News - Aggiornamento normativo

Sostanze pericolose

Milano, 11 febbraio 2016

Pile, ok a Dlgs recepimento direttiva su stop a cadmio e mercurio

Sostanze pericolose

(Francesco Petrucci)

Pile, ok a Dlgs recepimento direttiva su stop a cadmio e mercurio

Il Consiglio dei Ministri del 10 febbraio 2016 ha dato il via libera definitivo allo schema di Dlgs che recepisce la direttiva 2013/56/Ue sul blocco della circolazione delle pile al cadmio contenute in apparecchi senza fili.

 

Il provvedimento che ora viaggia verso la Gu è stato emanato su delega della legge di delegazione Ue 2014 e recepisce le nuove regole europee del 2013 in materia che cancellano la deroga prevista dalla storica direttiva 2006/66/Ce sulle pile e gli accumulatori. La direttiva del 2006 (recepita dal Dlgs 188/2008) già eliminava dal mercato le pile contenenti più dello 0,002% di cadmio in peso, ma permetteva la circolazione delle pile al cadmio se contenute negli apparecchi wireless. Il provvedimento modificando il Dlgs 188/2008 fa sparire tale deroga dal 1° gennaio 2017.

 

Analogamente lo schema di Dlgs in parola cancella la deroga al divieto di immissione in commercio per pile a bottone con un tenore di mercurio non superiore al 2%. Il divieto di circolazione scatta dal 1° ottobre 2015. Gli apparecchi messi in commercio prima di tale data possono circolare fino a esaurimento scorte. Infine lo schema di Dlgs aggiorna il Dlgs 188/2008 sostituendo tutti i riferimenti al Dlgs 151/2005 sui Raee con quelli alla nuova disciplina dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche ex Dlgs 49/2014.

documenti di riferimento
Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2013/56/Ue

Immissione sul mercato di batterie portatili e di accumulatori contenenti cadmio e di pile a bottone con un basso tenore di mercurio - Modifiche alla direttiva 2006/66/Ce

Dlgs 20 novembre 2008, n. 188

Attuazione della direttiva 2006/66/Ce relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598