News - Aggiornamento normativo

Disposizioni trasversali/Aua

Milano, 17 aprile 2019 - 12:31

Segnalazione violazioni ambientali, ok a protezione Ue per whistleblower

Disposizioni trasversali/Aua (Normativa in Cantiere)

(Francesco Petrucci)

Segnalazione violazioni ambientali, ok a protezione Ue per whistleblower

Il 16 aprile 2019 il Parlamento europeo approvato formalmente la proposta di direttiva che protegge chi segnala ("whistleblower"), tra le altre, violazioni di norme di protezione dell'ambiente.

 

La proposta di direttiva — che attende solo il voto formale Consiglio Ue — era stata lanciata dalla Commissione ad aprile 2018 e mira a proteggere i lavoratori che segnalano sia all'interno dell'impresa sia all'esterno (in quest'ultimo caso rivolgendosi a un'Autorità pubblica) le violazioni di norme in vari campi tra cui la sicurezza degli alimenti e dei prodotti, la protezione dell'ambiente e la sicurezza nucleare. Le norme introducono un sistema di canali di comunicazione che consente all'informatore ("whistleblower") di fare la segnalazione in modo sicuro e protetto.

 

Le norme proteggeranno gli informatori dal licenziamento, dalla retrocessione di grado e da altre forme di ritorsione. Previsto inoltre l'obbligo per le Autorità nazionali di informare i cittadini in merito alle procedure di denuncia delle irregolarità e ai meccanismi di protezione disponibili. Gli informatori saranno protetti anche nei procedimenti giudiziari. In caso di imminente o palese pericolo per il pubblico interesse, o se è inutile segnalare il reato all'Autorità (nei casi di collusione), le informazioni potranno essere divulgate all'esterno, ai media. Questa disposizione protegge gli informatori che siano fonte per inchieste giornalistiche.

documenti di riferimento
Proposta di direttiva Ue su protezione dei cd. whistleblower

Presentata dalla Commissione Ue il 23 aprile 2018 - Raggiunto accordo tra le Istituzioni Ue il 12 marzo 2019 - Approvazione formale del Parlamento Ue il 16 aprile 2019

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598