News - Aggiornamento normativo

Sostanze pericolose

Milano, 13 luglio 2016

Aee e sostanze pericolose, controlli anche del MinSalute

Sostanze pericolose

(Francesco Petrucci)

Aee e sostanze pericolose, controlli anche del MinSalute

Il Ministero della salute entra tra le Autorità di vigilanza sulla conformità delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) alle disposizioni del Dlgs 27/2014, di recepimento della direttiva 2011/65/Ue.

 

Il Dlgs 15 giugno 2016, n. 124 in vigore dal 27 luglio 2016 nel modificare il Dlgs 27/2014 affianca il Ministero della salute ai Ministeri dello sviluppo e dell'ambiente nelle funzioni di vigilanza e controllo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (cosiddette Aee) immesse sul mercato affinché rispondano alla disciplina sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose.

 

Il Ministero della salute ha già sviluppato una serie di competenze in relazione ai controlli sui prodotti chimici ex regolamento 1907/2006/Ce ("Reach") e può dare utile supporto agli altri dicasteri; l'attività di supporto è estesa all'Istituto superiore di sanità che affianca l'Ispra. L'attività di vigilanza e controllo si svilupperà attraverso un protocollo di intesa da stendere entro il 27 gennaio 2017 (6 mesi dall'entrata in vigore del Dlgs 124/2016 in parola) e sarà effettuata in raccordo con Regioni e Province autonome.

documenti di riferimento
Direttiva Parlamento e Consiglio Ue 2011/65/Ue

Restrizione dell'uso di determinate sostante pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (cd. "Aee") - Abrogazione direttiva 2002/95/Ce

Dlgs 4 marzo 2014, n. 27

Restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) - Attuazione direttiva 2011/65/Ue - Modifica del Dlgs 151/2005

Dlgs 15 giugno 2016, n. 124

Restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) - Direttiva 2011/65/Ue - Modifiche al Dlgs 4 marzo 2014, n. 27

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598