News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 4 ottobre 2016

Trasporto illecito rifiuti, solo buona fede evita confisca veicolo

Rifiuti

(Alessandro Geremei)

Trasporto illecito rifiuti, solo buona fede evita confisca veicolo

Il proprietario di un mezzo utilizzato da terzi per un trasporto illecito di rifiuti, se vuole evitare la confisca dello stesso, ha l'onere di provare la propria estraneità al reato e buona fede.

 

A ribadirlo è la Corte di Cassazione (sentenza 35494/2016) che ha dichiarato inammissibile un ricorso contro la confisca di un veicolo ordinata dal Tribunale di Palermo in applicazione dell’articolo 6 del Dl 172/2008, norma che detta il regime sanzionatorio "speciale" vigente nei territori dichiarati in stato di emergenza rifiuti.

 

Secondo Giurisprudenza costante in materia, ricorda la Suprema Corte, se il terzo estraneo al reato, individuabile in colui che non ha partecipato alla commissione dell'illecito ovvero ai profitti che ne sono derivati, vuole evitare la confisca del proprio veicolo utilizzato per l'illecito, deve provare di essere in buona fede "ovvero che l'uso illecito della 'res' gli era ignoto e non collegabile ad un suo comportamento colpevole o negligente".

documenti di riferimento
Decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172

Misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella Regione Campania, nonché misure urgenti di tutela ambientale

Sentenza Corte di Cassazione 26 agosto 2016, n. 35494

Rifiuti - Raccolta, trasporto e deposito non autorizzati - Articolo 6, Dl 172/2008 - Mezzo di trasporto di proprietà di terzi - Confisca - Onere di provare la estraneità al reato e la buona fede - Applicabilità

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI - 2569357
    Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598