soglie che fanno scattare l'obbligo per la pubblica Amministrazione di valersi di soggetti aggregatori o della Consip

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598