News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 29 maggio 2018 - 15:45

Veicoli fuori uso, macchie olio testimoniano gestione illecita

Rifiuti (Giurisprudenza)

(Alessandro Geremei)

Veicoli fuori uso, macchie olio testimoniano gestione illecita

La presenza di macchie d'olio sul terreno dove sono accatastati gli autoveicoli unita alla verifica "a campione" circa la mancata rimozione di batterie e liquidi sono sufficienti a desumere la mancata bonifica di tutte le auto.

 

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza 23200/2018), sia la circostanza che l'agente accertatore non avesse visto materialmente colare liquidi dai veicoli fuori uso accatastati, sia la mancata ispezione di tutte le carcasse presenti, non rappresentano elementi sufficienti a inficiare la correttezza di una sentenza di condanna per violazione delle prescrizioni stabilite dall'autorizzazione (articolo 256, comma 4, Dlgs 152/2006), quando l'illecito sia stato ritenuto provato dal Giudice di merito sulla base di conclusioni fondate sull'id quod plerumque accidit.

 

La Suprema Corte di Cassazione ha così confermato una sentenza con cui il Tribunale di Mantova ha inflitto 12mila euro di ammenda al titolare di un’impresa autorizzata al recupero di veicoli fuori uso, condannato per aver accatastato numerose autovetture, ancora dotate di batterie e liquidi, in luogo aperto e non impermeabilizzato, come invece prescritto dall'autorizzazione.

 

documenti di riferimento
Regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398

Codice penale - Stralcio - Norme attinenti agli illeciti ambientali e alla sicurezza sul lavoro

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte IV - Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Sentenza Corte di Cassazione 23 maggio 2018, n. 23200

Veicoli fuori uso – Accatastamento in area aperta e non impermeabilizzata – Violazione prescrizioni autorizzazione – Reato – Articolo 256, comma 4, Dlgs 152/2006 – Circostanze da cui desumere la mancata bonifica di tutte le auto – Macchie d'olio sul terreno sottostante – Verifica a campione circa la presenza di batterie e liquidi – Ragionevolezza – Pluralità di carcasse abbandonate – Reiterazione nel tempo della condotta - Non punibilità per tenuità del fatto – Articolo 131-bis, C.p. – Inapplicabilità

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598