News - Aggiornamento normativo

Territorio

Milano, 18 settembre 2019 - 15:15

Rapporto Ispra 2019 su consumo suolo, cementificazione avanza

Territorio (Documentazione Complementare)

(Maria Letizia Signorini)

Rapporto Ispra 2019 su consumo suolo, cementificazione avanza

Ogni italiano ha in "carico" oltre 380 metri quadri non di superfici verdi, bensì di superfici occupate da cemento, asfalto o altri materiali artificiali, un valore che cresce di quasi 2 metri quadrati ogni anno.

 

Sono i dati 2019 contenuti nel Rapporto Ispra/Snpa sul consumo di suolo in Italia presentato a Roma il 17 settembre 2019. La cementificazione avanza in modo esponenziale soprattutto nelle grandi città, a Roma il consumo di suolo ha fagocitato in un anno 57 ettari di aree verdi e in un anno a Milano la totalità del consumo di suolo ha fatto scomparire 11 ettari di aree verdi. Più della metà delle trasformazioni dell'ultimo anno si devono ai cantieri (2.846 ettari), in gran parte per la realizzazione di nuovi edifici e infrastrutture e quindi destinati a trasformarsi in nuovo consumo permanente e irreversibile. Mentre la popolazione, al contrario, diminuisce.

 

Secondo il Rapporto negli ultimi sei anni l'Italia ha perso superfici che erano in grado di produrre tre milioni di quintali di prodotti agricoli e ventimila quintali di prodotti legnosi, nonché di assicurare lo stoccaggio di due milioni di tonnellate di carbonio e l'infiltrazione di oltre 250 milioni di metri cubi di acqua di pioggia che ora, scorrendo in superficie, non sono più disponibili per la ricarica delle falde aggravando la pericolosità idraulica dei nostri territori.

documenti di riferimento
Rapporto Ispra/Snpa settembre 2019 su consumo di suolo

Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici - Edizione 2019

© Copyright riservato - riproduzione vietata - Edizioni Ambiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598