News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 9 luglio 2018 - 14:15

Rapporto Ecomafia 2018, il 24% dei reati ambientali nel settore rifiuti

Rifiuti (Documentazione Complementare)

(Redazione Reteambiente)

Rapporto Ecomafia 2018, il 24% dei reati ambientali nel settore rifiuti

Secondo il Rapporto Ecomafia 2018 di Legambiente (Edizioni Ambiente Editore) presentato il 9 luglio 2018 il 24% dei reati ambientali accertati nel 2017 ha riguardato il settore dei rifiuti.

 

Dal Rapporto di Legambiente emerge una crescita degli illeciti ambientali nel 2017 (+18,6% per cento rispetto al 2016) dovuta anche alla sempre più efficace e diffusa applicazione della legge 68/2015 sugli ecoreati nonché alle numerose inchieste sui traffici illegali di rifiuti.

 

E proprio nel settore del traffico illecito di rifiuti (articolo 260, Dlgs 152/2006) si concentra la percentuale più alta di illeciti; tra le tipologie di rifiuti predilette dai trafficanti ci sono i fanghi industriali, le polveri di abbattimento fumi, i Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), i materiali plastici, gli scarti metallici (ferrosi e non), carta e cartone. Più che allo smaltimento vero e proprio è alle finte operazioni di trattamento e riciclo che in generale puntano i trafficanti, sia per ridurre i costi di gestione che per evadere il fisco.

documenti di riferimento
Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte IV - Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

SPECIALE Codice Ambiente (Dlgs 152/2006)
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598