Sostanze pericolose

Normativa Vigente

print

Ultima versione disponibile al 27/02/2020

Commissione europea

Regolamento 14 agosto 2014, n. 895/2014/Ue

Regolamento recante modifica dell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (Reach)

(Testo rilevante ai fini del See)

 

La Commissione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (Ce) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (Reach), che istituisce un'agenzia europea per le sostanze chimiche, che modifica la direttiva 1999/45/Ce e che abroga il regolamento (Cee) n. 793/93 del Consiglio e il regolamento (Ce) n. 1488/94 della Commissione, nonché la direttiva 76/769/Cee del Consiglio e le direttive della Commissione 91/155/Cee, 93/67/Cee, 93/105/Ce e 2000/21/Ce, in particolare gli articoli 58 e 131,

considerando quanto segue:

(1) La formaldeide, prodotti oligomerici di reazione con l'anilina (Mda tecnico), risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

(2) L'acido arsenico risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1 A) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di detto regolamento.

(3) Il bis(2-metossietil) etere (diglime) risponde ai criteri di classificazione come sostanza tossica per la riproduzione (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera c), di tale regolamento.

(4) Il 1,2-dicloroetano (EDC) risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e risponde pertanto ai criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

La 2,2-dicloro-4,4′-metilendianilina (MOCA) risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

(6) Il tris(cromato) di dicromo risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

(7) Il cromato di stronzio risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

(8) L'idrossiottaossodizincatodicromato di potassio risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1 A) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

(9) L'ottaidrossocromato di pentazinco risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena (categoria 1 A) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera a), di tale regolamento.

(10) Le sostanze sopra menzionate sono state identificate e incluse nell'elenco di sostanze candidate a norma dell'articolo 59 del regolamento (Ce) n. 1907/2006. L'inclusione di tali sostanze nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 è stata inoltre considerata prioritaria dall'Agenzia europea per le sostanze chimiche (in seguito "l'Agenzia") nella sua raccomandazione del 17 gennaio 2013 a norma dell'articolo 58 di tale regolamento. È quindi opportuno includere tali sostanze in detto allegato.

(11) La N,N-dimetilacetammide (DMAC) risponde ai criteri di classificazione come sostanza tossica per la riproduzione (categoria 1B) secondo il regolamento (Ce) n. 1272/2008 e soddisfa pertanto i criteri per l'inclusione nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 di cui all'articolo 57, lettera c), di tale regolamento. È stata inoltre identificata e inclusa nell'elenco di sostanze candidate a norma dell'articolo 59 del regolamento (Ce) n. 1907/2006 e l'inclusione di detta sostanza nell'allegato XIV del medesimo regolamento è stata considerata prioritaria con la raccomandazione dell'Agenzia del 17 gennaio 2013, a norma dell'articolo 58 di tale regolamento. La DMAC possiede proprietà intrinseche simili a quelle dell'N-metil-2-pirrolidone (NMP) ed entrambe le sostanze possono essere considerate come potenziali alternative per alcuni dei loro usi principali. Attualmente la sostanza chimica NMP è oggetto di una procedura di restrizione a norma dell'articolo 69 del regolamento (Ce) n. 1907/2006. In considerazione delle similarità presentate dalle due sostanze per quanto concerne le loro proprietà intrinseche e le loro applicazioni industriali e al fine di assicurarsi che sia garantito un approccio normativo coerente, la Commissione ritiene opportuno rinviare la decisione sull'inclusione della DMAC nell'allegato XIV.

(12) È opportuno specificare nell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 le date entro cui devono pervenire le domande e le date di scadenza di cui all'articolo 58, paragrafo 1, lettera c), punti i) e ii), di tale regolamento.

(13) La raccomandazione dell'Agenzia del 17 gennaio 2013 ha stabilito le date di cui all'articolo 58, paragrafo 1, lettera c), punto ii), del regolamento (Ce) n. 1907/2006, entro cui devono pervenire le domande se il richiedente intende continuare a utilizzare la sostanza o a immetterla sul mercato per determinati usi, per ciascuna delle sostanze figuranti nell'allegato del presente regolamento. Tali date sono state stabilite in base ai tempi ritenuti necessari per la preparazione di una domanda di autorizzazione, tenendo conto delle informazioni disponibili sulle diverse sostanze e delle informazioni ricevute durante la consultazione pubblica svoltasi a norma dell'articolo 58, paragrafo 4, del regolamento (Ce) n. 1907/2006. È stata inoltre presa in considerazione la capacità dell'Agenzia di esaminare le domande entro i termini previsti dal regolamento (Ce) n. 1907/2006, come disposto all'articolo 58, paragrafo 3, di tale regolamento.

(14) Per quanto riguarda il tris(cromato) di dicromo, il cromato di stronzio, l'idrossiottaossodizincatodicromato di potassio e l'ottaidrossocromato di pentazinco, che sono tutti composti del cromo (VI), l'Agenzia ha proposto di fissare la data entro cui devono pervenire le domande a 24 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento. La Commissione ritiene tuttavia che sia opportuno fissare tale data a 35 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento al fine di adeguarsi all'approccio seguito per i sette composti del cromo VI già figuranti alle voci da 16 a 22 dell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006.

(15) Per ciascuna delle sostanze figuranti nell'allegato del presente regolamento è opportuno fissare la data di cui all'articolo 58, paragrafo 1, lettera c), punto i), del regolamento (Ce) n. 1907/2006 a 18 mesi dalla data di cui all'articolo 58, paragrafo 1, lettera c), punto ii), di tale regolamento.

(16) L'articolo 58, paragrafo 1, lettera e), in combinato disposto con l'articolo 58, paragrafo 2, del regolamento (Ce) n. 1907/2006 prevede la possibilità di esenzioni di usi o categorie di usi nei casi in cui la normativa specifica dell'Unione imponga prescrizioni minime connesse alla protezione della salute umana o alla tutela dell'ambiente, che garantiscano un adeguato controllo dei rischi. Alla luce delle informazioni attualmente disponibili non è opportuno stabilire esenzioni fondate su tali disposizioni.

(17) Sulla scorta delle informazioni attualmente disponibili non è opportuno stabilire esenzioni per le attività di ricerca e sviluppo orientate ai prodotti e ai processi.

(18) Sulla scorta delle informazioni attualmente disponibili non è opportuno fissare termini di riesame per alcuni usi.

(19) Il regolamento (Ce) n. 1907/2006 dovrebbe pertanto essere modificato di conseguenza.

(20) Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato istituito a norma dell'articolo 133 del regolamento (Ce) n. 1907/2006,

Ha adottato il presente regolamento:

Articolo 1

L'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 è modificato conformemente all'allegato del presente regolamento.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il terzo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 14 agosto 2014

Allegato

Nella tabella dell'allegato XIV del regolamento (Ce) n. 1907/2006 sono aggiunte le voci seguenti:

 

Voce n.

Sostanza

Proprietà intrinseche di cui all'articolo 57

Disposizioni transitorie

Usi o categorie di usi esentati dall'obbligo di autorizzazione

Termini di riesame

Data entro cui devono pervenire le domande (*)

Data di scadenza (**)

"23.

Formaldeide, prodotti di reazione oligomerica con anilina (Mda tecnico)

N. Ce: 500-036-1

N. Cas: 25214-70-4

Cancerogeno

(categoria 1B)

22 febbraio 2016

22 agosto 2017

24.

Acido arsenico

N. Ce: 231-901-9

N. Cas: 7778-39-4

Cancerogeno

(categoria 1 A)

22 febbraio 2016

22 agosto 2017

25.

Bis(2-metossietil) etere (diglime)

N. Ce: 203-924-4

N. Cas: 111-96-6

Tossico per la riproduzione

(categoria 1B)

22 febbraio 2016

22 agosto 2017

26.

1,2-dicloroetano (EDC)

N. Ce: 203-458-1

N. Cas: 107-06-2

Cancerogeno

(categoria 1B)

22 maggio 2016

22 novembre 2017

27.

2,2′-dicloro-4,4′-metilendianilina (MOCA)

N. Ce: 202-918-9

N. Cas: 101-14-4

Cancerogeno

(categoria 1B)

22 maggio 2016

22 novembre 2017

28.

Tris(cromato) di dicromo

N. Ce: 246-356-2

N. Cas: 24613-89-6

Cancerogeno

(categoria 1B)

22 luglio 2017

22 gennaio 2019

29.

Cromato di stronzio

N. Ce: 232-142-6

N. Cas: 7789-06-2

Cancerogeno

(categoria 1B)

22 luglio 2017

22 gennaio 2019

30.

Idrossiottaossodizincatodicromato di potassio

N. Ce: 234-329-8

N. Cas: 11103-86-9

Cancerogeno

(categoria 1 A)

22 luglio 2017

22 gennaio 2019

31.

Ottaidrossocromato di pentazinco

N. Ce: 256-418-0

N. Cas: 49663-84-5

Cancerogeno

(categoria 1 A)

22 luglio 2017

22 gennaio 2019

—"

(*) Data di cui all'articolo 58, paragrafo 1, lettera c), punto ii), del regolamento (Ce) n. 1907/2006.

(**) Data di cui all'articolo 58, paragrafo 1, lettera c), punto i), del regolamento (Ce) n. 1907/2006.

 

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598