News - Aggiornamento normativo

Imballaggi

Milano, 11 ottobre 2018 - 11:55

Stretta su plastica monouso, passi avanti per direttiva Ue

Imballaggi (Normativa in Cantiere)

(Francesco Petrucci)

Stretta su plastica monouso, passi avanti per direttiva Ue

La Commissione Ambiente del Parlamento Ue ha approvato il 9 ottobre 2018 la proposta di direttiva sulla plastica monouso: obbligo di raccolta del 90% delle bottiglie al 2025.

 

La proposta di direttiva lanciata dalla Commissione Ue il 25 maggio 2018 si muove in diverse direzioni: si va dai divieti di commercializzazione di alcuni prodotti specie quelli che inquinano mari e spiagge (ad esempio cotton fioc, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande e aste per palloncini) agli obiettivi di riduzione del consumo, agli obblighi dei produttori di contribuire a coprire i costi di gestione dei rifiuti e di pulizia dei rifiuti, fino a misure di sensibilizzazione e obiettivi di raccolta per quanto riguarda le bottiglie (gli Stati membri dovranno raccogliere il 90% delle bottiglie entro il 2025).

 

Tra gli emendamenti votati dalla Commissione Ambiente del Parlamento Ue ci sarebbe l'aggiunta tra i prodotti da vietare a decorrere dal 2021 degli imballaggi per alimenti e bevande in polistirene espanso sinterizzato (Eps), dei sacchetti di plastica con uno spessore di parete inferiore a 15 micron e delle confezioni di plastica oxo-degradabili, nonché delle pellicole di pacciamatura. Altri emendamenti mirano ad abbreviare il calendario per ottenere riduzioni significative del consumo di alcuni prodotti in plastica monouso, compresi i filtri di plastica per tabacco. La proposta di direttiva sarà discussa nella prossima riunione dell'assemblea del Parlamento europeo nei giorni 22-25 ottobre 2018.

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598