News - Aggiornamento normativo

Responsabilità 231

Milano, 6 novembre 2017 - 11:29

Responsabilità 231, stretta su Enti che sfruttano immigrazione irregolare

Responsabilità 231 (Normativa Vigente)

(Francesco Petrucci)

Responsabilità 231, stretta su Enti che sfruttano immigrazione irregolare

Le aziende che favoriscono la permanenza di stranieri irregolari rischiano sanzioni ai sensi del Dlgs 231/2001 sulla responsabilità amministrativa della società per reati commessi da dirigenti o dipendenti.

 

Lo ha previsto la legge 17 ottobre 2017, n. 161, in vigore dal 19 novembre 2017, che nel modificare il Codice antimafia ha effettuato anche una modifica all'articolo 25-duodecies del Dlgs 231/2001 introducendo ulteriori "reati presupposto" – oltre a quello già presente – connessi con l'immigrazione clandestina. In particolare, nel caso in cui un soggetto apicale o un dipendente di una società al fine di trarne un profitto ingiusto dalla condizione di illegalità dello straniero ne favorisce la presenza sul territorio dello Stato, e il reato è commesso nell'interesse o a vantaggio dell'Ente, la società rischia una sanzione pecuniaria da cento a duecento quote.

 

Ai sensi del Dlgs 231/2001 l'ente può andare esente da responsabilità per il reato-presupposto commesso dal dirigente apicale o dal dipendente se ha adottato ed efficacemente applicato un modello organizzativo idoneo a prevenire la commissione del reato.

documenti di riferimento
Dlgs 8 giugno 2001, n. 231

Responsabilità amministrativa Organizzazioni collettive - Stralcio (Disciplina generale - Reati ambientali - Violazione norme sicurezza sul lavoro - Altri reati "presupposto" afferenti)

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598