News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 14 giugno 2019 - 11:46

Convertito lo "Sblocca cantieri", tempi ambientali dimezzati per impianti rifiuti

Rifiuti (Normativa in Cantiere)

(Francesco Petrucci)

Convertito lo "Sblocca cantieri", tempi ambientali dimezzati per impianti rifiuti

Gli impianti rifiuti del Lazio e di Roma saranno autorizzati con tempi "ambientali" dimezzati secondo quanto ha previsto il Ddl di conversione del Dl 32/2019 (Sblocca cantieri) approvato il 13 giugno 2019.

 

Tra le disposizioni introdotte dalla legge di conversione del Dl 32/2019 ce ne è una relativa agli impianti connessi alla gestione aerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani (Forsu) e dei rifiuti organici in generale nel Lazio e a Roma. Le autorizzazioni di tali impianti godranno dei tempi dei procedimenti "ambientali" dimezzati e della procedura del "silenzio-assenso" per le autorizzazioni paesaggistiche. Restano fermi i principi della Parte II del Dlgs 152/2006 (Via e Aia).

 

In altre parole il Ddl di conversione estende alle autorizzazioni degli impianti rifiuti nel Lazio e a Roma le semplificazioni "ambientali" già previste dal Dl 32/2019 e che riguardano solo i progetti di interventi infrastrutturali ritenuti dal Governo prioritari e affidati a Commissari straordinari. Una volta nominato il Commissario straordinario, egli avrà il potere di rielaborare e approvare, sbloccandoli, i progetti ancora in attesa. L'approvazione del progetto "copre" tutte le autorizzazioni e nulla osta richiesti, tranne quelli in materia ambientale. Per questi ultimi però i relativi procedimenti godono di tempi dimezzati (pensiamo alla valutazione di impatto ambientale o all'autorizzazione integrata ambientale). Invece per gli atti relativi alla tutela culturale e paesaggistica scatta invece il silenzio-assenso decorsi 60 giorni dalla richiesta.

documenti di riferimento
Dl 18 aprile 2019, n. 32

Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l'accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana - Stralcio - Modifiche al Dlgs 50/2016 (Codice appalti) e al Dlgs 152/2006 (Codice ambientale - Norme sulla cessazione della qualifica di rifiuti - "End of waste") e al Dpr 380/2001 - Disposizioni in materia di terre e rocce da scavo

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte II - Procedure per la Via, la Vas e l'Ippc

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598