Rumore

Giurisprudenza

print

Sentenza Corte di Cassazione 27 marzo 2015, n. 13008

Inquinamento acustico - Immissioni intollerabili - Articolo 659, C.p. - Esercizi commmerciali - Mancato esercizio del potere di controllo - Idoneità della condotta ad arrecare disturbo - Sufficiente

La presente pronuncia è correlata ai seguenti provvedimenti

Altre pronunce sullo stesso argomento

  • Sentenza Corte di Cassazione 5 marzo 2019, n. 9699

    Rumore - Emissioni rumorose - Responsabilità penale - Articolo 659, Codice penale - Integrazione del reato - Idoneità della condotta ad arrecare disturbo a un indeterminato numero di persone - Prova dell'effettivo disturbo delle stesse - Necessità - Insussistenza - Apprezzamento del Giudice della sussistenza dell'oggettivo disturbo delle persone - Elementi probatori - Indagini tecniche - Obbligo - Insussistenza - Altri elementi probatori - Dichiarazioni testimoniali – Sufficienza

  • Sentenza Corte di Cassazione 7 gennaio 2019, n. 349

    Rumore - Emissioni rumorose - Configurabilità dell'illecito amministrativo - Articolo 10, legge 447/1995 - Condizioni - Mero superamento dei limiti di emissione fissati dalle disposizioni in materia - Sussistenza - Illecito penale - Articolo 659, Codice penale - Configurabilità - Attività svolta eccedendo le normali modalità di esercizio turbando la pubblica quiete o violazione di disposizioni di legge o dell'Autorità diverse da quelle relative ai valori limite di emissione

  • Sentenza Corte di Cassazione 30 agosto 2018, n. 39261

    Rumore - Esercizio di attività rumorose - Disturbo della quiete delle persone - Articolo 659, comma 2, Codice penale - Configurabilità - Esercizio del mestiere eccedendo le normali modalità di esercizio - Responsabilità penale - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 4 settembre 2017, n. 39883

    Rumore - Emissioni rumorose - Impianto di condizionamento d'aria di un albergo - Disturbo della quiete e riposo delle persone - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Illecito penale - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 16 giugno 2017, n. 30189

    Rumore - Attività commerciali - Rumori recanti disturbo al riposo delle persone - Articolo 659, Codice penale - Obbligo del gestore di impedire gli schiamazzi degli avventore davanti al locale - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 9 giugno 2017, n. 28671

    Rumore - Emissioni rumorose - Impianto di trattamento aria sopra il tetto di un albergo - Esercizio del mestiere che eccede le normali modalità arrecando disturbo alle persone - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Configurabilità - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 13 marzo 2017, n. 11913

    Rumore - Disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone - Articolo 659, comma 2, del Codice penale - Esercizio di attività rumorosa - Lavanderia a gettone - Configurabilità dell'illecito - Violazione delle prescrizioni del regolamento di polizia urbana - Sussistenza - Intervenuta depenalizzazione - Dlgs 8/2016 - Esclusione

  • Sentenza Corte di Cassazione 7 febbraio 2017, n. 5613

    Rumore - Emissioni rumorose - Disturbo della quiete e riposo delle persone - Articolo 674 del Codice penale - Configurabilità del reato - Idoneità della condotta a disturbare un numero indeterminato di persone - Sufficienza - Prova dell'attitudine del rumore a disturbare le persone - Accertamenti tecnici - Necessità - Esclusione

  • Sentenza Corte di Cassazione 15 dicembre 2016, n. 53102

    Rumore - Disturbo alle occupazioni o al riposo delle persone - Articolo 659, C.p. - Configurabilità - Responsabilità genitoriale per danno cagionato da figli minorenni - Articolo 2048, C.c. - Mancata sorveglianza - Concorso nel reato - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 6 ottobre 2016, n. 42063

    Rumore - Esercizio pubblico - Emissioni rumorose - Disturbo del riposo delle persone - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Configurabilità - Esercizio smodato del mestiere - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 29 settembre 2016, n. 40689

    Rumore - Disturbo alle occupazioni o al riposo delle persone - Articolo 659, Codice penale - Configurabilità - Disturbo potenzialmente idoneo a essere sentito da un numero indeterminato di persone - Necessità - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 24 agosto 2016, n. 35422

    Rumore - Attività produttiva - Emissioni rumorose - Articolo 659, Codice penale - Concorso formale del reato previsto dal primo comma e di quello previsto dal secondo comma - Possibilità - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 20 giugno 2016, n. 25424

    Rumore - Emissioni rumorose da attività produttiva - Articolo 659, comma 2, Codice penale - Rilevanza penale della condotta - Idoneità a turbare l'altrui pubblica tranquillità - Sussistenza - Idoneità del rumore a turbare una platea diffusa di soggetti - Necessità

  • Sentenza Cassazione 14 marzo 2016, n. 10478

    Rumore - Immissioni sonore illecite - Rilevanza civilistica e penalistica - Confini - Disturbo a numero indeterminato di persone: applicazione articolo 659, comma 1, Codice penale - Disturbo a singoli individui: applicazione articolo 844 Codice civile

  • Sentenza Corte di Cassazione 26 febbraio 2016, n. 7877

    Rumore - Emissioni intollerabili  - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Accertamento tramite dichiarazioni testimoniali - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 9 dicembre 2015, n. 48460

    Rumore - Disturbo al riposo delle persone - Articolo 659 del Codice penale - Superamento della normale tollerabilità - Accertamento - Attraverso perizie o consulenze tecniche - Necessità - Esclusione - Valutazione di ogni elemento probatorio

  • Sentenza Corte di Cassazione 15 settembre 2015, n. 37097

    Rumore - Emissioni rumorose da attività produttiva - Articolo 659, Codice penale - Accertamento della sussistenza del reato - Ricorso esclusivo ad accertamenti tecnici - Esclusione - Dimostrazione con qualunque mezzo di prova - Legittimità - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 18 agosto 2015, n. 34920

    Rumore - Esercizio commerciale autorizzato all'uso di strumenti musicali e di diffusione sonora - Qualificazione - Mestiere rumoroso - Disturbo del riposo delle persone - Articolo 659, comma 2, Codice penale - Configurabilità - Esclusione - Superamento limiti massimi o differenziali - Illecito amministrativo

  • Sentenza Corte di Cassazione 29 maggio 2015, n. 23235

    Rumore - Disturbo al riposo delle persone - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Attività produttiva - Condizioni - Esercizio smodato del mestiere rumoroso - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 16 marzo 2015, n. 11031

    Inquinamento acustico - Attività rumorose - Sanzionabilità - Articolo 659, commi 1 e 2, Codice penale - Articolo 10, Legge 447/1995 – Differenza tra discipline

  • Sentenza Corte di Cassazione 25 febbraio 2015, n. 8351

    Rumore - Disturbo al riposo delle persone - Articolo 659, Codice penale - Consumazione del reato - Realizzazione anche con una sola condotta - Sufficienza

  • Sentenza Corte di Cassazione 23 febbraio 2015, n. 7912

    Rumore - Attività produttiva rumorosa - Reato ex articolo 659, comma 2, Codice penale - Condizioni - Esorbitanza del rumore rispetto alle previsioni di legge o prescrizioni dell’Autorità - Mero superamento dei limiti massimi o differenziali - Reato penale - Esclusione - Illecito amministrativo

  • Sentenza Corte di Cassazione 9 febbraio 2015, n. 5735

    Rumore - Attività produttiva rumorosa - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Turbamento della quiete - Configurabilità - Uso smodato dei mezzi tipici di esercizio dell’attività rumorosa - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 5 marzo 2015, n. 9633

    Rumore - Locale pubblico - Disturbo del riposo delle persone - Articolo 659, Codice penale - Responsabilità del gestore - Configurabilità - Omesso controllo - Necessità

  • Sentenza Corte di Cassazione 9 ottobre 2014, n. 42026

    Rumore - Immissioni rumorose da attività produttiva - Articolo 659, comma 2, Codice penale - Configurabilità - Mero superamento limiti massimi e differenziali fissati dalle leggi - Insufficienza

  • Sentenza Corte di Cassazione 9 ottobre 2014, n. 41992

    Rumore - Immissioni rumorose - Disturbo alla quiete delle persone - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Rumore proveniente da un bar - Immissioni non connesse all'attività - Illecito penale - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 30 settembre 2014, n. 40329

    Rumore - Disturbo intollerabile quiete delle persone - Articolo 659, Codice penale - Configurabilità - Valutazione emissione sonora in rapporto alla media sensibilità del gruppo sociale in cui essa si verifica - Lamentele di una o più persone - Insufficienza

  • Sentenza Corte di Cassazione 5 settembre 2014, n. 37196

    Rumore - Locale pubblico - Disturbo del riposo delle persone - Articolo 659, Codice penale - Responsabilità del gestore - Configurabilità - Omesso controllo - Necessità

  • Sentenza Corte di Cassazione 5 settembre 2014, n. 37184

    Rumore - Esercizio di attività produttiva - Emissioni sonore - Superamento limiti di legge - Reato ex articolo 659, comma 2, Codice penale - Configurabilità - Parziale depenalizzazione - Articolo 10, legge 447/1995 - Non sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 24 giugno 2014, n. 27434

    Rumore - Emissioni sonore - Disturbo quiete pubblica - Superamento normale tollerabilità - Idoneità potenziale al disturbo delle quiete di un numero indeterminato di persone - Sufficienza

  • Sentenza Corte di Cassazione 16 giugno 2014, n 25732

    Rumore - Rumori molesti - Disturbo quiete delle persone - Articolo 659, comma 1, Codice penale - Configurazione - Accertamento in concreto dell'avvenuto disturbo -Necessità

  • Sentenza Corte di Cassazione 14 marzo 2014, n. 12274

    Rumore - Emissioni rumorose notturne - Derivanti da attività produttiva - Abuso di strumenti di lavoro - Responsabilità penale - Sussistenza

  • Sentenza Corte di Cassazione 8 luglio 2013, n. 28874

    Rumore - Inquinamento acustico - Condizionatore posto nell'impresa - Superamento tollerabilità emissioni sonore - Disturbo pubblica quiete - Reato penale (articolo 659, comma 1) - Sussiste

  • Sentenza Corte di Cassazione 11 giugno 2013, n. 25601

    Rumore - Esercizi pubblici - Emissioni sonore - Superamento limiti massimi (Dpcm 14 novembre 1997) - Reato penale (articolo 659, C.p.) - Esclusione

  • Sentenza Corte di Cassazione 5 settembre 2011, n. 33072

    Rumore - Attività e professioni che arrecano disturbo - Sanzione prevista - Reato - Non sussiste - Illecito amministrativo - Sussiste

  • Sentenza Corte di Cassazione 19 gennaio 2007, n. 1561

    Disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone - Fattispecie di cui al comma secondo dell'articolo 659 C.p. - Rapporto di specialità con l'illecito amministrativo di cui all'articolo 10, comma 2 legge 447/1995 - Esclusione - Ragioni - Fattispecie

  • Sentenza Corte di Cassazione 5 luglio 2006, n. 23130

    Attività professionali regolarmente autorizzate che provocano disturbo alle occupazioni ed alle persone - Articolo 659, comma 1, C.p. - Applicabilità

  • Sentenza Corte di Cassazione 3 maggio 2006, n. 15346

    Articolo 659 C.p. - Reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Responsabilità del gestore di un bar - Schiamazzi e rumori provocati dagli avventori - Sussiste

  • Sentenza Corte di Cassazione 23 settembre 2005, n. 34240

    Inquinamento acustico - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Reato ex articolo 659 del Codice penale - Installazione di un condizionatore rumoroso - Integra

  • Sentenza Corte di Cassazione 17 giugno 2005, n. 23072

    Inquinamento acustico - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Reato ex articolo 659 del Codice penale - Legge quadro sul rumore 447/1995 - Rapporto tra le norme - Principo di legalità formale

  • Sentenza Corte di Cassazione 24 novembre 2004, n. 45484

    Rumori provocati dagli avventori fuori dal locale - Gestore del pub - Anche in presenza di autorizzazione all'esercizio di attività rumorosa - Obbligo di rispettare le norme specifiche del Codice penale - Sussiste

  • Sentenza Corte di Cassazione 3 giugno 2004, n. 25103

    Inquinamento acustico - Superamento dei valori-limite di rumorosità prodotta nell'attività di esercizio di una discoteca - Fattispecie di reato di cui all'articolo 659, comma 2 C.p.p. - Integra

  • Sentenza Corte di Cassazione 9 aprile 2003, n. 16686

    Articolo 659 C.p. - Reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - responsabilità del gestore di un bar - Schiamazzi e rumori provocati dagli avventori - Sussiste

  • Sentenza Corte di Cassazione 19 dicembre 2002, n. 43202

    Superamento dei valori-limite di rumorosità imposti dalla normativa vigente - Applicabilità dell'articolo 659 del Codice penale - Non sussiste


Corte di Cassazione

Sentenza 27 marzo 2015, n. 13008

 

Repubblica italiana

In nome del popolo italiano

 

La Corte Suprema di Cassazione

Sezione Terza penale

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

(omissis)

ha pronunciato la seguente:

 

Sentenza

sul ricorso proposto da:

(omissis)

nei confronti di:

(omissis)(omissis) (parti civili);

avverso la sentenza del Tribunale di Paola del 10 dicembre 2013;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal consigliere (omissis) ;

udito  il  pubblico  ministero, in persona del sostituto  procuratore generale Dott. (omissis), che ha  concluso  per l'inammissibilità del ricorso;

udita,  per  le  parti civili, l'avv. (omissis) , che  ha  depositato conclusioni scritte e nota spese.              

 

Fatto

Ritenuto in fatto

1. — Con sentenza del 10 dicembre 2013, il Tribunale di Paola ha condannato l'imputato alla pena della ammenda, oltre che al risarcimento del danno nei confronti delle parti civili, da liquidarsi in separato giudizio, per il reato di cui all'articolo 659 C.p., comma 1, per avere, quale gestore di un circolo ricreativo, provocato disturbo alla quiete pubblica, in particolare con schiamazzi e urla notturne degli avventori del locale, anche a seguito dell'occupazione abusiva della via pubblica, con tavolini e sedie, in violazione del Dm 564/1992.

2. — Avverso la sentenza l'imputato ha proposto, tramite il difensore, ricorso per cassazione, deducendo, con un unico motivo di doglianza, l'erronea applicazione della disposizione incriminatrice, nonchè la manifesta illogicità della motivazione quanto alla prova della propagazione rumorosa. Non si sarebbe considerato che nel caso di specie i rumori in ipotesi prodotti avevano avuto una portata circoscritta, avendo l'evento disturbato solo due soggetti che abitavano vicino. Nè vi sarebbe prova della violazione della soglia di normale tollerabilità, in mancanza di provvedimenti amministrativi che stabilissero le modalità spaziali e temporali dell'attività del circolo ricreativo. Non vi sarebbero, inoltre, elementi di prova diversi da delle testimonianze dei due soggetti danneggiati.

 

Diritto

Considerato in diritto

3. — Il ricorso è inammissibile.

Esso è, infatti, sostanzialmente diretto ad ottenere da questa Corte una rivalutazione del merito della responsabilità penale;

rivalutazione preclusa in sede di legittimità e non contiene puntuali critiche all'ampia motivazione della sentenza impugnata, in punto di idoneità dei rumori provocati a disturbare la quiete pubblica e in punto di prova.

3.1. — Devono essere preliminarmente richiamati i principi già affermati dalla giurisprudenza di questa Corte in relazione alla configurabilità di una responsabilità del gestore del locale ex articolo 659 C.p., comma 1, per gli schiamazzi posti in essere dagli avventori del locale stesso, con disturbo delle persone.

3.1.1. — Va premesso che l'elemento che differenzia tra loro le due autonome fattispecie configurate dall'articolo 659 C.p., è rappresentato dalla fonte del rumore prodotto: ove esso provenga dall'esercizio di una professione o di un mestiere rumorosi, la condotta rientra nella previsione del secondo comma, del citato articolo per il semplice fatto della esorbitanza rispetto alle disposizioni di legge o alle prescrizioni dell'autorità, presumendosi la turbativa della pubblica tranquillità; qualora, invece, le vibrazioni sonore non siano causate dall'esercizio dell'attività lavorativa, ricorre l'ipotesi di cui all'articolo 659 C.p., comma 1, per la quale occorre che i rumori superino la normale tollerabilità e investano un numero indeterminato di persone, disturbando le loro occupazioni o il loro riposo (ex plurimis, Cass. pen. Sez. III, 3 luglio 2014, n. 37196).

Perchè sussista la rilevanza penale ex articolo 659 C.p., della condotta produttiva di rumori, censurati come fonte di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, è richiesta l'incidenza sulla tranquillità pubblica, in quanto l'interesse tutelato dal Legislatore è la pubblica quiete, sicchè i rumori debbono avere una tale diffusività che l'evento disturbo sia potenzialmente idoneo ad essere risentito da un numero indeterminato di persone, pur se poi concretamente solo taluna se ne possa lamentare (ex plurimis, Sez. I, 29 novembre 2011, n. 47298).

3.1.2. — La giurisprudenza di questa Corte ha inoltre affermato che il gestore di un esercizio commerciale è responsabile del reato di cui all'articolo 659 C.p., comma 1, per i continui schiamazzi e rumori provocati dagli avventori dello stesso, con disturbo delle persone.

Infatti la qualità di titolare della gestione dell'esercizio pubblico comporta l'assunzione dell'obbligo giuridico di controllare che la frequentazione del locale da parte dei clienti non sfoci in condotte contrastanti con le norme concernenti la polizia di sicurezza (Sez. I, 28 febbraio 2003, n. 16886; Sez. I, 27 marzo 2008, n. 17779; Sez. I, 30 settembre 2009, n. 40004). E perchè l'evento possa essere addebitato al gestore dell'esercizio commerciale è necessario che esso sia riconducibile al mancato esercizio del potere di controllo e sia quindi collegato da nesso di causalità con tale omissione. In altri termini, laddove gli schiamazzi o i rumori avvengano all'interno dell'esercizio, non c'è dubbio che il gestore abbia la possibilità di assolvere l'obbligo di controllo degli avventori, impedendo loro comportamenti che si pongano in contrasto con le norme di polizia di sicurezza. Si è così ritenuto che risponda del reato di cui all'articolo 659 C.p., il gestore di un locale pubblico che ometta di ricorrere ai vari mezzi offerti dall'ordinamento (come l'attuazione dello ius excludendi o il ricorso all'autorità) per evitare che la frequentazione del locale da parte degli utenti sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell'ordine e della tranquillità pubblica (Sez. VI, 24 maggio 1993, n. 7980; Sez. I, 3 dicembre 2008, n. 48122). Se, invece, il disturbo del riposo e delle occupazioni da parte degli avventori dell'esercizio pubblico avvenga all'esterno del locale, per poter configurare la responsabilità del gestore è necessario provare che egli non abbia esercitato il potere di controllo e che a tale omissione sia riconducibile la verificazione dell'evento.

3.2. — Venendo al caso di specie, deve rilevarsi che — contrariamente a quanto affermato dal ricorrente — il Tribunale ha correttamente ritenuto sussistente la responsabilità del gestore del circolo, non essendosi questo adoperato minimamente per evitare gli schiamazzi degli avventori; schiamazzi che erano stati posti in essere dagli stessi avventori nell'ambito del circolo, ovvero sia all'interno dei suoi locali, sia all'esterno, utilizzando le strutture che erano state abusivamente poste dall'imputato sul marciapiede per le consumazioni dei clienti.

E lo stesso Tribunale ha ritenuto sussistente la responsabilità penale non solo sulla base delle testimonianze dei soggetti danneggiati, pur circostanziate e articolate in relazione alla descrizione del disturbo provocato alla quiete pubblica, ma anche sulla base degli esiti dei sopralluoghi condotti dai carabinieri, dai quali era emerso, appunto, che il locale, formalmente adibito a circolo privato, aveva invece abusivamente aperto un accesso diretto alla via pubblica ed aveva abusivamente occupato con tavolini il marciapiede antistante, procedendo, del pari abusivamente, alla somministrazione di alimenti e bevande all'esterno della struttura.

Gli stessi carabinieri — e la circostanza non è menzionata neanche a fini di critica nel ricorso — avevano poi direttamente accertato che sul marciapiede antistante i locali erano presenti circa venticinque avventori del locale stesso e che l'attività del circolo si protraeva spesso fino a notte inoltrata; analoghi riscontri erano stati effettuati dalla polizia municipale (pagg. 3 e 4 della sentenza impugnata).

Tale essendo l'univoco quadro probatorio, il Tribunale ha correttamente richiamato l'interpretazione dell'articolo 659 C.p., comma 1, costantemente adottata in sede di legittimità, secondo cui, per l'integrazione di detta fattispecie, è sufficiente l'idoneità della condotta ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato dì persone — ampiamente riscontrata nel caso di specie — non occorrendo l'effettivo disturbo alle stesse (ex plurimis, Sez. I, 24 gennaio 2012, n. 7748, Rv. 252075), nè la prova del superamento dei valori limite fissati per le emissioni sonore dalla normativa a tutela dell'ambiente.

4. — Il ricorso, conseguentemente, deve essere dichiarato inammissibile. Tenuto conto della sentenza 13 giugno 2000, n. 186, della Corte costituzionale e rilevato che, nella fattispecie, non sussistono elementi per ritenere che "la parte abbia proposto il ricorso senza versare in colpa nella determinazione della causa di inammissibilità", alla declaratoria dell'inammissibilità medesima consegue, a norma dell'articolo 616 C.p.p., l'onere delle spese del procedimento nonchè quello del versamento della somma, in favore della Cassa delle ammende, equitativamente fissata in Euro 1.000,00.

In considerazione della sua totale soccombenza, il ricorrente deve essere anche condannato al rimborso, in favore delle parti civili costituite (omissis) e (omissis) , delle spese sostenute nel presente grado di giudizio, da liquidarsi in complessivi Euro 3000,00, oltre accessori di legge.

 

PQM

 

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 1.000,00 in favore della Cassa delle ammende, nonché al rimborso, in favore delle parti civili (omissis) e (omissis), delle spese del grado, che liquida in complessivi Euro 3000,00, oltre agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 18 dicembre 2014.

 

Depositato in Cancelleria il 27 marzo 2015

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598