News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

Milano, 19 giugno 2019 - 10:15

Da conversione "Sblocca cantieri" tempi ambientali dimezzati per impianti rifiuti

Rifiuti (Normativa Vigente)

(Francesco Petrucci)

Da conversione "Sblocca cantieri" tempi ambientali dimezzati per impianti rifiuti

Gli impianti rifiuti del Lazio e di Roma saranno autorizzati con tempi "ambientali" dimezzati secondo quanto ha previsto la legge 55/2019 di conversione del Dl 32/2019 (Sblocca cantieri).

 

Tra le disposizioni introdotte dalla legge 14 giugno 2019, n. 55 di conversione del Dl 32/2019 ce ne è una relativa agli impianti connessi alla gestione aerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani (Forsu) e dei rifiuti organici in generale nel Lazio e a Roma. Le autorizzazioni di tali impianti godranno dei tempi dei procedimenti "ambientali" dimezzati e della procedura del "silenzio-assenso" per le autorizzazioni paesaggistiche. Restano fermi i principi della Parte II del Dlgs 152/2006 (Via e Aia).

 

In altre parole la legge 14 giugno 2019, n. 55 ha esteso alle autorizzazioni degli impianti rifiuti nel Lazio e a Roma le semplificazioni "ambientali" già previste dal Dl 32/2019 e che riguardano solo i progetti di interventi infrastrutturali ritenuti dal Governo prioritari e affidati a Commissari straordinari. Una volta nominato il Commissario straordinario, egli avrà il potere di rielaborare e approvare, sbloccandoli, i progetti ancora in attesa. L'approvazione del progetto "copre" tutte le autorizzazioni e nulla osta richiesti, tranne quelli in materia ambientale. Per questi ultimi però i relativi procedimenti godono di tempi dimezzati (pensiamo alla valutazione di impatto ambientale o all'autorizzazione integrata ambientale). Invece per gli atti relativi alla tutela culturale e paesaggistica scatta invece il silenzio-assenso decorsi 60 giorni dalla richiesta.

documenti di riferimento
Legge 14 giugno 2019, n. 55

Conversione in legge del decreto-legge 32/2019 (cd. "Sblocca cantieri") - Modifiche al Dlgs 50/2016 (Codice appalti) e Dlgs 152/2006 (Codice ambientale - Norme sulla cessazione della qualifica di rifiuto - "End of waste")

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte II - Procedure per Via, Vas ed Ippc/Aia

Dl 18 aprile 2019, n. 32

Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l'accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana (cd. "Sblocca Cantieri") - Stralcio - Modifiche al Dlgs 50/2016 (Codice appalti) e al Dlgs 152/2006 (Codice ambientale - Norme sulla cessazione della qualifica di rifiuti - "End of waste") e al Dpr 380/2001 - Disposizioni in materia di terre e rocce da scavo

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598