News - Aggiornamento normativo

Ippc/Aia

Milano, 15 marzo 2017

Violazione prescrizioni Aia, rimane sanzione penale se relative a rifiuti

Ippc/Aia (Giurisprudenza)

(Francesco Petrucci)

Violazione prescrizioni Aia, rimane sanzione penale se relative a rifiuti

La "depenalizzazione" dell'illecito relativo all'inosservanza delle prescrizioni dell'autorizzazione integrata ambientale (Aia) non opera se la violazione concerne la gestione dei rifiuti, resta la sanzione penale.

 

Lo ha ricordato la Corte di Cassazione nella sentenza 14 marzo 2017, n. 12170 confermando la condanna del titolare di un'azienda che non osservando le prescrizioni dell'autorizzazione integrata ambientale rilasciata ometteva di trasferire i rifiuti a fine turno nelle apposite baie dedicate per i rifiuti prodotti dall'impianto di selezione.

 

I Supremi Giudici hanno ricordato che è vero che l'articolo 29-quattuordecies dopo le modifiche del Dlgs 46/2014 prevede la sanzione amministrativa pecuniaria in luogo della previgente sanzione penale per chi non osserva le prescrizioni dell'autorizzazione integrata ambientale o quelle imposte dall'Autorità competente. Rimane però la sanzione penale dell'ammenda se l'inosservanza sia relativa alla gestione dei rifiuti come avvenuto nel caso di specie.

documenti di riferimento
Dlgs 4 marzo 2014, n. 46

Emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) - Attuazione direttiva 2010/75/Ue - Modifiche alle Parti II, III, IV e V del Dlgs 152/2006 ("Codice ambientale")

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte II - Procedure per Via, Vas ed Ippc/Aia

Sentenza Corte di Cassazione 14 marzo 2017, n. 12170

Aia - Inosservanza prescrizioni autorizzazione integrata ambientale - Articolo 29-quattuordecies del Dlgs 152/2006 - Modifiche apportate dal Dlgs 46/2014 - Depenalizzazione - Condizioni - Inosservanza riguardante la gestione rifiuti  - Illecito amministrativo - Esclusione - Permanenza della sanzione penale

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598