News - Aggiornamento normativo

Responsabilità 231

Milano, 30 settembre 2019 - 12:11

Responsabilità 231 per violazione norme infortunistiche, basta finalità di risparmio

Responsabilità 231 (Giurisprudenza)

(Francesco Petrucci)

Responsabilità 231 per violazione norme infortunistiche, basta finalità di risparmio

Responsabilità dell'ente ex Dlgs 231/2001 per infortunio del lavoratore in violazione delle norme di sicurezza sul lavoro scatta se condotta è motivata dalla speranza di un risparmio di spesa.

 

La Cassazione (sentenza 27 settembre 2019, n. 39741) ha confermato la condanna ai sensi degli articoli 5 e 25-septies di una impresa della Toscana per il reato di omicidio colposo dei suoi vertici ai danni di un lavoratore in violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro ex Dlgs 81/2008, in particolare per omessa valutazione dei rischi dell'intervento effettuato dal lavoratore. Nei "reati-presupposto" di natura colposa ai sensi del Dlgs 231/2001 connessi alla violazione delle norme antinfortunistiche, la responsabilità della società scatta con la violazione della normativa cautelare (condotta) indipendentemente dalla volizione dell'evento (morte del lavoratore) con lo scopo di conseguire un risparmio di spesa o un altro vantaggio anche se non effettivamente raggiunto.

 

Di fronte alla contestazione degli imputati secondo cui il soggetto cui erano affidati i lavori non era un dipendente ma un artigiano incaricato del lavoro, la Cassazione ha inoltre precisato che ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera a) del Dlgs 81/2008 la nozione di "lavoratore" fa leva sullo svolgimento dell'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione del datore di lavoro indipendentemente dalla tipologia contrattuale. Peraltro il lavoratore infortunato nel caso di specie era formalmente dipendente in quanto la sua qualità di artigiano e lavoratore autonomo celava un rapporto di subordinazione di fatto.

documenti di riferimento
Sentenza Corte di Cassazione 27 settembre 2019, n. 39741

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche - Dlgs 231/2001 - Omicidio colposo per violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro - Responsabilità della società - Articoli 5 e 25-septies, Dlgs 231/2001 - Violazione obblighi di prevenzione - Articolo 96, Dlgs 81/2008 - Interesse o vantaggio dell'ente nei reati colposi - Configurabilità - Violazione sistematica delle norme antifortunistiche con intento di conseguire un risparmio di spesa - Definizione di lavoratore - Articolo 2, comma 1, lettera a), Dlgs 81/2008 - Presupposti - Svolgimento dell'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione del datore di lavoro - Tipologia di rapporto contrattuale - Irrilevanza

Dlgs 8 giugno 2001, n. 231

Responsabilità amministrativa Organizzazioni collettive - Stralcio (Disciplina generale - Reati ambientali - Violazione norme sicurezza sul lavoro - Altri reati "presupposto" afferenti)

Dlgs 9 aprile 2008, n. 81

Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro - Attuazione articolo 1, legge 123/2007 (cd. "Testo unico sulla sicurezza sul lavoro")

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598