Documento disponibile ai soli utenti abbonati

Per poter consultare questo documento è necessario disporre del servizio on line Osservatorio di normativa ambientale.

Se siete abbonati, fate login per farvi riconoscere dal sistema e accedere al documento.

Per informazioni sul servizio Osservatorio di normativa ambientale

Dal 1° giugno 2015 hanno piena e diretta efficacia sul piano nazionale la decisione 2014/995/Ue ed il regolamento Ue n. 1357/2014 recanti, rispettivamente il neo Elenco europeo dei rifiuti e le rinnovate regole per l’attribuzione delle caratteristiche di pericolo ai rifiuti.
Alla luce di quanto premesso, si ritiene utile sottolineare che dallo stesso 1° giugno 2015, in assenza di un intervento del Legislatore nazionale che armonizzi l'Ordinamento interno alle ultime e citate regole Ue sulla CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI:
- per l'"Elenco Ue dei rifiuti" si deve far riferimento all’ultima versione della decisione 2000/532/Ce (come modificata dalla decisione 2014/995/Ce), le cui disposizioni prevalgono su quelle ex allegato D, Parte Quarta, Dlgs 152/2006;
- per le "Caratteristiche di pericolo dei rifiuti" si deve fare riferimento al nuovo allegato III alla direttiva 2008/98/Ce (come modificato dal regolamento 1357/2014), le cui previsioni prevalgono sulle analoghe regole ex allegato I alla Parte Quarta, Dlgs 152/2006.

Attenzione: la sostituzione degli articoli 188, 189, 190 e 193 del Dlgs 152/2006 e l'inserimento dei nuovi articoli 188-bis e 188-ter, previsti dall'articolo 16 del Dlgs 3 dicembre 2010, n. 205 (poi integrato dal Dlgs 121/2011 e dalla legge 125/2013), sono da considerarsi tecnicamente in vigore dal 31 ottobre 2013, ossia dal giorno di inizio dell'efficacia della legge di conversione del Dl 101/2013 (legge 125/2013). Tuttavia, in base all'articolo 11 del Dl 101/2013 (come modificato dall'articolo 10, comma 3-bis, Dl 150/2013, in vigore dal 1° marzo 2014, e successivamente dall'articolo 9, comma 3, Dl 192/2014, in vigore dal 31 dicembre 2014), fino al 31 dicembre 2015 continuano comunque ad applicarsi gli articoli 188, 189, 190 e 193 del Dlgs 152/2006 "nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205".

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale - Stralcio - Parte IV - Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Parole chiave Parole chiave: Rifiuti | Albo gestori ambientali | Terre e rocce da scavo | Controlli | Rifiuti urbani | Discariche / Smaltimento | Stoccaggio | Recupero / Riciclo / Riuso | Sanzioni | Rifiuti pericolosi | Imballaggi | Recupero energetico / Incenerimento | Danno ambientale e bonifiche | Raccolta / Trasporto | Tarsu/Tia/Tares | Sottoprodotti | Impianti | Limiti / Soglie | Consorzi | End of waste / Mps | Territorio | Autorizzazioni | Procedure semplificate | Industria | Carta | Plastica | Acciaio e metalli ferrosi | Vetro | Pneumatici fuori uso (Pfu)

Questo provvedimento è stato modificato da:

Questo provvedimento reca modifiche a:

Questo provvedimento abroga:

Costituiscono atti attuativi del presente provvedimento:

Questo provvedimento attua quanto previsto da:

Sono atti correlati al presente provvedimento:


Versione coordinata con modifiche. Testo vigente oggi 08/07/2015