News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 9 marzo 2016

Terre da scavo, restyling disciplina all'esame del Parlamento

Rifiuti

(Alessandro Geremei)

Terre da scavo, restyling disciplina all'esame del Parlamento

Le Commissioni ambiente di Camera e Senato hanno tempo fino a fine marzo per esprimere il proprio parere consultivo sullo schema di Dpr recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo presentato dal Governo.

 

La proposta di regolamento, presentata in Parlamento il 26 febbraio 2016, arriva in attuazione del Dl 133/2014 (cd. "Sblocca Italia") con cui il Governo è stato delegato a riordinare e semplificare le regole nazionali per la gestione delle terre e rocce da scavo (entro il 12 dicembre 2014).

 

Prima di arrivare a Camera e Senato, si ricorda, il provvedimento è stato sottoposto a una fase di consultazione pubblica della durata di un mese (19 novembre-19 dicembre 2015), è stato approvato in via preliminare dal CdM 15 gennaio 2016 ed ha ottenuto il via libera del Consiglio di Stato un mese dopo (parere del 16 febbraio 2016).

 

I punti cardine della regolamentazione in itinere, che sostituirà le attuali regole sul riutilizzo delle terre da scavo (e non solo) stabilite dal Dm 161/2012, riguardano il riutilizzo delle terre qualificate sottoprodotti, il regime di deposito temporaneo, l'utilizzo in sito delle terre escluse dal campo di applicazione del Dlgs 152/2006 ("Codice ambientale") e la gestione delle terre generate all'interno dei siti oggetto di bonifica.

documenti di riferimento
SPECIALE Terre e rocce da scavo
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598