News - Aggiornamento normativo

Via/Vas

Milano, 16 maggio 2018 - 17:45

Via, chiarimenti Ue su costi ricorsi

Via/Vas (Giurisprudenza)

(Alessandro Geremei)

Il requisito di "non eccessiva onerosità" dei ricorsi giurisdizionali in materia di valutazione d'impatto ambientale va applicato anche ai giudizi "preliminari" finalizzati a determinare la proponibilità della causa.

 

A ricordarlo è la Corte di Giustizia Ue (sentenza 15 marzo 2018, causa C‑470/16) che sottolinea come il requisito in questione, sancito dall'articolo 11 della direttiva "Via" 2011/92/Ue, debba essere valutato complessivamente e, quindi, ricomprenda anche le spese dell'autorizzazione preliminare alla proposizione del ricorso eventualmente prevista dall'ordinamento nazionale.

 

Il requisito della "non eccessiva onerosità", precisa inoltre il Giudice, si applica alle sole spese inerenti alla parte del ricorso che si fonda sulla violazione delle norme relative alla partecipazione del pubblico al processo decisionale in materia ambientale.

 

Il requisito rimane inderogabile per gli Stati membri (anche con riferimento alla Convenzione di Aarhus approvata a livello europeo con la decisione 2005/370/Ce) anche nei casi di ricorso ritenuto temerario o vessatorio, o in assenza di un nesso tra l'asserita violazione del diritto ambientale nazionale e un danno all'ambiente.

documenti di riferimento
Sentenza Corte di Giustizia Ue 15 marzo 2018, causa C-470/16

Valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti – Direttiva 2011/92/Ue – Diritto di ricorso dei membri del pubblico interessato – Ricorso prematuro – Nozioni di spese non eccessivamente onerose e di decisioni, atti o omissioni rientranti nelle disposizioni della direttiva sulla partecipazione del pubblico – Applicabilità della convenzione di Aarhus

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2011/92/Ue

Valutazione impatto ambientale di progetti pubblici e privati - Abrogazione della direttiva 85/337/Cee

Decisione Consiglio Ue 2005/370/Ce

Conclusione della Convenzione di Århus sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598