Energia

Normativa Vigente

print

Dm Trasporti 26 marzo 2008

Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile - Stralcio

Testo vigente oggi 23/09/2019

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Decreto 26 marzo 2008

(Gu 17 maggio 2008 n. 115)

Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile

Il Ministro delle infrastrutture

Visto il decreto ministeriale 27 dicembre 2001, n. 2522, registrato alla Corte dei Conti — Ufficio di controllo sugli atti dei Ministeri delle infrastrutture ed assetto del territorio — in data 11 aprile 2002, registro n. 1, foglio n. 199, pubblicato nel supplemento ordinario n. 142 alla Gazzetta ufficiale n. 162 del 12 luglio 2002, con il quale, all'articolo 2, comma 1, sono individuate le risorse finanziarie destinate all'attuazione di un programma innovativo in ambito urbano denominato "Contratti di quartiere II";

Visto il decreto ministeriale 30 dicembre 2002, registrato alla Corte dei Conti — Ufficio di controllo sugli atti dei Ministeri delle infrastrutture ed assetto del territorio — il 25 marzo 2003, registro n. 1, foglio n. 215, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 94 del 23 aprile 2003 di modifica del citato decreto ministeriale 27 dicembre 2001, n. 2522 con il quale, tra l'altro, sono state ripartite alle regioni le risorse destinate al programma "Contratti di quartiere II" nonché fissata la contribuzione finanziaria delle regioni e province autonome al programma medesimo;

Visto il decreto ministeriale 21 novembre 2003, registrato alla Corte dei Conti — Ufficio di controllo sugli atti dei Ministeri delle infrastrutture ed assetto del territorio — il 7 gennaio 2004, registro n. 1, foglio n. 180, pubblicato nella Gazzetta ufficiale — serie generale — n. 21 del 27 gennaio 2004, con il quale si è proceduto all'approvazione del secondo bando inteso a consentire l'accesso al programma "Contratti di quartiere II" dei comuni ricadenti nelle Regioni Toscana, Campania e Calabria;

Visto il decreto ministeriale 8 marzo 2006, registrato alla Corte dei Conti — Ufficio di controllo sugli atti dei Ministeri delle infrastrutture ed assetto del territorio — il 10 marzo 2006, registro n. 1, foglio n. 11, pubblicato nella Gazzetta ufficiale — serie generale — n. 61 del 14 marzo 2006, con il quale la disponibilità di euro 311.455.000,00 è stata destinata al "Completamento del programma innovativo in ambito urbano Contratti di quartiere II";

Considerato che il Tar Lazio con sentenza del 5 novembre 2007, resa su ricorso della Regione Umbria, ha annullato il citato decreto ministeriale in data 8 marzo 2006 contenente l'avviso inteso al “Completamento del programma innovativo in ambito urbano Contratti di quartiere II”;

Ravvisata l'opportunità di utilizzare la citata disponibilità di euro 311.455.000,00 per il finanziamento di un programma sperimentale finalizzato a incrementare la disponibilità di alloggi da offrire in locazione a canone sostenibile nonché a migliorare l'equipaggiamento infrastrutturale dei quartieri con presenza di condizioni di forte disagio abitativo;

Ravvisata l'opportunità di operare, a valere sulle sopracitate disponibilità, un accantonamento pari al 10% da ripartire come finanziamento aggiuntivo premiale con modalità che saranno indicate con successivo decreto ministeriale e che pertanto la disponibilità residua da ripartire è pari ad euro 280.309.500,00;

Ritenuto di procedere ad effettuare il riparto tra le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano della disponibilità di euro 280.309.500,00 sulla base dei coefficienti di riparto già utilizzati con il decreto ministeriale 30 dicembre 2002 relativo ai programmi innovativi in ambito urbano denominati "Contratti di quartiere II" pubblicato nella Gazzetta ufficiale 23 aprile 2003, n. 94 e di determinare la quota di cofinanziamento regionale in misura pari al trenta per cento delle risorse statali attribuite a ciascuna regione e la quota di cofinanziamento comunale nella misura pari al 14 per cento del finanziamento complessivo Stato-Regione;

Ravvisata l'opportunità di procedere, in ottemperanza alla citata sentenza del Tar Lazio 5 novembre 2007, all'annullamento del decreto ministeriale 8 marzo 2006 contenente l'avviso inteso al “Completamento del programma innovativo in ambito urbano Contratti di quartiere II” e dei conseguenti provvedimenti amministrativi adottati in attuazione del medesimo;

Vista l'intesa espressa in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 e successive modificazioni, nella seduta del 14 febbraio 2008;

Decreta:

(omissis)

Articolo 7

Caratteristiche dei programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile1

1. I programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile sono predisposti dai Comuni e hanno le seguenti caratteristiche irrinunciabili:

a) conformità agli strumenti urbanistici vigenti o adottati individuando un ambito di intervento all'interno del quale le opere da finanziarie risultino inserite in un sistema di relazioni disciplinato da idoneo piano attuativo (piano di recupero o piano equipollente);

b) ciascuna proposta di intervento potrà essere oggetto di cofinanziamento pubblico (Stato/Regione) fino ad un massimo di 10 milioni di euro;

c) il costo complessivo di ciascun programma non potrà essere inferiore a 1,5 milioni di euro nei Comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti e a non meno di 5 milioni di euro per i Comuni superiore a 15.000 abitanti;

d) gli alloggi da realizzare o da recuperare devono raggiungere un comportamento prestazionale, in termini di rendimento energetico, superiore almeno del 30 per cento di quello previsto dalla vigente normativa. A tal fine andranno ricercate soluzioni progettuali, preferibilmente di tipo passivo e bioclimatico, in grado di limitare il fabbisogno di energia primaria annuo per metro quadro di superficie utile (necessario per riscaldamento, raffrescamento, produzione di acqua calda sanitaria ed illuminazione) di almeno il 30 per cento rispetto ai valori riportati nell'allegato C — numero 1), tabella 1, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, così come modificato dal decreto legislativo 29 dicembre 2006, n. 311.

(omissis)

Note redazionali

1.

La Corte Costituzionale, con sentenza 9 luglio 2009, n. 209 (Gu Prima serie speciale, 15 luglio 2009 n. 28) ha annullato il presente articolo, nella parte in cui si applica alle Province autonome di Trento e di Bolzano.

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598