News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 9 maggio 2019 - 15:19

Corte Ue su rifiuti, "piano inceneritori" nazionale andrebbe sottoposto a Vas

Rifiuti (Giurisprudenza)

(Francesco Petrucci)

Corte Ue su rifiuti, "piano inceneritori" nazionale andrebbe sottoposto a Vas

Secondo la sentenza 8/5/2019 della Corte Ue una normativa come quella che ha "mappato" gli impianti di incenerimento (Dpcm 10 agosto 2016) andrebbe sottoposta a valutazione ambientale strategica (Vas).

 

La Corte di Giustizia Ue (sentenza 8 maggio 2019, causa C-305/18) è stata chiamata a rispondere ai dubbi del Giudice italiano nell'ambito di un procedimento per l'annullamento del Dpcm 10 agosto 2016 che ha definito la carenza impiantistica e individuato gli impianti di incenerimento necessari sul territorio nazionale (ai sensi dell'articolo 35 del Dl 133/2014, convertito dalla legge 164/2014, cosiddetto "Sblocca Italia").

 

Rispondendo a due questioni pregiudiziali la Corte ha sottolineato che una norma come il Dpcm 10 agosto 2016 rientrerebbe tra quella tipologia di disposizioni che andrebbero sottoposte a valutazione ambientale strategica ai sensi della direttiva 2001/42/Ce.

 

E questo per due ragioni: da un lato sono soggetti a Vas i Piani e i Programmi la cui adozione sia disciplinata da disposizioni legislative o regolamentari nazionali, le quali determinino le Autorità competenti per adottarli nonché la loro procedura di elaborazione (ed è il caso italiano); dall'altro sono soggetti ad una valutazione ambientale sistematica i Piani e i Programmi elaborati per determinati settori (come quello rifiuti) e che definiscono il quadro di riferimento per l'autorizzazione di progetti sottoposti a Via (come gli inceneritori).

 

Infine la Corte ha "salvato" la norma italiana nella parte in cui dichiara gli impianti di incenerimento come "strutture di interesse strategico nazionale": tale norma è compatibile con la "gerarchia dei rifiuti" ex direttiva 2008/98/Ce.

documenti di riferimento
Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2008/98/Ce

Direttiva relativa ai rifiuti - Abrogazione direttive 75/439/Cee, 91/689/Cee e 2006/12/Ce

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2001/42/Ce

Valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente

Dpcm 10 agosto 2016

Impianti di incenerimento di rifiuti urbani e assimilabili - Individuazione della capacità complessiva di trattamento a livello nazionale e del fabbisogno residuo da coprire

Dl 12 settembre 2014, n. 133

Misure urgenti per apertura cantieri, realizzazione opere pubbliche e emergenza dissesto idrogeologico - Incenerimento rifiuti - (cd. "Sblocca Italia")

Sentenza Corte di Giustizia Ue 8 maggio 2019, causa C-305/18

Rifiuti - Realizzazione di impianti di incenerimento o incremento della capacità degli impianti esistenti - Articolo 35 del Dl 12 settembre 2014, n. 133 convertito dalla legge 11 novembre 2014, n. 164 e Dpcm 10 agosto 2016 - Qualificazione degli impianti di incenerimento dei rifiuti come infrastrutture e insediamenti strategici di preminente interesse nazionale - Contrasto con l'articolo 4 della direttiva 2008/98/Ce sulla gerarchia dei rifiuti - Esclusione - Aumento degli inceneritori e l'incremento di capacità degli impianti esistenti - Sottoposizione a valutazione ambientale strategica - Necessità - Inclusione nella nozione di "piani e programmi" ai sensi della direttiva 2001/42/Ce - Sussistenza

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598