News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 25 maggio 2016

Sistri, nuovo "Testo Unico" in vigore dall'8/6/2016

Rifiuti

(Vincenzo Dragani)

Sistri, nuovo "Testo Unico" in vigore dall'8/6/2016

Movimentazione dei rifiuti possibile subito dopo la comunicazione al Sistri delle relative informazioni, senza dunque dover attendere il numero minimo di ore previsto dal "regime ordinario" dell'uscente Dm 52/2011.

 

Appare essere questa, ferma restando la non punibilità fino al 2017 delle violazioni delle regole procedurali Sistri a monte sancita dal Dl 210/2015, una delle novità operative introdotte dal Dm Ambiente 30 marzo 2016, n. 78, il provvedimento in vigore dall'8 giugno 2016 recante le (nuove) "Disposizioni relative al funzionamento e ottimizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti" in attuazione del Dlgs 152/2006 ed ablativo dell'intero citato "Testo unico Sistri" del 2011.

 

In relazione al funzionamento generale del sistema, il nuovo Dm 78/2016 conferma il novero dei soggetti obbligati all'adesione e l'impianto già disegnato dal Dm 52/2011, asciugandone però le disposizioni sulle procedure operative ed affidando a futuri decreti ministeriali l'adozione di ulteriori norme di dettaglio su (tra le altre): flusso delle informazioni da comunicare al Sistri, regole di raccordo con gli operatori non iscritti, funzionamento di particolari attività come microraccolta e tracciamento dei Raee. Il tutto imponendo il rispetto, per quanto da esso regolamento non espressamente disposto e fino all'adozione dei citati decreti ministeriali, delle procedure indicate da manuali e linee guida pubblicati sul sito www.sistri.it provvisti (novità) di "visto di approvazione" del MinAmbiente.

 

Invariati restano, fino all'adozione dei futuri decreti ministeriali che introdurranno mirati alleggerimenti informatici ed economici, anche il sistema hardware e software (ossia, "chiavette usb" e black box" da un lato, schede "Area registro cronologico" ed "Area movimentazione" dall'altro) e quello cartaceo di supporto al trasporto che gli operatori devono attualmente utilizzare, così come l'entità dei contributi da versare.

 

Un impegno alla progressiva semplificazione tecnica  ed alla sostenibilità dei costi del Sistri è dal Dm 78/2016 parallelamente imposto al futuro gestore del sistema, la cui procedura di identificazione è ad oggi ancora in corso.

documenti di riferimento
Dm Ambiente 18 febbraio 2011, n. 52

Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti - cd. "Tu Sistri"

Dm Ambiente 30 marzo 2016, n. 78

Sistri - Regolamento recante disposizioni relative al funzionamento e ottimizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti - Attuazione articolo 188-bis, comma 4-bis, Dlgs 152/2006 - Abrogazione Dm 52/2011

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598