News - Aggiornamento normativo

Danno ambientale e bonifiche

Milano, 17 luglio 2017 - 12:33

Danno ambientale, legittima norma nazionale più severa dell'Ue

Danno ambientale e bonifiche (Giurisprudenza)

(Francesco Petrucci)

Non è contraria ai principi della direttiva 2004/35/Ue sul danno ambientale una norma di uno Stato membro che preveda una responsabilità "rafforzata", più severa di quella europea

 

Lo ha disposto la Corte di Giustizia Ue nella sentenza 13 luglio 2017, causa C-129/16 su un inquinamento causato da incenerimento illecito di rifiuti. In risposta alla questione pregiudiziale posta da un Giudice ungherese la Corte Ue ha chiarito la rispondenza ai principi della direttiva 2004/35/Ue in materia di danno ambientale della legge ungherese in materia. Per i Giudici, l'articolo 16 della direttiva 2004/35/Ue autorizza gli Stati membri a disporre misure di tutela "rafforzata" in materia di danno ambientale, come quella della legge in questione che identifica, oltre agli utilizzatori dei fondi su cui è stato generato l'inquinamento illecito, un'altra categoria di persone solidamente responsabili del danno, ossia i proprietari di detti fondi, senza che occorra accertare l'esistenza di un nesso di causalità tra la condotta dei proprietari e il danno constatato.

 

La normativa ungherese prevede che i proprietari di beni immobili per evitare di essere ritenuti solidalmente responsabili, debbano sorvegliare il comportamento degli utilizzatori dei loro beni e segnalarli all'Autorità competente in caso di danno ambientale o minaccia di tale danno. Tale principio, come quello della connessa prevista sanzione per inadempimento, sono in linea con la direttiva 2004/35/Ue rafforzandone il regime di responsabilità.

documenti di riferimento
Sentenza Corte di Giustizia Ue 13 luglio 2017, causa C-129/16

Danno ambientale - Nozione ex articolo 2, Direttiva 2004/35/Ue - Incenerimento rifiuti che cagiona inquinamento dell'aria - Riconduzione nel campo di applicazione della direttiva - Ex Considerando 4 della direttiva - Sussistenza -Responsabilità - Norma nazionale che prevede un regime più severo in materia di responsabilità per danno ambientale - Responsabilità solidale tra utilizzatore del fondo e proprietario - Compatibilità con la direttiva in materia di danno ambientale - Articolo 16, direttiva 2004/35/Ue - Sussistenza

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2004/35/Ce

Responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte VI - Risarcimento del danno ambientale

SPECIALE Codice dell'Ambiente (Dlgs 152/2006)
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598