News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 13 luglio 2018 - 15:10

Cassazione su sottoprodotti, regolamento 264/2016 non ha mutato quadro normativo

Rifiuti (Giurisprudenza)

(Alessandro Geremei)

Cassazione su sottoprodotti, regolamento 264/2016 non ha mutato quadro normativo

I criteri indicativi per qualificare i residui di produzione come sottoprodotti, elencati nel Dm 264/2016, non hanno modificato in alcun modo la definizione di sottoprodotto stabilita dal "Codice ambientale".

 

A ricordarlo è la Corte di Cassazione (sentenza 29893/2018) che, sulla base di tale considerazione, ha respinto il motivo di ricorso presentato contro il sequestro cautelare di uno stabilimento, ordinato dal Gip del Tribunale di Mantova con riferimento a reati di gestione non autorizzata di rifiuti (articolo 256, comma 1, Dlgs 152/2006) ed esalazioni moleste (articolo 674, C.p.).

 

La Suprema Corte, dopo aver rilevato l'intervenuto "giudicato cautelare" sulla principale questione giuridica del caso (cioè la qualifica come rifiuti dei sottoprodotti di originale animale che il ricorrente, dopo aver sottoposto a cernita, cedeva a un inceneritore), ha respinto la tesi propugnata in giudizio dal titolare dello stabilimento, secondo il quale la sopravvenuta emanazione del Dm 264/2016 (Regolamento recante criteri indicativi per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti e non come rifiuti) rappresenterebbe un "elemento nuovo" nel quadro normativo, tale da comportare una rivalutazione della interpretazione relativa all'articolo 184-bis (Sottoprodotti) del Dlgs 152/2006, norma di riferimento in materia.

documenti di riferimento
Sentenza Corte di Cassazione 3 luglio 2018, n. 29893

Rifiuti – Sottoprodotti - Definizione ex articolo 184-bis, Dlgs 152/2006 - Criteri indicativi per qualificare residui di produzione – Norme regolamentari ex Dm MinAmbiente 264/2016 – Carattere innovativo - Insussistenza

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte IV - Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Dm Ambiente 13 ottobre 2016, n. 264

Criteri indicativi per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica delle biomasse "residuali" come sottoprodotti e non come rifiuti - Articolo 184-bis comma 2, Dlgs 152/2006

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598