News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 13 luglio 2017 - 14:30

Uso letame come combustibile, Ue allarga possibilità

Rifiuti (Normativa Vigente)

(Francesco Petrucci)
Parole chiave Parole chiave: Rifiuti | Recupero energetico / Incenerimento | Rifiuti di origine animale | Sottoprodotti | Sanità / Igiene | Discariche / Smaltimento | Autorizzazioni | Controlli | Concimi / Fertilizzanti | Agricoltura / Allevamento

Uso letame come combustibile, Ue allarga possibilità

Al fine di consentire di usare il letame di qualsiasi animale d'allevamento come combustibile la Commissione Ue ha implementato le disposizioni dettate dal regolamento 142/2011/Ue.

 

Il regolamento 12 luglio 2017, n. 2017/1262/Ue allarga al letame di ogni animale la possibilità di essere usato come combustibile, alle condizioni dettate dal regolamento 142/2011/Ue (uso dei sottoprodotti di origine animale come combustibile). La disciplina previgente disciplinava solo le autorizzazioni relative al letame del pollame. Le novità sono contenute nel nuovo punto C. dell'allegato III dedicato agli impianti di combustione nei quali è utilizzato come combustibile il letame di animali d'allevamento diversi dal pollame.

 

Gli impianti di combustione in cui utilizzare letame di animali di allevamento diversi dal pollame devono avere una potenza termica nominale totale non superiore a 50 MW. Le nuove disposizioni si applicano dal 2 agosto 2017.

documenti di riferimento
Regolamento Commissione Ue 142/2011/Ue

Campioni e articoli non sottoposti a controlli veterinari alla frontiera - Norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale e ai prodotti derivati non destinati al consumo umano

Regolamento Commissione Ue 2017/1262/Ue

Uso del letame di animali di allevamento come combustibile negli impianti di combustione - Modifiche al regolamento 142/2011/Ue sui sottoprodotti di origine animale

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598