News - Aggiornamento normativo

Sostanze pericolose

Milano, 31 luglio 2019 - 09:28

Import-export sostanze chimiche, Ue prova a fare chiarezza

Sostanze pericolose (Normativa in Cantiere)

(Alessandro Geremei)

Import-export sostanze chimiche, Ue prova a fare chiarezza

La Commissione europea propone di modificare le regole sull'importazione e l'esportazione di alcune sostanze chimiche pericolose per adeguarle all'interpretazione - seppur errata nei presupposti - di autorità e operatori.

 

La proposta di modifica degli allegati I e V del regolamento 649/2012 (Esportazione e importazione di sostanze chimiche pericolose), presentata dall'Esecutivo Ue il 23 luglio 2019, riproduce i contenuti del regolamento 73/2013/Ue con il quale la stessa Commissione aveva riesaminato l'elenco delle sostanze chimiche ai tempi applicabile (regolamento 689/2008/Ce).

 

Tali modifiche, applicabili dal 1° aprile 2013, non erano però state "debitamente rispecchiate" dal regolamento 649/2012/Ue, provvedimento — già in vigore alla data di pubblicazione del regolamento 73/2013/Ue, ma diventato applicabile solo il 1° marzo 2014 – che ha sostituito il regolamento 689/2008/Ce.

 

Le autorità competenti e gli operatori del settore, "in base al presupposto erroneo che il regolamento 649/2012/Ue fosse stato modificato dal regolamento 73/2013/Ue", hanno comunque continuato ad attuare le modifiche in questione (riguardanti una quindicina di sostanze, tra cui l'acetocloro, il flufenoxuron e il bifentrin). Ed è proprio alla luce della situazione di fatto creatasi che la Commissione, al fine di "garantire coerenza e chiarezza giuridica", propone ora di modificare le regole vigenti per conformarle a quanto già previsto dal regolamento del 2013.

documenti di riferimento
Regolamento Parlamento europeo e Consiglio Ue 649/2012/Ue

Import/export sostanze chimiche pericolose - Rifusione ed abrogazione regolamento 689/2008/Ce

SPECIALE Classificazione sostanze e rifiuti
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598