Sostanze pericolose

Normativa Vigente

print

Regolamento Commissione Ue 2016/918/Ue

Classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele - Adeguamento al progresso tecnico e scientifico - Modifica del regolamento 1272/2008/Ce

Testo vigente oggi 18/09/2019

Commissione europea

Regolamento19 maggio 2016, n. 2016/918/Ue

(Guue 14 giugno 2016 n. L 156)

Regolamento recante modifica, ai fini dell'adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento (Ce) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele

(Testo rilevante ai fini del See)

La Commissione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (Ce) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele, in particolare l'articolo 53, paragrafo 1,

considerando quanto segue:

(1) Il regolamento (Ce) n. 1272/2008 armonizza le disposizioni e i criteri relativi alla classificazione e all'etichettatura delle sostanze, delle miscele e di taluni articoli specifici all'interno dell'Unione.

(2) Il regolamento tiene conto del Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche (Globally Harmonised System of Classification and Labelling of Chemicals, "Ghs") delle Nazioni Unite.

(3) I criteri di classificazione e le norme relative all'etichettatura del Ghs vengono rivisti periodicamente a livello dell'Onu. La quinta edizione riveduta del Ghs è il risultato delle modifiche adottate nel dicembre 2012 dal Comitato di esperti delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose e sul sistema mondiale armonizzato di classificazione e di etichettatura dei prodotti chimici. Essa reca modifiche riguardanti, tra l'altro, un nuovo metodo alternativo di classificazione dei solidi comburenti, una modifica delle disposizioni sulla classificazione per le classi di pericolo di corrosione/irritazione della pelle e di gravi lesioni/irritazioni oculari e gli aerosol. Modifica inoltre diversi consigli di prudenza e cambia l'ordine di alcuni di essi, sopprimendone la voce e inserendola separatamente in una nuova posizione. È dunque necessario adeguare le disposizioni tecniche e i criteri degli allegati del regolamento (Ce) n. 1272/2008 alla quinta edizione riveduta del Ghs.

(4) In seguito alla quarta revisione del Ghs, il regolamento (Ue) n. 487/2013 della Commissione ha introdotto una deroga all'etichettatura per le sostanze o le miscele classificate come corrosive per i metalli, ma non classificate per la corrosione della pelle o per gravi lesioni oculari. Sebbene sia opportuno mantenere invariato il contenuto della deroga, bisognerebbe formulare in modo più preciso i pericoli oggetto della stessa.

(5) È opportuno evitare la ridondanza nell'etichettatura delle miscele contenenti isocianati e alcuni componenti epossidici, pur mantenendo le informazioni specifiche tradizionali e ben note sulla presenza di queste sostanze particolarmente sensibilizzanti. L'indicazione di pericolo EUH208 non dovrebbe dunque essere obbligatoria se una miscela è già etichettata in conformità alle indicazioni di pericolo EUH204 e EUH205.

(6) Per dare ai fornitori di sostanze e miscele il tempo di adeguarsi alle nuove disposizioni sulla classificazione e l'etichettatura introdotte con il presente regolamento, è opportuno prevedere un periodo transitorio e differire l'applicazione del regolamento. In tal modo si offrirebbe la possibilità di applicare le disposizioni del presente regolamento su base volontaria prima del termine del periodo transitorio.

(7) Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato istituito dall'articolo 133 del regolamento (Ce) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio,

Ha adottato il presente regolamento:

Articolo 1

Il regolamento (Ce) n. 1272/2008 è così modificato:

(1) all'articolo 23, la lettera f) è sostituita dalla seguente:

"f) sostanze o miscele classificate come corrosive per i metalli, ma non classificate per la corrosione della pelle o per gravi lesioni oculari (categoria 1)."

(2) L'allegato I è modificato in conformità all'allegato I del presente regolamento.

(3) L'allegato II è modificato in conformità all'allegato II del presente regolamento.

(4) L'allegato III è modificato in conformità all'allegato III del presente regolamento.

(5) L'allegato IV è modificato in conformità all'allegato IV del presente regolamento.

(6) L'allegato V è modificato in conformità all'allegato V del presente regolamento.

(7) L'allegato VI è modificato in conformità all'allegato VI del presente regolamento.

(8) L'allegato VII è modificato in conformità all'allegato VII del presente regolamento.

Articolo 2

In deroga all'articolo 3, le sostanze e le miscele possono, prima del 1° febbraio 2018, essere classificate, etichettate ed imballate in conformità al regolamento (Ce) n. 1272/2008 modificato dal presente regolamento.

In deroga all'articolo 3, per le sostanze e le miscele classificate, etichettate ed imballate in conformità al regolamento (Ce) n. 1272/2008 e immesse sul mercato prima del 1° febbraio 2018 l'obbligo di rietichettatura e di reimballaggio in conformità al presente regolamento non si applica prima del 1° febbraio 2020.

Articolo 3

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento si applica a decorrere dal 1° febbraio 2018.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 19 maggio 2016

Allegato I

L'allegato I del regolamento (Ce) n. 1272/2008 è così modificato:

A. La parte 1 è così modificata:

(1) il titolo del punto 1.1.3.4 è sostituito dal seguente:

"1.1.3.4 Interpolazione all'interno di una categoria di pericolo"

 

(2) il punto 1.3.6. è sostituito dal seguente:

"1.3.6    Sostanze o miscele classificate come corrosive per i metalli, ma non classificate per la corrosione della pelle o per gravi lesioni oculari (categoria 1).

Le sostanze o miscele classificate come corrosive per i metalli, ma non classificate per la corrosione della pelle o per gravi lesioni oculari (categoria 1), che sono in forma finita e imballate per essere utilizzate dai consumatori non richiedono sull'etichetta il pittogramma di pericolo GHS05."

 

B. La parte 2 è così modificata:

(1) il punto 2.1.3. è sostituito dal seguente:

"2.1.3    Comunicazione del pericolo

Sull'etichetta delle sostanze, delle miscele e degli articoli che corrispondono ai criteri di classificazione in questa classe di pericolo devono essere utilizzati gli elementi indicati nella tabella 2.1.2.

 

Tabella 2.1.2

Esplosivi — Elementi dell'etichetta

 

NOTA 1: per gli esplosivi non imballati o reimballati in imballaggio diverso da quello originale o simile a quello originale, l'etichetta include tutti i seguenti elementi:

a) il pittogramma: bomba che esplode;

b) l'avvertenza 'Pericolo'; e

c) l'indicazione di pericolo: 'Esplosivo; pericolo di esplosione di massa'

a meno che il pericolo non corrisponda a una delle categorie di pericolo figuranti nella tabella 2.1.2, nel qual caso sono attribuiti il pittogramma, l'avvertenza e/o l'indicazione di pericolo corrispondenti.

NOTA 2: sostanze e miscele, così come presentate, con un risultato positivo della prova della serie 2, descritta nella parte I, sezione 12, delle raccomandazioni delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose, Manuale delle prove e dei criteri, che sono escluse dalla classificazione come esplosivi (sulla base di un risultato negativo della prova della serie 6, descritta nella parte I, sezione 16, delle Raccomandazioni delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose, Manuale delle prove e dei criteri), hanno tuttavia proprietà esplosive. L'utilizzatore deve essere informato di queste proprietà esplosive intrinseche, di cui si deve tener conto per la manipolazione, soprattutto se la sostanza o la miscela è rimossa dall'imballaggio o è reimballata, e per il magazzinaggio. Per questo motivo, le proprietà esplosive della sostanza o della miscela devono essere comunicate nella sezione 2 (Identificazione dei pericoli) e nella sezione 9 (Proprietà fisiche e chimiche) della scheda di dati di sicurezza e in altre sezioni di tale scheda, se del caso."

 

(2) Al punto 2.1.4, la figura 2.1.3 è sostituita dalla seguente:

"Figura 2.1.3

Procedura per l'assegnazione a una divisione nella classe degli esplosivi (classe 1 per il trasporto)

 

Al punto 2.2.3, la tabella 2.2.3 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.2.3

Gas infiammabili (ivi compresi i gas chimicamente instabili) — Elementi dell'etichetta

 

(4) Il punto 2.3.2.1 è sostituito dal seguente:

2.3.2.1   Gli aerosol sono classificati in una delle tre categorie di questa classe di pericolo, a seconda delle loro proprietà infiammabili e del loro calore di combustione. Sono da considerare per la classificazione nella categoria 1 o 2, se contengono oltre l'1 % dei componenti (in massa) classificati come infiammabili in base ai seguenti criteri enunciati in questa parte:

— gas infiammabili (cfr. punto 2.2),

— liquidi con un punto di infiammabilità ≤ 93 °C, che includono i liquidi infiammabili in base al punto 2.6,

— solidi infiammabili (cfr. punto 2.7),

o se il loro calore di combustione è almeno 20 kJ/g.

NOTA 1: tra i componenti infiammabili non sono comprese le sostanze o le miscele piroforiche, autoriscaldanti o idroreattive, poiché tali componenti non sono mai utilizzati come contenuti di aerosol.

NOTA 2: gli aerosol non rientrano nel campo di applicazione dei punti 2.2 (Gas infiammabili), 2.5 (Gas sotto pressione), 2.6 (Liquidi infiammabili) o 2.7 (Solidi infiammabili). A seconda del loro contenuto, gli aerosol possono tuttavia rientrare nel campo di applicazione di altre classi di pericolo, ivi compresi i relativi elementi di etichettatura."

(5) Al punto 2.3.2, la figura 2.3.1(a) è sostituita dalla seguente:

"Figura 2.3.1(a) per gli aerosol

 

(6) Al punto 2.3.3, il titolo della tabella 2.3.1 è sostituito dal seguente:

"Aerosol — Elementi dell'etichetta"

(7) Al punto 2.5.3, la tabella 2.5.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.5.2

Gas sotto pressione — Elementi dell'etichetta

 

(8) Al punto 2.8.3, la tabella 2.8.1 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.8.1

Sostanze e miscele autoreattive — Elementi dell'etichetta

 

(9) Al punto 2.8.4, la figura 2.8.1 è sostituita dalla seguente:

"Figura 2.8.1

Sostanze e miscele autoreattive

 

(10) Al punto 2.9.3, la tabella 2.9.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.9.2

Liquidi piroforici — Elementi dell'etichetta

 

(11) Al punto 2.10.3, la tabella 2.10.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.10.2

Solidi piroforici — Elementi dell'etichetta

 

(12) Al punto 2.11.3, la tabella 2.11.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.11.2

Sostanze e miscele autoriscaldanti — Elementi dell'etichetta

 

(13) Al punto 2.12.3, la tabella 2.12.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.12.2

Sostanze e miscele che a contatto con l'acqua sviluppano gas infiammabili — Elementi dell'etichetta

 

(14) Al punto 2.13.3, la tabella 2.13.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.13.2

Liquidi comburenti — Elementi dell'etichetta

 

(15) Al punto 2.14.2.1, la frase introduttiva è sostituita dalla seguente:

"Un solido comburente è classificato in una delle tre categorie di questa classe secondo i risultati della prova O.1 descritta nella Parte III, sottosezione 34.4.1 o della prova O.3 descritta nella Parte III, sottosezione 34.4.3 delle Raccomandazioni delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose, Manuale delle prove e dei criteri, conformemente alla tabella 2.14.1:"

(16) Al punto 2.14.2.1, la tabella 2.14.1 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.14.1

Criteri di classificazione dei solidi comburenti

Categoria Criteri secondo i risultati della prova O.1 Criteri secondo i risultati della prova O.3
1

Ogni sostanza o miscela che, in una prova in miscela 4:1 o 1:1 (in massa) con la cellulosa, ha una durata media di combustione inferiore a quella di una miscela 3:2 (in massa) di bromato di potassio e cellulosa.

Ogni sostanza o miscela che, in una prova in miscela 4:1 o 1:1 (in massa) con la cellulosa, ha una velocità media di combustione superiore a quella di una miscela 3:1 (in massa) di perossido di calcio e cellulosa.

2 Ogni sostanza o miscela che, in una prova in miscela 4:1 o 1:1 (in massa) con la cellulosa, ha una durata media di combustione uguale o inferiore a quella di una miscela 2:3 (in massa) di bromato di potassio e cellulosa e non corrisponde ai criteri di classificazione nella categoria 1. Ogni sostanza o miscela che, in una prova in miscela 4:1 o 1:1 (in massa) con la cellulosa, ha una velocità media di combustione uguale o superiore a quella di una miscela 1:1 (in massa) di perossido di calcio e cellulosa e non corrisponde ai criteri di classificazione nella categoria 1.
3 Ogni sostanza o miscela che, in una prova in miscela 4:1 o 1:1 (in massa) con la cellulosa, ha una durata media di combustione uguale o inferiore a quella di una miscela 3:7 (in massa) di bromato di potassio e cellulosa e non corrisponde ai criteri di classificazione nelle categorie 1 e 2. Ogni sostanza o miscela che, in una prova in miscela 4:1 o 1:1 (in massa) con la cellulosa, ha una velocità media di combustione uguale o superiore a quella di una miscela 1:2 (in massa) di perossido di calcio e cellulosa e non corrisponde ai criteri di classificazione nelle categorie 1 e 2.

 

(17) Al punto 2.14.2.1, nella nota 1 della tabella 2.14.1, "(BC Code, Annex 3, test 5)" è sostituito da "[Codice IMSBC (Codice marittimo internazionale per il trasporto alla rinfusa di carichi solidi, IMO], appendice 2, sezione 5)".

(18) Al punto 2.14.3, la tabella 2.14.2 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.14.2

Solidi comburenti — Elementi dell'etichetta

 

(19) Al punto 2.15.3, la tabella 2.15.1 è sostituita dalla seguente:

"Tabella 2.15.1

Perossidi organici — Elementi dell'etichetta

 

(20) Al punto 2.15.4, la figura 2.15.1 è sostituita dalla seguente:

"Figura 2.15.1

Perossidi organici

 

C. La parte 3 è così modificata:

(1) Al punto 3.1.2.1, la prima frase è sostituita dalla seguente:

"Le sostanze possono essere classificate in una delle quattro categorie di pericolo basate sulla tossicità acuta per via orale, via cutanea o inalazione in base ai criteri numerici indicati nella tabella 3.1.1."

(2) Al punto 3.1.2.3.2, la prima frase è sostituita dalla seguente:

"Per le polveri e le nebbie delle categorie di pericolo più elevate è particolarmente importante utilizzare valori bene espressi ai fini della classificazione della tossicità per inalazione."

(3) Al punto 3.1.3.6.1, la lettera a) è sostituita dalla seguente:

"sono presi in considerazione i componenti con una tossicità acuta nota classificati in una delle categorie di pericolo acuto elencate nella tabella 3.1.1;"

(4) Il capo 3.2 è sostituito dal seguente:

"3.2 Corrosione/irritazione della pelle

3.2.1. Definizioni e considerazioni generali

Per corrosione della pelle s'intende la produzione di lesioni irreversibili della pelle, quali una necrosi visibile attraverso l'epidermide e nel derma, a seguito dell'applicazione di una sostanza di prova per una durata massima di quattro ore. Gli effetti tipici della corrosione sono ulcere, sanguinamento, croste sanguinolente e, al termine di un periodo di osservazione di 14 giorni, depigmentazione cutanea dovuta all'effetto sbiancante, chiazze di alopecia e cicatrici. Per valutare le lesioni dubbie può essere necessario ricorrere a un esame istopatologico.

Per irritazione della pelle s'intende la produzione di lesioni reversibili della pelle a seguito dell'applicazione di una sostanza di prova per una durata massima di quattro ore.

3.2.1.2. In una procedura per tappe successive, in primo luogo sono da prendere in considerazione i dati esistenti concernenti l'uomo, quindi i dati esistenti relativi agli animali, poi i dati in vitro e infine altre fonti di informazione. La classificazione è ottenuta direttamente quando i dati soddisfano i criteri. In alcuni casi, la classificazione di una sostanza o di una miscela si effettua sulla base della forza probante entro un determinato livello. In un metodo della forza probante complessivo tutte le informazioni disponibili che influiscono sulla determinazione della corrosione/irritazione della pelle sono considerate insieme, compresi i risultati di test in vitro convalidati e appropriati, i dati pertinenti sugli animali e sull'uomo, quali studi epidemiologici e clinici, e studi di casi e osservazioni ben documentati (cfr. l'allegato I, parte 1, punti 1.1.1.3, 1.1.1.4 e 1.1.1.5).

3.2.2. Criteri di classificazione delle sostanze

Le sostanze vanno classificate in una delle due categorie seguenti in questa classe di pericolo:

a) categoria 1 (corrosione della pelle) Questa categoria è ulteriormente suddivisa in tre sottocategorie (1A, 1B, 1C). Le sostanze corrosive devono essere classificate nella categoria 1, se i dati non bastano per classificarle in una sottocategoria. Se i dati sono sufficienti, le sostanze vanno classificate in una delle tre sottocategorie 1A, 1B o 1C (cfr. tabella 3.2.1).

b) categoria 2 (irritazione della pelle) (cfr. tabella 3.2.2).

3.2.2.1. Classificazione in base a dati standard relativi a test sugli animali

3.2.2.1.1. Corrosione della pelle

3.2.2.1.1.1. Una sostanza è corrosiva della pelle quando causa la distruzione del tessuto cutaneo, ossia una necrosi visibile dell'epidermide e del derma, in almeno un animale saggiato dopo un'esposizione della durata massima di quattro ore.

3.2.2.1.1.2. Le sostanze corrosive devono essere classificate nella categoria 1, se i dati non bastano per classificarle in una sottocategoria.

3.2.2.1.1.3. Se i dati sono sufficienti, le sostanze vanno classificate in una delle tre sottocategorie 1A, 1B o 1C secondo i criteri di cui alla tabella 3.2.1.

3.2.2.1.1.4. La categoria 'corrosione della pelle' è suddivisa in tre sottocategorie: la sottocategoria 1A, in cui le reazioni corrosive si notano dopo al massimo tre minuti di esposizione e al massimo un'ora di osservazione; la sottocategoria 1B, in cui le reazioni corrosive sono descritte dopo un'esposizione di durata superiore ai tre minuti e non superiore a un'ora e fino a 14 giorni di osservazione; e la sottocategoria 1C, in cui le reazioni corrosive si verificano dopo un'esposizione di durata superiore a un'ora e non superiore a quattro ore e fino a 14 giorni di osservazione.

 

Tabella 3.2.1

Categoria e sottocategorie di corrosione della pelle

Categoria Criteri
Categoria 1 (1) Distruzione del tessuto cutaneo, ossia una necrosi visibile dell'epidermide e del derma, in almeno un animale saggiato dopo un'esposizione ≤ 4 h
Sottocategoria 1A Reazioni corrosive in almeno un animale dopo un'esposizione ≤ 3 min durante un periodo di osservazione ≤ 1 h
Sottocategoria 1B Reazioni corrosive in almeno un animale dopo un'esposizione > 3 min e ≤ 1 h e un periodo di osservazione ≤ 14 giorni
Sottocategoria 1C Reazioni corrosive in almeno un animale dopo un'esposizione > 1 h e ≤ 4 h e un periodo di osservazione ≤ 14 giorni
(1) Cfr. le condizioni per l'utilizzo della categoria 1 nel paragrafo a) del punto 3.2.2.

 

3.2.2.1.1.5. L'uso di dati ottenuti mediante studi sull'uomo è discusso ai punti 3.2.1.2 e 3.2.2.2 e anche ai punti 1.1.1.3, 1.1.1.4 e 1.1.1.5.

3.2.2.1.2.   Irritazione della pelle

3.2.2.1.2.1. Una sostanza è irritante per la pelle quando produce danni reversibili alla pelle a seguito della sua applicazione per un massimo di quattro ore. Il principale criterio per la categoria 'irritazione' è che almeno due dei tre animali saggiati presentino una reazione media ≥ 2,3 e ≤ 4,0.

3.2.2.1.2.2. Nella tabella 3.2.2 è presentata un'unica categoria di irritazione (categoria 2), basata sui risultati dei test sugli animali.

3.2.2.1.2.3. La reversibilità delle lesioni cutanee è un altro aspetto preso in considerazione nella valutazione delle reazioni irritative. Se l'infiammazione (in particolare alopecia locale, ipercheratosi, iperplasia e desquamazione) persiste fino al termine del periodo di osservazione in 2 o più animali, la sostanza è da considerarsi irritante.

3.2.2.1.2.4. Le reazioni irritative osservate negli animali durante un test possono variare, come nel caso della corrosione. Un criterio distinto permette di considerare i casi in cui si osserva una reazione irritativa significativa, ma inferiore al valore medio di un test positivo. Ad esempio, una sostanza oggetto di test può essere definita irritante se in almeno un animale saggiato su tre si rileva un valore medio molto elevato durante tutto lo studio, comprese lesioni persistenti alla fine di un periodo di osservazione normalmente di 14 giorni. Anche altre reazioni potrebbero soddisfare questo criterio. Occorre tuttavia accertare che le reazioni siano il risultato di un'esposizione chimica.

 

Tabella 3.2.2

Categoria di irritazione della pelle (a)

Categoria Criteri
Irritazione (categoria 2)

1) Valore medio ≥ 2,3 e ≤ 4,0 per eritema/escara o edema in almeno due dei tre animali saggiati a 24, 48 e 72 ore dalla rimozione del cerotto o, in caso di reazioni ritardate, nel corso di un periodo di osservazione di tre giorni consecutivi dopo la comparsa delle reazioni cutanee, oppure

2) infiammazione persistente fino alla fine del periodo di osservazione (normalmente 14 giorni) in almeno due animali (in particolare alopecia locale, ipercheratosi, iperplasia e desquamazione), oppure

3)quando le reazioni variano fortemente da un animale all'altro, effetti positivi molto netti in relazione a un'esposizione chimica in un solo animale, ma di minore entità rispetto ai criteri di cui sopra.

(a) I criteri di classificazione sono da intendersi come descritti nel regolamento (Ce) n. 440/2008.

 

3.2.2.1.2.5. L'uso di dati ottenuti mediante studi sull'uomo è discusso ai punti 3.2.1.2 e 3.2.2.2 e anche ai punti 1.1.1.3, 1.1.1.4 e 1.1.1.5.

3.2.2.2.   Classificazione in una procedura per tappe successive

3.2.2.2.1.   Può essere effettuata, se del caso, una valutazione per tappe successive delle informazioni iniziali, tenendo presente che non tutti gli elementi sono necessariamente pertinenti.

3.2.2.2.2.   La valutazione iniziale si basa su dati esistenti relativi all'uomo e agli animali, comprese informazioni riguardanti esposizioni singole o ripetute, che forniscono informazioni direttamente pertinenti per gli effetti sulla pelle.

3.2.2.2.3.   Ai fini della classificazione possono essere utilizzati dati sulla tossicità acuta per via cutanea. Se una sostanza è molto tossica per via cutanea non possono essere effettuate prove per determinarne il pericolo di corrosione/irritazione della pelle, poiché la quantità di sostanza da applicare è nettamente superiore alla dose tossica e di conseguenza provoca la morte degli animali. Se durante gli studi sulla tossicità acuta si osservano effetti di corrosione/irritazione della pelle fino alla dose limite, questi dati possono essere usati per la classificazione, sempre che le diluizioni e le specie utilizzate per le prove siano equivalenti. Sostanze solide (polveri) possono diventare corrosive o irritanti se umidificate o se poste in contatto con la pelle umida o le membrane mucose.

3.2.2.2.4.   Ai fini della classificazione si usano metodi alternativi in vitro convalidati e accettati.

3.2.2.2.5.   Analogamente, pH estremi come ≤ 2 e ≥ 11,5 possono potenzialmente causare effetti cutanei, soprattutto se associati a una notevole riserva acida/alcalina (capacità tampone). In genere si ritiene che queste sostanze producano effetti cutanei significativi. In mancanza di altre informazioni, si ritiene che una sostanza sia corrosiva per la pelle (corrosione della pelle — categoria 1) se il suo pH è ≤ 2 o ≥ 11,5. Se tuttavia la riserva acida/alcalina indica che la sostanza in questione potrebbe non essere corrosiva, nonostante il pH basso o elevato, è necessario ottenere dati di conferma, di preferenza ricorrendo a un adeguato test in vitro convalidato.

3.2.2.2.6.   In alcuni casi possono essere disponibili sufficienti informazioni su sostanze strutturalmente analoghe per procedere alla classificazione.

3.2.2.2.7.   La procedura per tappe successive fornisce orientamenti su come organizzare le informazioni esistenti su una sostanza e prendere una decisione circa la valutazione e la classificazione dei pericoli basata sulla loro forza probante.

Benché sia possibile ottenere informazioni dalla valutazione di un solo parametro (cfr. punto 3.2.2.2.1.), devono essere prese in considerazione tutte le informazioni esistenti e bisogna determinarne la forza probante complessiva, in particolare quando le informazioni disponibili su alcuni parametri sono contraddittorie.

3.2.3.    Criteri di classificazione delle miscele

3.2.3.1.   Classificazione quando esistono dati per la miscela in quanto tale

3.2.3.1.1.   La miscela è classificata in base ai criteri utilizzati per le sostanze, tenendo conto della procedura per tappe successive per valutare i dati relativi a questa classe di pericolo.

3.2.3.1.2. Per i test da effettuare sulle miscele è da preferire una procedura per tappe successive basata sulla forza probante, come quella che fa parte dei criteri di classificazione delle sostanze come corrosive e irritanti per la pelle (punti 3.2.1.2 e 3.2.2.2), in modo da ottenere una classificazione esatta e da evitare inutili test su animali. In mancanza di altre informazioni, si ritiene che una miscela sia corrosiva per la pelle (corrosione della pelle — categoria 1) se il suo pH è ≤ 2 o ≥ 11,5. Se tuttavia la riserva acida/alcalina indica che la miscela in questione potrebbe non essere corrosiva, nonostante il pH basso o elevato, è necessario ottenere dati di conferma, di preferenza ricorrendo a un adeguato test in vitro convalidato.

3.2.3.2.   Classificazione quando non esistono dati sulla miscela in quanto tale: principi ponte

3.2.3.2.1.   Se non sono state effettuate prove per determinare il potenziale di corrosione/irritazione cutanea della miscela, ma esistono dati sui singoli componenti della miscela e su miscele analoghe sufficienti per individuare adeguatamente i pericoli della miscela, tali dati sono utilizzati conformemente ai principi ponte di cui al punto 1.1.3.

3.2.3.3.   Classificazione delle miscele quando esistono dati per tutti i componenti della miscela o per alcuni di essi

3.2.3.3.1.   Per utilizzare tutti i dati disponibili ai fini della classificazione dei pericoli di corrosione/irritazione della pelle delle miscele, è stata formulata la seguente ipotesi, che è applicata, se del caso, nella procedura per tappe successive:

i 'componenti rilevanti' di una miscela sono quelli che sono presenti in concentrazioni ≥ 1 % (in p/p per solidi, liquidi, polveri, nebbie e vapori e in v/v per i gas), a meno che non si possa supporre (p. es. nel caso di componenti corrosivi per la pelle) che un componente presente ad una concentrazione < 1 % sia ancora rilevante per la classificazione della miscela come corrosiva/irritante per la pelle.

3.2.3.3.2.   In generale, la classificazione delle miscele come corrosive o irritanti per la pelle nel caso in cui siano disponibili dati sui componenti, ma non sulla miscela in quanto tale, si fonda sulla teoria dell'additività, secondo la quale ciascun componente corrosivo o irritante per la pelle contribuisce alle proprietà corrosive o irritanti per la pelle complessive della miscela proporzionalmente alla sua potenza e alla sua concentrazione. Un fattore di ponderazione di 10 è applicato per i componenti corrosivi per la pelle presenti in concentrazioni inferiori al limite di concentrazione generico per la classificazione nella categoria 1, ma tali da contribuire alla classificazione della miscela come irritante per la pelle. La miscela è classificata come corrosiva o irritante per la pelle se la somma delle concentrazioni di tali componenti eccede un limite di concentrazione.

3.2.3.3.3.   Nella tabella 3.2.3 sono riportati i limiti di concentrazione generici da utilizzare per determinare la classificazione della miscela come corrosiva o irritante per la pelle.

3.2.3.3.4.1.   Occorre particolare cautela nella classificazione di alcuni tipi di miscele contenenti sostanze come acidi, basi, sali inorganici, aldeidi, fenoli e tensioattivi. L'approccio descritto ai punti 3.2.3.3.1 e 3.2.3.3.2 può non essere applicabile, in quanto molte di queste sostanze sono corrosive o irritanti per la pelle in concentrazioni inferiori all'1 %.

3.2.3.3.4.2.   Per le miscele contenenti acidi o basi forti si usa come criterio di classificazione il pH (cfr. punto 3.2.3.1.2), che è un indicatore di corrosione cutanea migliore rispetto ai limiti di concentrazione indicati nella tabella 3.2.3.

3.2.3.3.4.3.   Una miscela contenente componenti corrosivi o irritanti per la pelle e che non può essere classificata in base alla regola dell'additività (tabella 3.2.3) a motivo delle sue caratteristiche chimiche, che rendono questo approccio impraticabile, è classificata come corrosiva per la pelle (categoria 1), se la concentrazione di un ingrediente classificato come corrosivo per la pelle è ≥1 %, o come irritante per la pelle (categoria 2), se la concentrazione di un componente irritante per la pelle è ≥ 3 %. La classificazione delle miscele ai cui componenti non si applica l'approccio della tabella 3.2.3 è sintetizzata nella tabella 3.2.4.

3.2.3.3.5.   In alcuni casi dati attendibili possono indicare che il pericolo di corrosione/irritazione della pelle di un componente non è evidente se quest'ultimo è presente a un livello pari o superiore ai limiti di concentrazione generici indicati nelle tabelle 3.2.3 e 3.2.4 del punto 3.2.3.3.6. In questi casi la miscela deve essere classificata in base a tali dati (cfr. anche articoli 10 e 11). In altri casi, quando si prevede che il pericolo di corrosione/irritazione della pelle di un componente non sia evidente, qualora presente a un livello pari o superiore ai limiti di concentrazione generici indicati nelle tabelle 3.2.3 e 3.2.4, si deve considerare l'opportunità di effettuare test sulla miscela. In questi casi si applica la procedura per tappe successive basata sulla forza probante dei dati descritta al punto 3.2.2.2.

3.2.3.3.6.   Se i dati indicano che uno o più componenti sono corrosivi o irritanti per la pelle a una concentrazione di <1 % (corrosivi per la pelle) o < 3 % (irritanti per la pelle), la miscela va classificata di conseguenza.

 

Tabella 3.2.3

Limiti di concentrazione generici dei componenti classificati come corrosivi per la pelle (categoria 1, 1A, 1B o 1C)/irritanti per la pelle (categoria 2), che determinano la classificazione della miscela come corrosiva/irritante per la pelle e ai quali si applica la regola dell'additività

Somma dei componenti classificati come: Concentrazione che determina la classificazione di una miscela come:
Corrosione della pelle Irritazione della pelle
categoria 1 (cfr. la nota seguente) categoria 2
Corrosivi per la pelle, sottocategoria 1A, 1B, 1C o categoria 1 ≥ 5 % ≥ 1 % ma < 5 %
Irritanti per la pelle, categoria 2 ≥ 10 %
(10 × corrosivi per la pelle della sottocategoria 1A, 1B, 1C o della categoria 1) + irritanti per la pelle, categoria 2 ≥ 10 %

 

Nota:

la somma di tutti i componenti di una miscela classificati come corrosivi per la pelle nelle sottocategorie 1A, 1B o 1C deve essere ≥ 5 % per ciascuna categoria perché la miscela sia classificata come corrosiva per la pelle di sottocategoria 1A, 1B o 1C. Se la somma dei componenti classificati come corrosivi per la pelle di sottocategoria 1A è < 5 %, ma la somma dei componenti classificati come corrosivi per la pelle di sottocategoria 1A + 1B è ≥ 5 %, la miscela è classificata come corrosiva per la pelle di sottocategoria 1B. Analogamente, se la somma dei componenti classificati come corrosivi per la pelle di sottocategoria 1A +1 B è < 5 %, ma la somma dei componenti classificati come corrosivi per la pelle di sottocategoria 1A+ 1B+1C è ≥ 5 %, la miscela è classificata come corrosiva per la pelle di sottocategoria 1C. Nel caso in cui almeno uno dei componenti pertinenti di una miscela sia classificato come categoria 1 senza sottocategorizzazione, la miscela è classificata come categoria 1 senza sottocategorizzazione se la somma di tutti i componenti corrosivi per la pelle è ≥ 5 %.

 

Tabella 3.2.4

Limiti di concentrazione generici dei componenti, ai quali non si applica la regola dell'additività, che determinano la classificazione della miscela come corrosione/irritazione della pelle

Componente Concentrazione Miscela classificata come:
Acido con pH ≤ 2 ≥ 1 % corrosiva per la pelle, categoria 1
Base con pH ≥ 11,5 ≥ 1 % corrosiva per la pelle, categoria 1
Altri componenti corrosivi per la pelle (sottocategorie 1A, 1B, 1C o categoria 1) ≥ 1 % corrosiva per la pelle, categoria 1
Altri componenti irritanti per la pelle (categoria 2), compresi acidi e basi ≥ 3 % irritante per la pelle, categoria 2

 

3.2.4. Comunicazione del pericolo

3.2.4.1. Sull'etichetta delle sostanze o delle miscele che corrispondono ai criteri di classificazione in questa classe di pericolo figurano gli elementi indicati nella tabella 3.2.5.

 

Tabella 3.2.5

Corrosione/irritazione della pelle — Elementi dell'etichetta

 

(4) Il capo 3.3 è sostituito dal seguente:

"3.3.   Gravi lesioni oculari/irritazione oculare

3.3.1.    Definizioni e considerazioni generali

Per gravi lesioni oculari s'intendono lesioni dei tessuti oculari o un grave deterioramento della vista conseguenti all'applicazione di una sostanza di prova sulla superficie anteriore dell'occhio, non totalmente reversibili entro 21 giorni dall'applicazione.

Per irritazione oculare si intendono alterazioni oculari conseguenti all'applicazione di sostanze di prova sulla superficie anteriore dell'occhio, totalmente reversibili entro 21 giorni dall'applicazione.

3.3.1.2. In una procedura per tappe successive, in primo luogo sono da prendere in considerazione i dati esistenti concernenti l'uomo, quindi i dati esistenti relativi agli animali, poi i dati in vitro e infine le altre fonti di informazione. La classificazione è ottenuta direttamente quando i dati soddisfano i criteri. In altri casi la classificazione di una sostanza o di una miscela si effettua sulla base della forza probante entro un determinato livello. In un metodo complessivo della forza probante tutte le informazioni disponibili che influiscono sulla determinazione delle gravi lesioni oculari/dell'irritazione oculare sono considerate insieme, compresi i risultati di test in vitro convalidati e appropriati, i dati pertinenti sugli animali e sull'uomo, quali studi epidemiologici e clinici, e studi di casi e osservazioni ben documentati (cfr. allegato I, parte 1, punto 1.1.1.3).

3.3.2. Criteri di classificazione delle sostanze

Le sostanze sono classificate in una delle categorie all'interno di questa classe di pericolo, categoria 1 (gravi lesioni oculari) o categoria 2 (irritazione oculare), come segue:

a) Categoria 1 (gravi lesioni oculari):

sostanze che possono causare gravi lesioni oculari (cfr. tabella 3.3.1).

b) Categoria 2 (irritazione oculare):

sostanze che possono causare irritazioni oculari reversibili (cfr. tabella 3.3.2).

3.3.2.1. Classificazione in base a dati standard relativi a test sugli animali

3.3.2.1.1. Gravi lesioni oculari (categoria 1)

3.3.2.1.1.1 Per le sostanze che possono causare gravi lesioni oculari è adottata un'unica categoria di pericolo (categoria 1). Questa categoria di pericolo comprende come criteri le osservazioni elencate nella tabella 3.3.1. Tali osservazioni comprendono quelle su animali che presentano lesioni di grado 4 della cornea e altre reazioni gravi (per esempio, distruzione della cornea) rilevate in qualsiasi momento durante la prova, opacità persistente della cornea, decolorazione della cornea dovuta a una sostanza colorante, aderenze, panno corneale, interferenze con la funzione iridea o altri effetti che compromettono la vista. In questo contesto, si considerano lesioni persistenti quelle non totalmente reversibili entro un periodo di osservazione normalmente di 21 giorni. La classificazione di pericolo come categoria 1 comprende anche le sostanze che rispondono ai criteri di opacità della cornea ≥ 3 o di infiammazione dell'iride (irite) > 1,5 osservati in almeno 2 dei 3 animali saggiati, in quanto gravi lesioni come queste generalmente non sono reversibili entro un periodo di osservazione di 21 giorni.

3.3.2.1.1.2. L'uso di dati ottenuti mediante studi sull'uomo è discusso al punto 3.3.2.2 e anche ai punti 1.1.1.3, 1.1.1.4 e 1.1.1.5.

 

Tabella 3.3.1

Gravi lesioni oculari (a)

Categoria Criteri
Categoria 1

Una sostanza che produce:

a) in almeno un animale effetti sulla cornea, l'iride o la congiuntiva che si prevedono irreversibili o che sono risultati non totalmente reversibili entro un periodo di osservazione normalmente di 21 giorni, e/o

b) in almeno due dei tre animali saggiati una reazione positiva di:

i) opacità della cornea ≥ 3, e/o

ii) irite > 1,5,

calcolata come media dei risultati registrati 24, 48 e 72 ore dopo l'instillazione della sostanza in esame.

(a) I criteri di classificazione sono da intendersi come descritti nel regolamento (Ce) n. 440/2008

 

3.3.2.1.2.   Irritazione oculare (categoria 2)

3.3.2.1.2.1.

Le sostanze che possono provocare un'irritazione oculare reversibile sono classificate nella categoria 2 (irritazione oculare).

3.3.2.1.2.2.

Quando le reazioni provocate da queste sostanze negli animali presentano una marcata variabilità, si tiene conto di tali informazioni nella classificazione.

3.3.2.1.2.3.

L'uso di dati ottenuti mediante studi sull'uomo è trattato al punto 3.3.2.2 e anche ai punti 1.1.1.3, 1.1.1.4 e 1.1.1.5.

Tabella 3.3.2

Irritazione oculare  (a)

Categoria Criteri
Categoria 2

Le sostanze che producono in almeno due dei tre animali saggiati una reazione positiva di:

a) opacità della cornea ≥ 1, e/o

b) irite ≥ 1, e/o

c) arrossamento congiuntivale ≥ 2, e/o

d) edema congiuntivale (chemosi) ≥ 2,

calcolata come media dei risultati registrati 24, 48 e 72 dopo l'instillazione della sostanza in esame, e totalmente reversibile entro un periodo di osservazione normalmente di 21 giorni.

(a) I criteri di classificazione sono da intendersi come descritti nel regolamento (Ce) n. 440/2008

 

3.3.2.2.   Classificazione in una procedura per tappe successive

3.3.2.2.1.   Può essere effettuata, se del caso, una valutazione per tappe successive delle informazioni iniziali, tenendo presente che non tutti gli elementi sono necessariamente pertinenti.

3.3.2.2.2.   I dati esistenti relativi all'uomo e agli animali che forniscono informazioni direttamente pertinenti per gli effetti sugli occhi costituiscono la prima linea di valutazione. L'eventualità che la sostanza possa causare una corrosione cutanea deve essere valutata prima di considerare eventuali test per gravi lesioni oculari/irritazione oculare, per evitare test destinati a determinare gli effetti locali sugli occhi di sostanze corrosive per la pelle. Le sostanze corrosive per la pelle sono considerate come in grado di provocare anche gravi lesioni oculari (categoria 1), mentre le sostanze irritanti per la pelle possono essere considerate come in grado di provocare irritazioni oculari (categoria 2).

3.3.2.2.3.   Ai fini della classificazione si usano metodi alternativi in vitro convalidati e accettati.

3.3.2.2.4.   Analogamente, pH estremi come ≤ 2 e ≥ 11,5 possono produrre gravi lesioni oculari, soprattutto se sono associati a una notevole riserva acida/alcalina (capacità tampone). In genere si ritiene che queste sostanze producano effetti significativi sugli occhi. In mancanza di altre informazioni, si ritiene che una sostanza provochi gravi lesioni oculari (categoria 1) se il suo pH è ≤ 2 o ≥ 11,5. Se tuttavia la riserva acida/alcalina suggerisce che la sostanza in questione potrebbe non provocare gravi lesioni oculari, nonostante il pH basso o elevato, è necessario ottenere dati di conferma, di preferenza ricorrendo a un adeguato test in vitro convalidato.

3.3.2.2.5.   In alcuni casi possono essere disponibili sufficienti informazioni su sostanze strutturalmente analoghe per procedere alla classificazione.

3.3.2.2.6.   La procedura per tappe successive fornisce orientamenti su come organizzare le informazioni esistenti e prendere una decisione circa la valutazione e la classificazione dei pericoli basata sulla loro forza probante. I test sugli animali con sostanze corrosive sono per quanto possibile evitati. Benché sia possibile ottenere informazioni dalla valutazione di un solo parametro all'interno di un determinato livello (cfr. punto 3.3.2.1.1.), devono essere prese in considerazione tutte le informazioni esistenti e bisogna determinarne la forza probante complessiva, in particolare quando le informazioni disponibili su alcuni parametri sono contraddittorie.

3.3.3.    Criteri di classificazione delle miscele

3.3.3.1.   Classificazione delle miscele quando esistono dati per la miscela in quanto tale

3.3.3.1.1.   La miscela è classificata in base ai criteri utilizzati per le sostanze e tenendo conto della procedura per tappe successive per valutare i dati relativi a questa classe di pericolo.

3.3.3.1.2.   Quando si intendono effettuare test su miscele è consigliabile ricorrere a una strategia per tappe successive basata sulla forza probante, come indicato nei criteri di classificazione delle sostanze per la corrosione della pelle e le gravi lesioni oculari/l'irritazione oculare, in modo da ottenere una classificazione precisa e da evitare inutili test sugli animali. In mancanza di altre informazioni, si ritiene che una miscela provochi gravi lesioni oculari (categoria 1) se il suo pH è ≤ 2 o ≥ 11,5. Se tuttavia la riserva acida/alcalina suggerisce che la miscela in questione potrebbe non provocare gravi lesioni oculari, nonostante il pH basso o elevato, è necessario ottenere dati di conferma, di preferenza ricorrendo a un adeguato test in vitro convalidato.

3.3.3.2.   Classificazione delle miscele quando non esistono dati sulla miscela in quanto tale: principi ponte

3.3.3.2.1.   Se la miscela in quanto tale non è stata oggetto di prove per determinarne la corrosività per la pelle o il potenziale di causare gravi lesioni oculari/un'irritazione oculare, ma esistono sufficienti dati sui singoli componenti e su miscele simili per caratterizzare adeguatamente i pericoli della miscela, tali dati sono utilizzati secondo i principi ponte di cui al punto 1.1.3.

3.3.3.3.   Classificazione delle miscele quando esistono dati per tutti i componenti della miscela o per alcuni di essi

3.3.3.3.1.   Per utilizzare tutti i dati disponibili ai fini della classificazione dei pericoli di gravi lesioni oculari/irritazione oculare delle miscele, è stata formulata la seguente ipotesi, che è applicata, se del caso, nella procedura per tappe successive:

i 'componenti rilevanti' di una miscela sono quelli che sono presenti in concentrazioni ≥ 1 % (in p/p per solidi, liquidi, polveri, nebbie e vapori e in v/v per i gas), a meno che non si possa supporre (p. es. nel caso di componenti corrosivi per la pelle) che un componente presente ad una concentrazione < 1 % sia ancora rilevante per la classificazione della miscela per gravi lesioni oculari/irritazione oculare.

3.3.3.3.2. In generale, la classificazione delle miscele come miscele che provocano gravi lesioni oculari/irritazione oculare nel caso in cui siano disponibili dati sui componenti, ma non sulla miscela in quanto tale, si fonda sulla teoria dell'additività, secondo la quale ciascun componente che sia corrosivo per la pelle o provochi gravi lesioni oculari/irritazione oculare contribuisce alle proprietà complessive della miscela di provocare gravi lesioni oculari/irritazione oculare proporzionalmente alla sua potenza e alla sua concentrazione. Un fattore di ponderazione di 10 è applicato per i componenti corrosivi della pelle e che provocano gravi lesioni oculari presenti in concentrazioni inferiori al limite di concentrazione generico per la classificazione nella categoria 1, ma presenti in concentrazioni tali da contribuire alla classificazione della miscela come irritante per gli occhi. La miscela è classificata come miscela che provoca gravi lesioni oculari/irritazione oculare, se la somma delle concentrazioni di tali componenti eccede un limite di concentrazione.

3.3.3.3.3.   Nella tabella 3.3.3 sono riportati i limiti di concentrazione generici da utilizzare per determinare la classificazione della miscela come miscela che provoca gravi lesioni oculari/irritazione oculare.

3.3.3.3.4.1.   Occorre particolare cautela nella classificazione di alcuni tipi di miscele contenenti sostanze come acidi, basi, sali inorganici, aldeidi, fenoli e tensioattivi. L'approccio descritto ai punti 3.3.3.3.1 e 3.3.3.3.2 può non essere applicabile, in quanto molte di queste sostanze provocano gravi lesioni oculari/irritazioni oculari in concentrazioni < 1 %.

3.3.3.3.4.2.   Per le miscele contenenti acidi o basi forti si usa come criterio di classificazione il pH (cfr. punto 3.3.3.1.2), che è un indicatore di gravi lesioni oculari migliore (subordinatamente ad un'analisi della riserva acida/alcalina) rispetto ai limiti di concentrazione generici indicati nella tabella 3.3.3.

3.3.3.3.4.3.   Una miscela contenente componenti che provocano corrosione della pelle o gravi lesioni oculari/irritazioni oculari e che non può essere classificata in base alla regola dell'additività (tabella 3.3.3) a motivo delle sue caratteristiche chimiche è classificata come miscela che provoca gravi lesioni oculari (categoria 1), se la concentrazione dell'ingrediente classificato come corrosivo per la pelle o che provoca gravi lesioni oculari è ≥1 %, o come miscela che provoca irritazione oculare (categoria 2), se la concentrazione di un componente irritante per gli occhi è ≥ 3 %. La classificazione delle miscele ai cui componenti non si applica l'approccio della tabella 3.3.3 è sintetizzata nella tabella 3.3.4.

3.3.3.3.5.   In alcuni casi dati attendibili possono indicare che gli effetti di gravi lesioni oculari/irritazione oculare di un componente non sono evidenti se quest'ultimo è presente a un livello pari o superiore ai limiti di concentrazione generici indicati nelle tabelle 3.3.3 e 3.3.4 del punto 3.3.3.3.6. In questi casi la miscela può essere classificata in base a tali dati (cfr. anche articoli 10 e 11). In altri casi, quando si prevede che il pericolo di corrosione/irritazione cutanea o gli effetti di gravi lesioni oculari/irritazione oculare di un componente non saranno evidenti se questo componente è presente a un livello pari o superiore ai limiti di concentrazione generici indicati nelle tabelle 3.3.3 e 3.3.4, si deve considerare l'opportunità di effettuare test sulla miscela. In questi casi si applica la strategia per tappe successive in base alla forza probante dei dati.

3.3.3.3.6.   Se vi sono dati che dimostrano che uno o più componenti possono essere corrosivi per la pelle o provocare gravi lesioni oculari/irritazione oculare a una concentrazione <1 % (corrosivi per la pelle o che provocano gravi lesioni oculari) o <3 % (irritanti per gli occhi), la miscela è classificata di conseguenza.

 

Tabella 3.3.3

Limiti di concentrazione generici dei componenti classificati come corrosione della pelle (categoria 1, 1A, 1B o 1C) e/o come gravi lesioni oculari (categoria 1) o irritazione oculare (categoria 2), ai quali si applica la regola dell'additività, che determinano la classificazione della miscela come gravi lesioni oculari/irritazione oculare

Somma dei componenti classificati come: Concentrazione che determina la classificazione della miscela come:
Gravi lesioni oculari Irritazione oculare
Categoria 1 Categoria 2
Corrosione della pelle, sottocategoria 1A, 1B, 1C o categoria 1 + gravi lesioni oculari (categoria 1)(a) ≥ 3 % ≥ 1 % ma < 3 %
Irritazione oculare (categoria 2) ≥ 10 %

10 × [Corrosione della pelle, sottocategoria 1A, 1B, 1C o corrosione della pelle, categoria 1 + gravi lesioni oculari (categoria 1)] + irritazione oculare (categoria 2)

≥ 10 %
(a) Se un componente è classificato contemporaneamente come corrosione della pelle, sottocategoria 1A, 1B, 1C o categoria 1, e gravi lesioni oculari (categoria 1), la sua concentrazione è considerata solo una volta nel calcolo.

 

Tabella 3.3.4

Limiti di concentrazione generici dei componenti, ai quali non si applica la regola dell'additività, che determinano la classificazione della miscela come gravi lesioni oculari (categoria 1) o irritazione oculare (categoria 2)

Componente Concentrazione Miscela classificata come:
Acido con pH ≤ 2 ≥ 1 % Gravi lesioni oculari (categoria 1)
Base con pH ≥ 11,5 ≥ 1 % Gravi lesioni oculari (categoria 1)
Altri componenti classificati come corrosione cutanea (sottocategoria 1A, 1B, 1C o categoria 1) o come gravi lesioni oculari (categoria 1) ≥ 1 % Gravi lesioni oculari (categoria 1)
Altri componenti classificati come irritazione oculare (categoria 2) ≥ 3 % Irritazione oculare (categoria 2)

 

3.3.4.    Comunicazione del pericolo

3.3.4.1.   Sull'etichetta delle sostanze o delle miscele che corrispondono ai criteri di classificazione in questa classe di pericolo figurano gli elementi indicati nella tabella 3.3.5.

 

Tabella 3.3.5

Gravi lesioni oculari/irritazione oculare — Elementi dell'eichetta  (5)

 

(5) 3.5.2.3.5, il secondo trattino è soppresso.

 

D. La parte 4 è così modificata:

(1) Il punto 4.1.1.1 è così modificato:

(a) Alla lettera b), il termine "pericolo acuto (a breve termine)" è sostituito da pericolo a breve termine (acuto).

(b) Alla lettera j), il termine "pericolo a lungo termine" è sostituito da "pericolo a lungo termine (cronico)".

(2) Il punto 4.1.1.2.0 è sostituito dal seguente:

"Pericoloso per l'ambiente acquatico è così differenziato:

— pericolo a breve termine (acuto) per l'ambiente acquatico

— pericolo a lungo termine (cronico) per l'ambiente acquatico"

(3) Al punto 4.1.1.3.1, la seconda e la terza frase sono sostituite da quanto segue:

"L'ambiente acquatico è considerato in termini di organismi acquatici che vivono in acqua e di ecosistema acquatico di cui essi sono parte. Pertanto l'individuazione del pericolo a breve termine (acuto) e del pericolo a lungo termine (cronico) si basa sulla tossicità della sostanza o della miscela per l'ambiente acquatico, pur con le modifiche eventualmente necessarie per tenere conto delle informazioni aggiuntive sulle modalità di degradazione e bioaccumulo."

(4) Al punto 4.1.2.1, le prime due frasi sono sostituite dalle seguenti:

"Il sistema di classificazione riconosce che il pericolo intrinseco per gli organismi acquatici è rappresentato dalla tossicità acuta e dalla tossicità cronica di una sostanza. Per il pericolo a lungo termine (cronico) sono definite categorie di pericolo distinte, che corrispondono a gradi diversi del pericolo individuato."

(5) Il punto 4.1.2.2 è sostituito dal seguente:

"Il sistema di classificazione delle sostanze comprende essenzialmente una categoria di pericolo a breve termine (acuto) e tre categorie di pericolo a lungo termine (cronico). Le categorie a breve termine (acuto) e a lungo temine (cronico) sono applicate in modo indipendente."

(6) Il punto 4.1.2.3 è sostituito dal seguente:

"I criteri di classificazione di una sostanza nella categoria Acuto 1 sono definiti sulla base dei soli dati relativi alla tossicità acuta per l'ambiente acquatico (Ce50 o CL50). I criteri di classificazione di una sostanza nelle categorie Cronico da 1 a 3 seguono una procedura per tappe successive, in cui la prima tappa consiste nel verificare se le informazioni disponibili sulla tossicità cronica giustificano la classificazione di pericolo a lungo termine (cronico). In mancanza di dati adeguati sulla tossicità cronica, la fase successiva consiste nel combinare due tipi di informazioni, ovvero dati sulla tossicità acuta per l'ambiente acquatico e dati sul destino ambientale (dati sulla degradabilità e sul bioaccumulo) (cfr. figura 4.1.1)."

(7) Il titolo della figura 4.1.1 è sostituito dal seguente:

"Categorie delle sostanze pericolose a lungo termine (croniche) per l'ambiente acquatico"

(8) Il punto 4.1.2.4. è sostituito dal seguente:

"Il sistema introduce inoltre una classificazione del tipo 'rete di sicurezza' (denominata Cronico 4) da utilizzare quando i dati disponibili non permettono una classificazione sulla base dei criteri formali per le categorie Acuto 1 o Cronico da 1 a 3, ma destano comunque una certa preoccupazione (cfr. esempio tabella 4.1.0)."

(9) La tabella 4.1.0. è sostituita dalla seguente:

"Tabella 4.1.0

Categorie di classificazione delle sostanze pericolose per l'ambiente acquatico

a)  Pericolo a breve termine (acuto) per l'ambiente acquatico

Categoria Acuto 1: (Nota 1)

CL50 a 96 ore (per i pesci) ≤ 1 mg/l e/o

CE50 a 48 ore (per i crostacei) ≤ 1 mg/l e/o

CrE50 a 72 o 96 ore (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤ 1 mg/l. (Nota 2)

b) Pericolo a lungo termine (cronico) per l'ambiente acquatico

i) Sostanze non rapidamente degradabili (Nota 3) per le quali sono disponibili dati adeguati sulla tossicità cronica

Categoria Cronico 1: (Nota 1)

NOEC o ECx cronica (per i pesci) ≤ 0,1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per i crostacei) ≤ 0,1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤ 0,1 mg/l.

Categoria Cronico 2:

NOEC o ECx cronica (per i pesci) ≤ 1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per i crostacei) ≤ 1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤ 1 mg/l.

ii) Sostanze rapidamente degradabili (Nota 3) per le quali sono disponibili dati adeguati sulla tossicità cronica

Categoria Cronico 1: (Nota 1)

NOEC o ECx cronica (per i pesci) ≤ 0,01 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per i crostacei) ≤ 0,01 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤ 0,01 mg/l.

Categoria Cronico 2:

NOEC o ECx cronica (per i pesci) ≤ 0,1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per i crostacei) ≤ 0,1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤ 0,1 mg/l.

Categoria Cronico 3:

NOEC o ECx cronica (per i pesci) ≤ 1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per i crostacei) ≤1 mg/l e/o

NOEC o ECx cronica (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤1 mg/l.

iii) Sostanze per le quali non sono disponibili dati adeguati sulla tossicità cronica

Categoria Cronico 1: (Nota 1)

CL50 a 96 ore (per i pesci) ≤ 1 mg/l e/o

CE50 a 48 ore (per i crostacei) ≤ 1 mg/l e/o

CrE50 a 72 o 96 ore (per le alghe o altre piante acquatiche) ≤ 1 mg/l. (Nota 2)

e la sostanza non è rapidamente degradabile e/o il BCF determinato in via sperimentale ≥ 500

(o, se non disponibile, il log Kow ≥ 4). (Nota 3).

Categoria Cronico 2:

CL50 a 96 ore (per i pesci) > 1 fino a ≤ 10 mg/l e/o

CE50 a 48 ore (per i crostacei) > 1 fino a ≤ 10 mg/l e/o

CrE50 a 72 o 96 ore (per le alghe o altre piante acquatiche) >1 fino a ≤ 10 mg/l. (Nota 2)

e la sostanza non è rapidamente degradabile e/o il BCF determinato in via sperimentale ≥ 500

(o, se non disponibile, il log Kow ≥ 4). (Nota 3).

Categoria Cronico 3:

CL50 a 96 ore (per i pesci) > 10 fino a ≤ 100 mg/l e/o

CE50 a 48 ore (per i crostacei) > 10 fino a ≤ 100 mg/l e/o

CrE50 a 72 o 96 ore (per le alghe o altre piante acquatiche) > 10 fino a ≤ 100 mg/l (Nota 2)

e la sostanza non è rapidamente degradabile e/o il BCF determinato in via sperimentale ≥ 500

(o, se non disponibile, il log Kow ≥ 4). (Nota 3).

Classificazione 'rete di sicurezza'

Categoria Cronico 4:

Casi nei quali i dati non consentono la classificazione in base ai criteri di cui sopra, ma sussistono comunque motivi di preoccupazione. In tali casi sono comprese, ad esempio, le sostanze scarsamente solubili per le quali non si registra tossicità acuta fino alle concentrazioni corrispondenti alla solubilità in acqua (Nota 4), che non sono rapidamente degradabili secondo il punto 4.1.2.9.5 e possiedono un fattore di bioconcentrazione determinato per via sperimentale BCF ≥ 500 (o, se non disponibile, un log Kow ≥ 4), indicante un potenziale di bioaccumulo, che sono classificate in questa categoria, a meno che altri dati scientifici indichino che la classificazione non è necessaria. Tali dati comprendono le NOEC di tossicità cronica > solubilità nell'acqua o > 1 mg/l o altri dati di rapida degradazione nell'ambiente rispetto a quelli forniti dai metodi elencati al punto 4.1.2.9.5."

 

(10) Al punto 4.1.3.2, la figura 4.1.2 è sostituita dalla seguente:

 

"Figura 4.1.2

Procedura di classificazione per tappe successive delle miscele per il pericolo a breve termine (acuto) e il pericolo a lungo termine (cronico) per l'ambiente acquatico

 

(11) Al punto 4.1.3.3.2, la frase introduttiva è sostituita dalla seguente:

"Per classificare le miscele in relazione al pericolo a lungo termine (cronico) servono ulteriori informazioni sulla degradabilità e, in alcuni casi, sul bioaccumulo."

(12) Al punto 4.1.3.3.3, "Non è necessario classificare la miscela per il pericolo acuto" è sostituito dal seguente:

"Non è necessario classificare la miscela per il pericolo a breve termine (acuto)."

(13) Al punto 4.1.3.3.4, "Non è necessario classificare la miscela per il pericolo a lungo termine nelle categorie Cronico 1, 2 o 3." è sostituito dal seguente:

"Non è necessario classificare la miscela per il pericolo a lungo termine (cronico) nelle categorie Cronico 1, 2 o 3."

(14) Al punto 4.1.3.5.2, lettera a), l'ultima frase è sostituita dalla seguente:

"La tossicità calcolata può essere impiegata per classificare tale frazione della miscela in una categoria di pericolo a breve termine (acuto), che viene poi utilizzata per applicare il metodo della somma."

(15) Al punto 4.1.3.5.2, lettera b), l'ultima frase è sostituita dalla seguente:

"La tossicità equivalente così calcolata può essere impiegata per classificare tale frazione della miscela in una categoria di pericolo a lungo termine (cronico), secondo i criteri per le sostanze rapidamente degradabili [tabella 4.1.0, lettera b), punto ii)], che viene poi impiegata per applicare il metodo della somma."

(16) Il punto 4.1.3.5.5.3.2 è sostituito dal seguente:

"La classificazione delle miscele in funzione del pericolo a breve termine (acuto) in base alla somma dei componenti classificati è sintetizzata nella tabella 4.1.1."

(17) Al punto 4.1.3.5.5.3.2, il titolo della tabella 4.1.1 è sostituito dal seguente:

"Classificazione di una miscela in funzione del pericolo a breve termine (acuto), in base alla somma dei componenti classificati"

(18) Il punto 4.1.3.5.5.4.5 è sostituito dal seguente:

"La classificazione delle miscele in funzione del pericolo a lungo termine (cronico) in base alla somma delle concentrazioni dei componenti classificati è sintetizzata nella tabella 4.1.2."

(19) Il titolo della tabella 4.1.2 è sostituito dal seguente:

"Classificazione di una miscela in funzione del pericolo a lungo termine (cronico), in base alla somma delle concentrazioni dei componenti classificati"

(20) Al punto 4.1.3.6.1, la frase introduttiva è sostituita dalla seguente:

"Se non si dispone di informazioni utilizzabili sul pericolo a breve termine (acuto) e/o a lungo termine (cronico) per l'ambiente acquatico di uno o più componenti rilevanti, la miscela non può essere classificata in modo definitivo in una o più categorie di pericolo."

(21) Al punto 4.1.4, la tabella 4.1.4 è sostituita dalla seguente:

 

"Tabella 4.1.4

Pericoloso per l'ambiente acquatico — Elementi dell'etichetta

Allegato II

Nell'allegato II, parte 2, punto 2.8, del regolamento (Ce) n. 1272/2008, è aggiunto un nuovo ultimo paragrafo:

"Se una miscela è etichettata in conformità al punto 2.4 o 2.5, l'indicazione EUH208 può non figurare sull'etichetta della sostanza in questione."

Allegato III

Nell'allegato III del regolamento (Ce) n. 1272/2008, la Parte 1 è così modificata:

1) La lettera b) è sostituita da quanto segue:

"b) se si opta per l'indicazione H314 "Provoca gravi ustioni della pelle e gravi lesioni oculari", l'indicazione H318 "Provoca gravi lesioni oculari" può essere omessa."

2) La voce relativa al codice H314 nella tabella 1.2 è sostituita dalla seguente:

"H314

Lingua

3.2 — Corrosione/irritazione cutanea, categoria di pericolo 1, sottocategorie 1A, 1B, 1C

 

BG

Причинява тежки изгаряния на кожата и сериозно увреждане на очите.

 

ES

Provoca quemaduras graves en la piel y lesiones oculares graves.

 

CS

Způsobuje těžké poleptání kůže a poškození očí.

 

DA

Forårsager svære ætsninger af huden og øjenskader.

 

DE

Verursacht schwere Verätzungen der Haut und schwere Augenschäden.

 

ET

Põhjustab rasket nahasöövitust ja silmakahjustusi.

 

EL

Προκαλεί σοβαρά δερματικά εγκαύματα και οφθαλμικές βλάβες.

 

EN

Causes severe skin burns and eye damage.

 

FR

Provoque des brûlures de la peau et de graves lésions des yeux.

 

GA

Ina chúis le dónna tromchúiseacha craicinn agus le damáiste don tsúil.

 

HR

Uzrokuje teške opekline kože i ozljede oka.

 

IT

Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari.

 

LV

Izraisa smagus ādas apdegumus un acu bojājumus.

 

LT

Smarkiai nudegina odą ir pažeidžia akis.

 

HU

Súlyos égési sérülést és szemkárosodást okoz.

 

MT

Jagħmel ħruq serju lill-ġilda u ħsara lill-għajnejn.

 

NL

Veroorzaakt ernstige brandwonden en oogletsel.

 

PL

Powoduje poważne oparzenia skóry oraz uszkodzenia oczu.

 

PT

Provoca queimaduras na pele e lesões oculares graves.

 

RO

Provoacă arsuri grave ale pielii şi lezarea ochilor.

 

SK

Spôsobuje vážne poleptanie kože a poškodenie očí.

 

SL

Povzroča hude opekline kože in poškodbe oči.

 

FI

Voimakkaasti ihoa syövyttävää ja silmiä vaurioittavaa.

 

SV

Orsakar allvarliga frätskador på hud och ögon."

3) La voce relativa al codice H318 nella tabella 1.2 è sostituita dalla seguente:

"H318

Lingua

3.3 — Gravi lesioni oculari/irritazione oculare, categoria di pericolo 1

 

BG

Предизвиква сериозно увреждане на очите.

 

ES

Provoca lesiones oculares graves.

 

CS

Způsobuje vážné poškození očí.

 

DA

Forårsager alvorlig øjenskade.

 

DE

Verursacht schwere Augenschäden.

 

ET

Põhjustab raskeid silmakahjustusi.

 

EL

Προκαλεί σοβαρή οφθαλμική βλάβη.

 

EN

Causes serious eye damage.

 

FR

Provoque de graves lésions des yeux.

 

GA

Ina chúis le damáiste tromchúiseach don tsúil.

 

HR

Uzrokuje teške ozljede oka.

 

IT

Provoca gravi lesioni oculari.

 

LV

Izraisa nopietnus acu bojājumus.

 

LT

Smarkiai pažeidžia akis.

 

HU

Súlyos szemkárosodást okoz.

 

MT

Jagħmel ħsara serja lill-għajnejn.

 

NL

Veroorzaakt ernstig oogletsel.

 

PL

Powoduje poważne uszkodzenie oczu.

 

PT

Provoca lesões oculares graves.

 

RO

Provoacă leziuni oculare grave.

 

SK

Spôsobuje vážne poškodenie očí.

 

SL

Povzroča hude poškodbe oči.

 

FI

Vaurioittaa vakavasti silmiä.

 

SV

Orsakar allvarliga ögonskador."

4) La voce relativa ai codici H311+H331 nella tabella 1.2 è sostituita dalla seguente:

"H311 + H331

Lingua

3.1 — Tossicità acuta per via cutanea e per inalazione, categoria di pericolo 3

 

BG

Токсичен при контакт с кожата или при вдишване

 

ES

Tóxico en contacto con la piel o si se inhala

 

CS

Toxický při styku s kůží a při vdechování

 

DA

Giftig ved hudkontakt eller indånding

 

DE

Giftig bei Hautkontakt oder Einatmen

 

ET

Nahale sattumisel või sissehingamisel mürgine

 

EL

Τοξικό σε επαφή με το δέρμα ή σε περίπτωση εισπνοής

 

EN

Toxic in contact with skin or if inhaled

 

FR

Toxique par contact cutané ou par inhalation

 

GA

Ábhar tocsaineach má theagmhaíonn leis an gcraiceann nó má ionanálaítear é

 

HR

Otrovno u dodiru s kožom ili ako se udiše

 

IT

Tossico a contatto con la pelle o se inalato

 

LV

Toksisks saskarē ar ādu vai ja iekļūst elpceļos

 

LT

Toksiška susilietus su oda arba įkvėpus

 

HU

Bőrrel érintkezve vagy belélegezve mérgező

 

MT

Tossika jekk tmiss mal-ġilda jew tittieħeb bin- nifs

 

NL

Giftig bij contact met de huid en bij inademing

 

PL

Działa toksycznie w kontakcie ze skórą lub w następstwie wdychania

 

PT

Tóxico em contacto com a pele ou por inalação

 

RO

Toxic în contact cu pielea sau prin inhalare

 

SK

Toxický pri styku s kožou alebo pri vdýchnutí

 

SL

Strupeno v stiku s kožo ali pri vdihavanju

 

FI

Myrkyllistä joutuessaan iholle tai hengitettynä

 

SV

Giftigt vid hudkontakt eller förtäring"

5) La voce relativa ai codici H302+H312 nella tabella 1.2 è sostituita dalla seguente:

"H302 + H312

Lingua

3.1 — Tossicità acuta per via orale e per via cutanea, categoria di pericolo 4

 

BG

Вреден при поглъщане или при контакт с кожата

 

ES

Nocivo en caso de ingestión o en contacto con la piel

 

CS

Zdraví škodlivý při požití a při styku s kůží

 

DA

Farlig ved indtagelse eller hudkontakt

 

DE

Gesundheitsschädlich bei Verschlucken oder Hautkontakt

 

ET

Allaneelamisel või nahale sattumisel kahjulik

 

EL

Επιβλαβές σε περίπτωση κατάποσης ή σε επαφή με το δέρμα

 

EN

Harmful if swallowed or in contact with skin

 

FR

Nocif en cas d'ingestion ou de contact cutané

 

GA

Ábhar dochrach má shlogtar é nó má theagmhaíonn leis an gcraiceann

 

HR

Štetno ako se proguta ili u dodiru s kožom

 

IT

Nocivo se ingerito o a contatto con la pelle

 

LV

Kaitīgs, ja norīts vai saskaras ar ādu

 

LT

Kenksminga prarijus arba susilietus su oda

 

HU

Lenyelve vagy bőrrel érintkezve ártalmas

 

MT

Tagħmel ħsara jekk tinbela' jew jekk tmiss mal- ġilda

 

NL

Schadelijk bij inslikken en bij contact met de huid

 

PL

Działa szkodliwie po połknięciu lub w kontakcie ze skórą

 

PT

Nocivo por ingestão ou contacto com a pele

 

RO

Nociv în caz de înghițire sau în contact cu pielea

 

SK

Zdraviu škodlivý pri požití alebo pri styku s kožou

 

SL

Zdravju škodljivo pri zaužitju ali v stiku s kožo

 

FI

Haitallista nieltynä tai joutuessaan iholle

 

SV

Skadligt vid förtäring eller hudkontakt"

Allegato IV

L'allegato IV del regolamento (Ce) n. 1272/2008 è così modificato:

(1) La frase introduttiva è così modificata:

(2) Il terzo paragrafo è sostituito dal seguente:

"Quando compare una barra o un segno diagonale [/] in un consiglio di prudenza nella colonna (2), ciò indica che bisogna scegliere tra le frasi proposte secondo le indicazioni della colonna (5)."

a) Il seguente paragrafo è inserito dopo il quarto paragrafo:

"Se il testo della colonna (5) indica che è consentito omettere un consiglio di prudenza laddove sull'etichetta è indicato un altro consiglio di prudenza, questa informazione si può usare per scegliere i consigli di prudenza a norma degli articoli 22 e 28."

(3) La parte 1 è così modificata:

a) La tabella 6.2 è così modificata:

(i) La voce relativa al codice P202 è sostituita dalla seguente:

"P202 Non manipolare prima di avere letto e compreso tutte le avvertenze. Gas infiammabili (ivi compresi i gas chimicamente instabili) (punto 2.2) A, B (gas chimicamente instabili)

 

Mutagenicità sulle cellule germinali (punto 3.5) 1A, 1B, 2
Cancerogenicità (punto 3.6) 1A, 1B, 2
Tossicità per la riproduzione (punto 3.7) 1A, 1B, 2"

(ii) La voce relativa al codice P220 è sostituita dalla seguente:

"P220 Tenere lontano da indumenti e altri materiali combustibili. Gas comburenti (punto 2.4) 1

 

Liquidi comburenti (punto 2.13) 1, 2, 3
Solidi comburenti (punto 2.14) 1, 2, 3"

(iii) La voce relativa al codice P221 è soppressa.

(iv) Le voci relative ai codici P222, P223, P230 e P231 sono sostituite dalle seguenti:

"P222 Evitare il contatto con l'aria. Liquidi piroforici (punto 2.9) 1

—se si ritiene necessario sottolineare l'indicazione di pericolo

Solidi piroforici (punto 2.10) 1
P223 Evitare qualunque contatto con l'acqua. Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2 —se si ritiene necessario sottolineare l'indicazione di pericolo
P230 Mantenere umido con … Esplosivi (punto 2.1) Divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.5

—per sostanze e miscele umidificate, diluite, disciolte o sospese con un flemmatizzante al fine di ridurne o di neutralizzarne le proprietà esplosive (esplosivi desensibilizzati)

…Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare il materiale appropriato.

P231 Manipolare e conservare in atmosfera di gas inerte/… Liquidi piroforici (punto 2.9) 1 … Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare il liquido o gas appropriato, se "gas inerte" non è appropriato.
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3

— se la sostanza o la miscela reagisce facilmente con l'umidità nell'aria.

… Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare il liquido o gas appropriato, se "gas inerte" non è appropriato."

(v) Le voci riguardanti i codici P233, P234, P235, P240, P241, P242, P243 sono sostituite dalle seguenti:

"P233 Tenere il recipiente ben chiuso. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 - se la volatilità del liquido è tale da generare un'atmosfera esplosiva
Liquidi piroforici (punto 2.9) 1
Solidi piroforici (punto 2.10) 1

Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1)

 

1, 2, 3

 

- se la volatilità del prodotto chimico è tale da generare un'atmosfera pericolosa
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; effetti narcotici (punto 3.8) 3
P234 Conservare soltanto nell'imballaggio originale. Esplosivi (punto 2.1) divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B, C, D, E, F
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F
Corrosivi per i metalli (punto 2.16) 1
P235 Tenere in luogo fresco. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 - per i liquidi infiammabili di categoria 1 e gli altri liquidi infiammabili la cui volatilità è tale da generare un'atmosfera esplosiva

Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8)

 

 

Tipi A, B, C, D, E, F

 

- possono essere omesse se P411 figura sull'etichetta

 

Sostanze e miscele autoriscaldanti (punto 2.11) 1, 2 - possono essere omesse se P413 figura sull'etichetta
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F - possono essere omesse se P411 figura sull'etichetta
P240 Mettere a terra e a massa il contenitore e il dispositivo ricevente. Esplosivi (punto 2.1) divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5 - se l'esplosivo è sensibile all'elettricità statica.
Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 - se la volatilità del liquido è tale da generare un'atmosfera esplosiva
Solidi infiammabili (punto 2.7) 1, 2 - se il solido è sensibile all'elettricità statica
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A,B,C, D, E, F - se sensibile all'elettricità statica e in grado di generare un'atmosfera esplosiva
Perossidi organici (punto 2.15)
P241 Utilizzare impianti [elettrici/di ventilazione/d'illuminazione/…] a prova di esplosione. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3

- se la volatilità del liquido è tale da generare un'atmosfera esplosiva

- il testo tra parentesi quadre può essere utilizzato per indicare specifici impianti elettrici, di ventilazione, di illuminazione o di altro tipo, se necessario e appropriato

Solidi infiammabili (punto 2.7) 1, 2

- se possono formarsi nubi di polvere

- il testo tra parentesi quadre può essere utilizzato per indicare specifici impianti elettrici, di ventilazione, di illuminazione o di altro tipo, se necessario e appropriato

P242 Usare utensili antiscintillamento. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 - se la volatilità del liquido è tale da generare un'atmosfera esplosiva e se l'energia minima di accensione è molto bassa. (Vale per le sostanze e le miscele quando l'energia di accensione è < 0,1 mJ, p. es. disolfuro di carbonio)
P243 Fare in modo di prevenire le scariche elettrostatiche. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 - se la volatilità del liquido è tale da generare un'atmosfera esplosiva"

(vi) La voce relativa al codice P250 è sostituita dalla seguente:

"P250 Evitare le abrasioni/gli urti/gli attriti… Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5

- se l'esplosivo presenta una sensibilità meccanica

…Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare il tipo di manipolazione"

(vii) La voce relativa al codice P261 è sostituita dalla seguente:

"P261 Evitare di respirare la polvere/i fumi/i gas/ la nebbia/i vapori/gli aerosol. Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 3, 4

— può essere omessa se P260 figura sull'etichetta

Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare le condizioni applicabili"

Sensibilizzazione delle vie respiratorie (punto 3.4) 1, 1A, 1B
Sensibilizzazione della pelle (punto 3.4) 1, 1A, 1B
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; effetti narcotici (punto 3.8) 3

(viii) La voce relativa al codice P263 è sostituita dalla seguente:

"P263 Evitare il contatto durante la gravidanza e l'allattamento. Tossicità per la riproduzione - effetti sull'allattamento o attraverso l'allattamento (punto 3.7) Categoria supplementare"

(ix) Le voci relative ai codici P280, P282, P283, P284, P231 + P232 sono sostituite dalle seguenti:

"P280 Indossare guanti/indumenti protettivi/proteggere gli occhi/proteggere il viso. Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5 Il fabbricante/fornitore è tenuto a precisare il tipo di dispositivo appropriato
Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3
Solidi infiammabili (punto 2.7) 1, 2
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B, C, D, E, F
Liquidi piroforici (punto 2.9) 1
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele autoriscaldanti (punto 2.11) 1, 2
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1, 2, 3
Solidi comburenti (punto 2.14) 1, 2, 3
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F
Tossicità acuta -per via cutanea (punto 3.1) 1, 2, 3, 4

- Specificare guanti/indumenti protettivi

Il fabbricante/fornitore può precisare ulteriormente il tipo di dispositivo, se del caso.

Corrosione cutanea (punto 3.2)

1, 1A, 1B, 1C

- Specificare guanti/indumenti protettivi e protezione per gli occhi/il viso.

Il fabbricante/fornitore può precisare ulteriormente il tipo di dispositivo, se del caso.

Irritazione cutanea (punto 3.2) 2

- Specificare: guanti protettivi.

Il fabbricante/fornitore può precisare ulteriormente il tipo di dispositivo, se del caso.

Sensibilizzazione della pelle (punto 3.4) 1, 1A, 1B
Gravi danni oculari (punto 3.3) 1

- Specificare il tipo di protezione per occhi e viso.

Il fabbricante/fornitore può precisare ulteriormente il tipo di dispositivo, se del caso.

Irritazione oculare (punto 3.3) 2

Mutagenicità sulle cellule germinali (punto 3.5)

 

1A, 1B, 2

 

Il fabbricante/ fornitore è tenuto a precisare il tipo di dispositivo appropriato.
Cancerogenicità (punto 3.6) 1A, 1B, 2
Tossicità per la riproduzione (punto 3.7) 1A, 1B, 2
P282 Utilizzare guanti termici isolanti e schermo facciale o protezione per gli occhi. Gas sotto pressione (punto 2.5) Gas liquefatto refrigerato
P283 Indossare indumenti completamente ignifughi o in tessuti ritardanti di fiamma. Liquidi comburenti (punto 2.13) 1
Solidi comburenti (punto 2.14) 1
P284 [Quando la ventilazione del locale è insufficiente] indossare un apparecchio di protezione respiratoria. Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 1, 2

- il testo tra parentesi quadre può essere utilizzato se sul luogo di uso sono fornite informazioni supplementari sulla sostanza chimica, che spieghino quale tipo di ventilazione sarebbe adeguata per un uso sicuro.

Il fabbricante/fornitore è tenuto a precisare il tipo di dispositivo.

Sensibilizzazione delle vie respiratorie (punto 3.4) 1, 1A, 1B
P231 + P232

Manipolare e conservare in atmosfera di gas inerte/…

Tenere al riparo dall'umidità.

Liquidi piroforici (punto 2.9) 1 … Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare il liquido o gas appropriato, se "gas inerte" non è appropriato.
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3

- se la sostanza o la miscela reagisce facilmente con l'umidità nell'aria.

… Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare il liquido o gas appropriato, se "gas inerte" non è appropriato."

(x) La voce relativa al codice P235+P410 è soppressa.

(a) La tabella 6.3 è così modificata:

(i) La voce relativa al codice P302 è sostituita dalla seguente:

"P302 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: Liquidi piroforici (punto 2.9) 1
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2
Tossicità acuta, per via cutanea (punto 3.1) 1, 2, 3, 4
Irritazione cutanea (punto 3.2) 2
Sensibilizzazione della pelle (punto 3.4) 1, 1A, 1B"

(ii) La voce relativa al codice P312 è sostituita dalla seguente:

"P312 In caso di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI/ un medico/… Tossicità acuta — per via orale (punto 3.1) 4 …Il fabbricante/fornitore è tenuto a indicare un centro adeguato di consulenza medica di emergenza."
Tossicità acuta — per via cutanea (punto 3.1) 3, 4
Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 4
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; effetti narcotici (punto 3.8) 3

(iii) Le voci relative ai codici P320 e P321 sono sostituite dalle seguenti:

"P320 Trattamento specifico urgente (vedere … su questa etichetta). Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 1, 2

— se è necessaria la somministrazione immediata di un antidoto.

… Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso.

P321 Trattamento specifico (vedere … su questa etichetta). Tossicità acuta — per via orale (punto 3.1) 1, 2, 3

— se è necessaria la somministrazione immediata di un antidoto.

… Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso.

Tossicità acuta, per via cutanea (punto 3.1) 1, 2, 3, 4

— se sono necessari interventi immediati quali l'uso di un prodotto di pulizia particolare.

… Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso.

Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 3

— se sono necessari interventi specifici immediati.

… Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso.

Corrosione cutanea (punto 3.2) 1, 1A, 1B, 1C

… Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso.

Il fabbricante/fornitore può specificare, se del caso, un prodotto detergente.

Irritazione cutanea (punto 3.2) 2
Sensibilizzazione della pelle (punto 3.4) 1, 1A, 1B
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola (punto 3.8) 1

— se sono necessari interventi immediati.

… Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso."

 

(iv) La voce relativa al codice P334 è sostituita dalla seguente:

"P334 Immergere in acqua fredda [o avvolgere con un bendaggio umido]. Liquidi piroforici (punto 2.9) 1 — il testo tra parentesi quadre va utilizzato per i liquidi e i solidi piroforici
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2 Usare esclusivamente "immergere in acqua fredda". Il testo tra parentesi quadre non dovrebbe essere utilizzato."

(v) La voce relativa al codice P353 è sostituita dalla seguente:

"P353 Sciacquare la pelle [o fare una doccia]. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 — il testo tra parentesi quadre va inserito se il fabbricante/fornitore lo ritiene opportuno per la sostanza chimica specifica."
Corrosione cutanea (punto 3.2) 1, 1A, 1B, 1C

(vi) La voce relativa al codice P370 è sostituita dalla seguente:

"P370 In caso di incendio: Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5
Gas comburenti (punto 2.4) 1
Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3
Solidi infiammabili (punto 2.7) 1, 2
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B, C, D, E, F
Liquidi piroforici (punto 2.9) 1
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1, 2, 3
Solidi comburenti (punto 2.14) 1, 2, 3
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F"

(vii) Le voci relative ai codici P372 e P373 sono sostituite dalle seguenti:

"P372 Rischio di esplosione. Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, e 1.5
Divisione 1.4 — fatta eccezione per gli esplosivi della divisione 1.4 (gruppo di compatibilità S) in imballaggi di trasporto.
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipo A
Perossidi organici (punto 2.15) Tipo A
P373 NON utilizzare mezzi estinguenti se l'incendio raggiunge materiali esplosivi. Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.5
Divisione 1.4 — fatta eccezione per gli esplosivi della divisione 1.4 (gruppo di compatibilità S) in imballaggi di trasporto.
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipo A
Perossidi organici (punto 2.15) Tipo A"

(viii) La voce relativa al codice P374 è soppressa.

(ix) La voce relativa al codice P375 è sostituita dalla seguente:

"P375 Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza. Esplosivi (punto 2.1) Divisione 1.4 — per gli esplosivi della divisione 1.4 (gruppo di compatibilità S) in imballaggi di trasporto."
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipo B
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1
Solidi comburenti (punto 2.14) 1
Perossidi organici (punto 2.15) Tipo B

(x) Le voci relative ai codici P378, P380 e P381 sono sostituite dalle seguenti:

"P378 Estinguere con… Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3

— se l'acqua aumenta il rischio

…il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare i mezzi appropriati.

Solidi infiammabili (punto 2.7) 1, 2
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi B, C, D, E, F
Liquidi piroforici (punto 2.9) 1
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1, 2, 3
Solidi comburenti (punto 2.14) 1, 2, 3
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi B, C, D, E, F
P380 Evacuare la zona. Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili, divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1
Solidi comburenti (punto 2.14) 1
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B
P381 In caso di perdita, eliminare ogni fonte di accensione. Gas infiammabili (punto 2.2) 1,2"

(xi) La voce relativa al codice P301 + P312 è sostituita dalla seguente:

"P301 + P312 IN CASO DI INGESTIONE: In presenza di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico/… Tossicità acuta — per via orale (punto 3.1) 4 …Il fabbricante/fornitore è tenuto a indicare un centro adeguato di consulenza medica di emergenza."

(xii) La voce relativa al codice P301 + P330+P331 è soppressa.

(xiii) La voce relativa al codice P302 + P334 è sostituita dalla seguente:

"P302 + P334 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: immergere in acqua fredda o avvolgere con un bendaggio umido. Liquidi piroforici (punto 2.9) 1"

(xiv) La voce relativa al codice P303+P361+P353 è soppressa.

(xv) La voce relativa al codice P305 + P351 + P338 è soppressa.

(xvi) La voce relativa al codice P332 + P313 è sostituita dalla seguente:

"P332 + P313 In caso di irritazione della pelle: consultare un medico. Irritazione cutanea (punto 3.2) 2 — possono essere omesse se P333 + P313 figura sull'etichetta."

(xvii) La voce nuova a seguire riguardante il codice P336 + P315 è inserita dopo la voce relativa al codice P333 + P313:

"P336 + P315 Sgelare le parti congelate usando acqua tiepida. Non sfregare la parte interessata. Consultare immediatamente un medico. Gas sotto pressione (punto 2.5) Gas liquefatto refrigerato"

(xviii) La voce relativa al codice P335 + P334 è soppressa.

(xix) La voce relativa al codice P370 + P378 è sostituita dalla seguente:

"P370 + P378 In caso di incendio: estinguere con… Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3

— se l'acqua aumenta il rischio.

… Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare i mezzi appropriati."

Solidi infiammabili (punto 2.7) 1, 2
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi C, D, E, F
Liquidi piroforici (punto 2.9) 1
Solidi piroforici (punto 2.10) 1
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1, 2, 3
Solidi comburenti (punto 2.14) 1, 2, 3
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi C, D, E, F

(xx) Le seguenti nuove voci relative ai codici P301 + P330 + P331, P302 + P335 + P334, P303 + P361 + P353 e P305 + P351 + P338 sono inserite dopo la voce relativa al codice P370 + P378:

"P301 + P330 + P331 IN CASO DI INGESTIONE: sciacquare la bocca. NON provocare il vomito. Corrosione cutanea (punto 3.2) 1, 1A, 1B, 1C
P302 + P335 + P334 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: rimuovere le particelle depositate sulla pelle. Immergere in acqua fredda [o avvolgere con un bendaggio umido]. Solidi piroforici (punto 2.10) 1 — il testo tra parentesi quadre va utilizzato per i solidi piroforici.
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2 — usare esclusivamente "immergere in acqua fredda". Il testo tra parentesi quadre non dovrebbe essere utilizzato.
P303 + P361 + P353 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE (o con i capelli): togliersi di dosso immediatamente tutti gli indumenti contaminati. Sciacquare la pelle [o fare una doccia]. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 — il testo tra parentesi quadre va inserito se il fabbricante/fornitore lo ritiene opportuno per la sostanza chimica specifica.
Corrosione cutanea (punto 3.2) 1, 1A, 1B, 1C
P305 + P351 + P338 IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare. Corrosione cutanea (punto 3.2) 1, 1A, 1B, 1C
Gravi danni oculari/ irritazione oculare (punto 3.3) 1
Irritazione oculare (punto 3.3) 2"

(xxi) La voce relativa al codice P370 + P380 è soppressa.

(xxii) La voce relativa al codice P370 + P380 + P375 è sostituita dalla seguente:

"P370 + P380 + P375 In caso di incendio: Evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza. Esplosivi (punto 2.1) Divisione 1.4 — per gli esplosivi della divisione 1.4 (gruppo di compatibilità S) in imballaggi di trasporto."

(xxiii) Le seguenti nuove voci relative ai codici P370 + P372 + P380 + P373 e P370 + P380 + P375 + [P378] sono inserite dopo la voce relativa al codice P371 + P380 + P375:

"P370 + P372 + P380 + P373 Rischio di esplosione in caso di incendio. Evacuare la zona. NON utilizzare mezzi estinguenti se l'incendio raggiunge materiali esplosivi. Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.5
Divisione 1.4 — fatta eccezione per gli esplosivi della divisione 1.4 (gruppo di compatibilità S) in imballaggi di trasporto.
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipo A
Perossidi organici (punto 2.15) Tipo A
P370 + P380 + P375 + [P378] In caso di incendio: Evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza. [Estinguere con…]. Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipo B

— il testo tra parentesi quadre va utilizzato se l'acqua aumenta il rischio.

…Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare i mezzi appropriati."

Perossidi organici (punto 2.15) Tipo B

(b) La tabella 6.4 è così modificata:

(i) La voce relativa al codice P401 è sostituita dalla seguente:

"P401 Conservare secondo… Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5 …Il fabbricante/ fornitore è tenuto a precisare la regolamentazione locale/regionale/nazionale/internazionale, se del caso."

(ii) La voce relativa al codice P403 è sostituita dalla seguente:

"P403 Conservare in luogo ben ventilato. Gas infiammabili (punto 2.2) 1, 2
Gas comburenti (punto 2.4) 1
Gas sotto pressione (punto 2.5) Gas compresso
Gas liquefatto
Gas liquefatto refrigerato
Gas disciolto
Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 — per i liquidi infiammabili di categoria 1 e gli altri liquidi infiammabili la cui volatilità è tale da generare un'atmosfera esplosiva.
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8)Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F — fatta eccezione per sostanze e miscele autoreattive a temperatura controllata o perossidi organici, perché può prodursi condensazione e conseguente congelamento.
Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 1, 2, 3 — se la sostanza o la miscela sono volatili e possono generare un'atmosfera pericolosa.
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; effetti narcotici (punto 3.8) 3"

(iii) La voce relativa al codice P406 è sostituita dalla seguente:

"P406 Conservare in recipiente resistente alla corrosione/… provvisto di rivestimento interno resistente. Sostanze o miscele corrosive per i metalli (punto 2.16) 1

— può essere omesso se P234 figura sull'etichetta

…Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare altri materiali compatibili."

(iv) La voce relativa al codice P407 è sostituita dalla seguente:

"P407 Mantenere uno spazio libero tra gli scaffali o i pallet. Sostanze e miscele autoriscaldanti (punto 2.11) 1,2"

(v) Le voci relative ai codici P411, P412, P413 e P420 sono sostituite dalle seguenti:

"P411 Conservare a temperature non superiori a… °C/…°F. Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B, C, D, E, F

— se sono necessari controlli della temperatura (conformemente all'allegato I, punto 2.8.2.4 o 2.15.2.3) o se altrimenti considerato necessario.

…Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare la temperatura utilizzando la scala di temperatura applicabile.

Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F
P412 Non esporre a temperature superiori a 50 °C/122 °F. Aerosol (punto 2.3) 1, 2, 3 Il fabbricante/fornitore è tenuto ad utilizzare la scala di temperatura applicabile.
P413 Conservare le rinfuse di peso superiore a … kg/… lb a temperature non superiori a … C/…°F. Sostanze e miscele autoriscaldanti (punto 2.11) 1, 2 … Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare la massa e la temperatura utilizzando la scala applicabile.
P420 Conservare separatamente. Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B, C, D, E, F
Sostanze e miscele autoriscaldanti (punto 2.11) 1.2
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1
Solidi comburenti (punto 2.14) 1
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A,B,C,D, E,F"

(vi) La voce relativa al codice P422 è soppressa.

(vii) Le voci relative ai codici P403 + P233, P403 + P235, P410 + P403 e P410 + 412 sono sostituite dalle seguenti:

"P403 + P233 Conservare in luogo ben ventilato. Tenere il recipiente ben chiuso. Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 1, 2, 3 — se la sostanza o la miscela sono volatili e possono generare un'atmosfera pericolosa.
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; narcosi (punto 3.8) 3
P403 + P235 Conservare in luogo ben ventilato. Tenere in luogo fresco. Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3 — per i liquidi infiammabili di categoria 1 e gli altri liquidi infiammabili la cui volatilità è tale da generare un'atmosfera esplosiva.
P410 + P403 Proteggere dai raggi solari. Conservare in luogo ben ventilato. Gas sotto pressione (punto 2.5) Gas compresso - P410 può essere omesso per gas contenuti in bombole di gas trasportabili conformemente all'istruzione in materia di imballaggio P200 delle UN RTDG, a meno che tali gas non siano soggetti a una (lenta) decomposizione o polimerizzazione.
Gas liquefatto
Gas disciolto
P410 + P412 Proteggere dai raggi solari. Non esporre a temperature superiori a 50 °C/122 °F. Aerosol (punto 2.3) 1, 2, 3 Il fabbricante/fornitore è tenuto ad utilizzare la scala di temperatura applicabile."

(viii) La voce relativa al codice P411 + P235 è soppressa.

(c) La tabella 6.5 è così modificata:

Le voci relative ai codici P501 e P502 sono sostituite dalle seguenti:

"P501 Smaltire il contenuto/recipiente in… Esplosivi (punto 2.1) Esplosivi instabili e divisioni 1.1, 1.2, 1.3, 1.4, 1.5

… in conformità alla regolamentazione locale/regionale/nazionale/internazionale (da specificare).

Il fabbricante/fornitore è tenuto a specificare se le disposizioni in materia di smaltimento si applicano al contenuto, al contenitore o ad entrambi.

Liquidi infiammabili (punto 2.6) 1, 2, 3
Sostanze e miscele autoreattive (punto 2.8) Tipi A, B, C, D, E, F
Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili (punto 2.12) 1, 2, 3
Liquidi comburenti (punto 2.13) 1, 2, 3
Solidi comburenti (punto 2.14) 1, 2, 3
Perossidi organici (punto 2.15) Tipi A, B, C, D, E, F
Tossicità acuta — per via orale (punto 3.1) 1, 2, 3, 4
Tossicità acuta — per via cutanea (punto 3.1) 1, 2, 3, 4
Tossicità acuta — per inalazione (punto 3.1) 1, 2
Corrosione cutanea (punto 3.2) 1, 1A, 1B, 1C
Sensibilizzazione delle vie respiratorie (punto 3.4) 1, 1A, 1B
Sensibilizzazione della pelle (punto 3.4) 1, 1A, 1B
Mutagenicità sulle cellule germinali (punto 3.5) 1A, 1B, 2
Cancerogenicità (punto 3.6) 1A, 1B, 2
Tossicità per la riproduzione (punto 3.7) 1A, 1B, 2
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola (punto 3.8) 1, 2
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione singola; effetti narcotici (punto 3.8) 3
Tossicità specifica per organi bersaglio — esposizione ripetuta (punto 3.9) 1, 2
Pericolo in caso di aspirazione (punto 3.10) 1
Pericoloso per l'ambiente acquatico — pericolo acuto per l'ambiente acquatico (punto 4.1) 1
Pericoloso per l'ambiente acquatico — pericolo cronico per l'ambiente acquatico (punto 4.1) 1, 2, 3, 4
P502 Chiedere informazioni al produttore o fornitore per il recupero o il riciclaggio Pericoloso per lo strato di ozono (punto 5.1) 1"

 

(4) La parte 2 è così modificata:

(a) La tabella 1.2 è così modificata:

(i) La voce relativa al codice P220 è sostituita dalla seguente:

"P220 Lingua
BG Да се държи далеч от облекло и други горими материали.
ES Mantener alejado de la ropa y otros materiales combustibles.
CS Uchovávejte odděleně od oděvů a jiných hořlavých materiálů.
DA Holdes væk fra beklædningsgenstande og andre brændbare materialer.
DE Von Kleidung und anderen brennbaren Materialien fernhalten.
ET Hoida eemal rõivastest ja muust süttivast materjalist.
EL Να φυλάσσεται μακριά από ενδύματα και άλλα καύσιμα υλικά.
EN Keep away from clothing and other combustible materials.
FR Tenir à l'écart des vêtements et d'autres matières combustibles.
GA Coimeád glan ar éadaí agus ar ábhair indóite eile.
HR Čuvati odvojeno od odjeće i drugih zapaljivih materijala.
IT Tenere lontano da indumenti e altri materiali combustibili.
LV Nepieļaut saskari ar apģērbu un citiem uzliesmojošiem materiāliem.
LT Laikyti atokiau nuo drabužių bei kitų degiųjų medžiagų.
HU Ruhától és más éghető anyagoktól távol tartandó.
MT Żomm 'il bogħod mill-ħwejjeġ u materjali oħra li jaqbdu.
NL Verwijderd houden van kleding en andere brandbare materialen.
PL Trzymać z dala od odzieży i innych materiałów zapalnych.
PT Manter afastado da roupa e de outras matérias combustíveis.
RO A se păstra departe de îmbrăcăminte și de alte materiale combustibile.
SK Uchovávajte mimo odevov a iných horľavých materiálov.
SL Hraniti ločeno od oblačil in drugih vnetljivih materialov.
FI Pidä erillään vaatetuksesta ja muista syttyvistä materiaaleista.
SV Hålls åtskilt från kläder och andra brännbara material."

(ii) La voce relativa al codice P221 è soppressa.

(iii) La voce relativa al codice P231 è sostituita dalla seguente:

"P231 Lingua
BG Да се използва и съхранява съдържанието под инертен газ/…
ES Manipular y almacenar el contenido en un medio de gas inerte /…
CS Manipulace a skladování pod inertním plynem /…
DA Håndteres og opbevares under inert gas/…
DE Inhalt unter inertem Gas/… handhaben und aufbewahren.
ET Sisu käidelda ja hoida inertgaasis/…
EL Ο χειρισμός και η αποθήκευση του υλικού να γίνεται υπό αδρανές αέριο/ …
EN Handle and store contents under inert gas/…
FR Manipuler et stocker le contenu sous gaz inerte/…
GA Láimhsigh agus stóráil an t-ábhar faoi thriathghás/…
HR Rukovati i skladištiti u inertnom plinu / …
IT Manipolare e conservare in atmosfera di gas inerte/…
LV Saturu izmantot un glabāt tikai inertas gāzes vidē/…
LT Turinį tvarkyti ir laikyti inertinėse dujose/…
HU Tartalma inert gázban / … használandó és tárolandó.
MT Uża u aħżen il-kontenut taħt gass inerti /…
NL Inhoud onder inert gas/… gebruiken en bewaren.
PL Używać i przechowywać zawartość w atmosferze obojętnego gazu /…
PT Manusear e armazenar o conteúdo em atmosfera de gás inerte/…
RO A se manipula și a se depozita conținutul sub un gaz inert/…
SK Manipulujte s obsahom a skladujte ho v prostredí s inertným plynom/…
SL Ravnati z vsebino in jo hraniti v inertnem plinu/…
FI Käsittele ja varastoi sisältö inertissä kaasussa/…
SV Hantera och förvara innehållet under inert gas/…"

(iv) La voce relativa al codice P234 è sostituita dalla seguente:

"P234 Lingua
BG Да се съхранява само в оригиналната опаковка.
ES Conservar únicamente en el embalaje original.
CS Uchovávejte pouze v původním balení.
DA Opbevares kun i originalemballagen.
DE Nur in Originalverpackung aufbewahren.
ET Hoida üksnes originaalpakendis.
EL Να διατηρείται μόνο στην αρχική συσκευασία.
EN Keep only in original packaging.
FR Conserver uniquement dans l'emballage d'origine.
GA Coimeád sa phacáistiú bunaidh amháin.
HR Čuvati samo u originalnom pakiranju.
IT Conservare soltanto nell'imballaggio originale.
LV Turēt tikai oriģināliepakojumā.
LT Laikyti tik originalioje pakuotėje.
HU Az eredeti csomagolásban tartandó.
MT Żomm biss fl-imballaġġ oriġinali.
NL Uitsluitend in de oorspronkelijke verpakking bewaren.
PL Przechowywać wyłącznie w oryginalnym opakowaniu.
PT Mantenha sempre o produto na sua embalagem original.
RO A se păstra numai în ambalajul original.
SK Uchovávajte iba v pôvodnom balení.
SL Hraniti samo v originalni embalaži.
FI Säilytä alkuperäispakkauksessa.
SV Förvaras endast i originalförpackningen."

(v) La voce relativa al codice P240 è sostituita dalla seguente:

"P240 Lingua
BG Заземяване и еквипотенциална връзка на съда и приемателното устройство.
ES Toma de tierra y enlace equipotencial del recipiente y del equipo receptor.
CS Uzemněte a upevněte obal a odběrové zařízení.
DA Beholder og modtageudstyr jordforbindes/potentialudlignes.
DE Behälter und zu befüllende Anlage erden.
ET Mahuti ja vastuvõtuseade maandada ja ühendada.
EL Γείωση και ισοδυναμική σύνδεση του περιέκτη και του εξοπλισμού του δέκτη.
EN Ground and bond container and receiving equipment.
FR Mise à la terre et liaison équipotentielle du récipient et du matériel de réception.
GA Nasc an coimeádán agus an trealamh glactha leis an talamh.
HR Uzemljiti i učvrstiti spremnik i opremu za prihvat kemikalije.
IT Mettere a terra e a massa il contenitore e il dispositivo ricevente.
LV Tvertnes un saņēmējiekārtas iezemēt un savienot.
LT Įžeminti ir įtvirtinti talpyklą ir priėmimo įrangą.
HU A tárolóedényt és a fogadóedényt le kell földelni és át kell kötni.
MT Poġġi mal-art u waħħal il-kontenitur u t-tagħmir riċevitur.
NL Opslag- en opvangreservoir aarden.
PL Uziemić i połączyć pojemnik i sprzęt odbiorczy.
PT Ligação à terra/equipotencial do recipiente e do equipamento recetor.
RO Legătură la pământ și conexiune echipotențială cu recipientul și cu echipamentul de recepție.
SK Uzemnite a upevnite nádobu a plniace zariadenie.
SL Ozemljiti posodo in opremo za sprejem tekočine ter izenačiti potenciale.
FI Maadoita ja yhdistä säiliö ja vastaanottavat laitteet.
SV Jorda och potentialförbind behållare och mottagarutrustning."

(vi) La voce relativa al codice P241 è sostituita dalla seguente:

"P241 Lingua
BG Използвайте [електрическо/вентилационно/осветително/…] оборудване, обезопасено срещу експлозия.
ES Utilizar material [eléctrico / de ventilación/iluminación / …] antideflagrante.
CS Používejte [elektrické/ventilační/osvětlovací/…] zařízení do výbušného prostředí.
DA Anvend eksplosionssikkert [elektrisk/ventilations-/lys-/…] udstyr.
DE Explosionsgeschützte [elektrische/Lüftungs-/Beleuchtungs-/…] Geräte verwenden.
ET Kasutada plahvatuskindlaid [elektri-/ventilatsiooni-/valgustus-/…] seadmeid.
EL Να χρησιμοποιείται αντιεκρηκτικός εξοπλισμός [ηλεκτρολογικός /εξαερισμού/ φωτιστικός/…].
EN Use explosion-proof [electrical/ventilating/lighting/…] equipment.
FR Utiliser du matériel [électrique/de ventilation/d'éclairage/…] antidéflagrant.
GA Bain úsáid as trealamh pléascdhíonach [leictreach/ aerála/soilsiúcháin/…].
HR Rabiti [električnu/ventilacijsku/rasvjetnu/…] opremu koja neće izazvati eksploziju.
IT Utilizzare impianti [elettrici/di ventilazione/d'illuminazione/…] a prova di esplosione.
LV Izmantot sprādziendrošas [elektriskās/ventilācijas/apgaismošanas/…] iekārtas.
LT Naudoti sprogimui atsparią [elektros/ventiliacijos/apšvietimo/…] įrangą.
HU Robbanásbiztos [elektromos/szellőztető/világító/…] berendezés használandó.
MT Uża' tagħmir [elettriku / ta' ventilazzjoni / ta' dawl/…] li jiflaħ għal splużjoni.
NL Explosieveilige [elektrische/ventilatie-/verlichtings-/…]apparatuur gebruiken.
PL Używać [elektrycznego/wentylującego/oświetleniowego/…/] przeciwwybuchowego sprzętu.
PT Utilizar equipamento [elétrico/de ventilação/de iluminação/…] à prova de explosão.
RO Utilizați echipamente [electrice/de ventilare/de iluminat/…] antideflagrante.
SK Používajte [elektrické/ventilačné/osvetľovacie/…] zariadenie do výbušného prostredia.
SL Uporabiti [električno opremo/prezračevalno opremo/ opremo za razsvetljavo/…], odporno proti eksplozijam.
FI Käytä räjähdysturvallisia [sähkö/ilmanvaihto/valaisin/…]laitteita.
SV Använd explosionssäker [elektrisk/ventilations-/belysnings-/…]utrustning."

(vii) La voce relativa al codice P242 è sostituita dalla seguente:

"P242 Lingua
BG Използвайте инструменти, които не предизвикват искри.
ES No utilizar herramientas que produzcan chispas.
CS Používejte nářadí z nejiskřícího kovu.
DA Anvend værktøj, som ikke frembringer gnister.
DE Funkenarmes Werkzeug verwenden.
ET Mitte kasutada seadmeid, mis võivad tekitada sädemeid.
EL Να χρησιμοποιούνται μη σπινθηρογόνα εργαλεία.
EN Use non-sparking tools.
FR Utiliser des outils ne produisant pas d'étincelles.
GA Bain úsáid as uirlisí neamhspréachta.
HR Rabiti neiskreći alat.
IT Utilizzare utensili antiscintillamento.
LV Izmantot instrumentus, kas nerada dzirksteles.
LT Naudoti kibirkščių nekeliančius įrankius.
HU Szikramentes eszközök használandók.
MT Uża għodda li ma ttajjarx żnied.
NL Vonkvrij gereedschap gebruiken.
PL Używać nieiskrzących narzędzi.
PT Utilizar ferramentas antichispa.
RO Nu utilizați unelte care produc scântei.
SK Používajte neiskriace prístroje.
SL Uporabiti orodje, ki ne povzroča isker.
FI Käytä kipinöimättömiä työkaluja.
SV Använd verktyg som inte ger upphov till gnistor."

(viii) La voce relativa al codice P243 è sostituita dalla seguente:

"P243 Lingua
BG Предприемете действия за предотвратяване на освобождаването на статично електричество.
ES Tomar medidas de precaución contra las descargas electrostáticas.
CS Proveďte opatření proti výbojům statické elektřiny.
DA Træf foranstaltninger mod statisk elektricitet.
DE Maßnahmen gegen elektrostatische Entladungen treffen.
ET Rakendada abinõusid staatilise elektri vältimiseks.
EL Λάβετε μέτρα για την αποτροπή ηλεκτροστατικών εκκενώσεων.
EN Take action to prevent static discharges.
FR Prendre des mesures de précaution contre les décharges électrostatiques.
GA Déan bearta in aghaidh díluchtú statach.
HR Poduzeti mjere za sprečavanje statičkog elektriciteta.
IT Fare in modo di prevenire le scariche elettrostatiche.
LV Nodrošināties pret statiskās enerģijas izlādi.
LT Imtis veiksmų statinei iškrovai išvengti.
HU Az elektrosztatikus kisülés megakadályozására óvintézkedéseket kell tenni.
MT Ħu azzjoni biex tipprevjeni l-ħruġ ta' elettriku statiku.
NL Maatregelen treffen om ontladingen van statische elektriciteit te voorkomen.
PL Podjąć działania zapobiegające wyładowaniom elektrostatycznym.
PT Tomar medidas para evitar acumulação de cargas eletrostáticas.
RO Luați măsuri de precauție împotriva descărcărilor electrostatice.
SK Vykonajte opatrenia na zabránenie výbojom statickej elektriny.
SL Ukrepati za preprečitev statičnega naelektrenja.
FI Estä staattisen sähkön aiheuttama kipinöinti.
SV Vidta åtgärder mot statisk elektricitet."

(ix) La voce relativa al codice P250 è sostituita dalla seguente:

"P250 Lingua
BG Да не се подлага на стържене/удар/триене…
ES Evitar abrasiones/choques/fricciones/… .
CS Nevystavujte obrušování/nárazům/tření/… .
DA Må ikke udsættes for slibning/stød/gnidning/….
DE Nicht schleifen/stoßen/reiben/… .
ET Hoida kriimustamise/põrutuse/hõõrdumise/… eest.
EL Να αποφεύγεται άλεση/κρούση/τριβή/… .
EN Do not subject to grinding/shock/friction/… .
FR Éviter les abrasions/les chocs/les frottements/… .
GA Ná nocht do mheilt/do thurraing/do fhrithchuimilt/… .
HR Ne izlagati mrvljenju/udarcima/trenju/…
IT Evitare le abrasioni/gli urti/gli attriti/… .
LV Nepakļaut drupināšanai/triecienam/berzei/… .
LT Nešlifuoti/netrankyti/…/netrinti.
HU Tilos csiszolásnak/ütésnek/súrlódásnak/… kitenni.
MT Tissottoponix għal brix / xokk / frizzjoni /… .
NL Malen/schokken/wrijving/… vermijden.
PL Nie poddawać szlifowaniu/wstrząsom/tarciu/….
PT Não submeter a trituração/choque/fricção/… .
RO A nu se supune la abraziuni/șocuri/frecare/… .
SK Nevystavujte brúseniu/nárazu/treniu/… .
SL Ne izpostavljati drgnjenju/udarcem/trenju/… .
FI Suojele rasitukselta/iskuilta/hankaukselta/….
SV Får inte utsättas för malning/stötar/friktion/… ."

(x) La voce relativa al codice P263 è sostituita dalla seguente:

"P263 Lingua
BG Да се избягва контакт по време на бременност и при кърмене.
ES Evitar todo contacto con la sustancia durante el embarazo y la lactancia.
CS Zabraňte styku během těhotenství a kojení.
DA Undgå kontakt under graviditet/amning.
DE Berührung während Schwangerschaft und Stillzeit vermeiden.
ET Vältida kokkupuudet raseduse ja imetamise ajal.
EL Αποφεύγετε την επαφή στη διάρκεια της εγκυμοσύνης και της γαλουχίας.
EN Avoid contact during pregnancy and while nursing.
FR Éviter tout contact avec la substance au cours de la grossesse et pendant l'allaitement.
GA Seachain teagmháil le linn toirchis agus fad agus atá an chíoch á tabhairt.
HR Izbjegavati dodir tijekom trudnoće i dojenja.
IT Evitare il contatto durante la gravidanza e l'allattamento.
LV Izvairīties no saskares grūtniecības laikā un barojot bērnu ar krūti.
LT Vengti kontakto nėštumo metu/maitinant krūtimi.
HU Terhesség és szoptatás alatt kerülni kell az anyaggal való érintkezést.
MT Evita l-kuntatt waqt it-tqala u t-treddigħ.
NL Bij zwangerschap of borstvoeding aanraking vermijden.
PL Unikać kontaktu w czasie ciąży i podczas karmienia piersią.
PT Evitar o contacto durante a gravidez e o aleitamento.
RO Evitați contactul în timpul sarcinii și alăptării.
SK Zabráňte kontaktu počas tehotenstva a dojčenia.
SL Preprečiti stik med nosečnostjo in dojenjem.
FI Vältä kosketusta raskauden ja imetyksen aikana.
SV Undvik kontakt under graviditet och amning."

(xi) La voce relativa al codice P282 è sostituita dalla seguente:

"P282 Lingua
BG Носете предпазващи от студ ръкавици, както и маска за лице или защитни очила.
ES Usar guantes aislantes contra el frío y equipo de protección para la cara o los ojos.
CS Používejte ochranné rukavice proti chladu a buď obličejový štít, nebo ochranné brýle.
DA Bær kuldeisolerende handsker og enten ansigtsskærm eller øjenbeskyttelse.
DE Schutzhandschuhe mit Kälteisolierung und zusätzlich Gesichtsschild oder Augenschutz tragen.
ET Kanda külmakaitsekindaid ning kaitsemaski või kaitseprille.
EL Να φοράτε μονωτικά γάντια και προστατευτικό κάλυμμα προσώπου ή εξοπλισμό προστασίας ματιών.
EN Wear cold insulating gloves and either face shield or eye protection.
FR Porter des gants isolants contre le froid et un équipement de protection du visage ou des yeux.
GA Caith lámhainní inslithe fuachta agus aghaidhsciath nó cosaint súile.
HR Nositi zaštitne rukavice za hladnoću i zaštitu za lice ili zaštitu za oči.
IT Utilizzare guanti termici e schermo facciale o protezione per gli occhi.
LV Izmantot aukstumizolējošus aizsargcimdus un sejas vai acu aizsargu.
LT Mūvėti nuo šalčio izoliuojančias pirštines ir naudoti veido skydelį arba akių apsaugos priemones.
HU Hidegszigetelő kesztyű és arcvédő vagy szemvédő használata kötelező.
MT Ilbes ingwanti kiesħa li ma jinfidx minnhom u jew ilqugħ għall-wiċċ jew protezzjoni għall-għajnejn.
NL Koude-isolerende handschoenen en hetzij gelaatsbescherming hetzij oogbescherming dragen.
PL Nosić rękawice izolujące od zimna oraz albo maski na twarz albo ochronę oczu.
PT Usar luvas de proteção contra o frio e escudo facial ou proteção ocular.
RO Purtați mănuși izolante împotriva frigului și echipament de protecție a feței sau a ochilor.
SK Používajte termostabilné rukavice a buď ochranný štít alebo ochranné okuliare.
SL Nositi izolirne rokavice za zaščito pred mrazom in zaščito za obraz oziroma zaščito za oči.
FI Käytä kylmäeristäviä suojakäsineitä ja joko kasvonsuojainta tai silmiensuojainta.
SV Använd köldisolerande handskar och antingen visir eller ögonskydd."

(xii) La voce relativa al codice P283 è sostituita dalla seguente:

"P283 Lingua
BG Носете огнеупорно или огнезащитно облекло.
ES Llevar ropa resistente al fuego o retardante de las llamas.
CS Používejte ohnivzdorný oděv nebo oděv zpomalující hoření.
DA Bær brandbestandig eller brandhæmmende beklædning.
DE Schwer entflammbare oder flammhemmende Kleidung tragen.
ET Kanda tulekindlat või tule levikut aeglustavat rõivastust.
EL Να φοράτε αντιπυρικό ρουχισμό ή ρουχισμό με επιβραδυντικό φλόγας.
EN Wear fire resistant or flame retardant clothing.
FR Porter des vêtements résistant au feu ou à retard de flamme.
GA Caith éadaí dódhíonacha nó lasairmhoillitheacha.
HR Nositi odjeću otpornu na vatru ili nezapaljivu odjeću.
IT Indossare indumenti completamente ignifughi o in tessuti ritardanti di fiamma.
LV Izmantot ugunsizturīgu vai liesmas aizturošu apģērbu.
LT Dėvėti ugniai atsparius arba antipireninius drabužius.
HU Tűzálló vagy lángkésleltető ruházat viselése kötelező.
MT Ilbes ħwejjeġ reżistenti għan-nar u retardanti tal-fjammi.
NL Vuurbestendige of vlamvertragende kleding dragen.
PL Nosić odzież ognioodporną lub opóźniającą zapalenie.
PT Usar vestuário ignífugo ou retardador de chamas.
RO Purtați îmbrăcăminte rezistentă la foc sau ignifugă.
SK Noste ohňovzdorný odev alebo odev so zníženou horľavosťou.
SL Nositi negorljiva oblačila ali oblačila, odporna proti ognju.
FI Käytä palosuojattua tai paloturvallista vaatetusta.
SV Använd brandsäkra eller flamhämmande kläder."

(xiii) La voce relativa al codice P231 + P232 è sostituita dalla seguente:

"P231 + P232 Lingua
BG Да се използва и съхранява съдържанието под инертен газ/… Да се пази от влага.
ES Manipular y almacenar el contenido en un medio de gas inerte/…. Proteger de la humedad.
CS Manipulace a skladování pod inertním plynem /…. Chraňte před vlhkem.
DA Håndteres og opbevares under inert gas/…. Beskyt mod fugt.
DE Inhalt unter inertem Gas/… handhaben und aufbewahren. Vor Feuchtigkeit schützen.
ET Sisu käidelda ja hoida inertgaasis/…. Hoida niiskuse eest.
EL Ο χειρισμός και η αποθήκευση του υλικού να γίνεται υπό αδρανές αέριο/ …. Προστασία από την υγρασία.
EN Handle and store contents under inert gas/…. Protect from moisture.
FR Manipuler et stocker le contenu sous gaz inerte/… Protéger de l'humidité.
GA Láimhsigh agus stóráil an t-ábhar faoi thriathghás/…. Cosain ó thaise.
HR Rukovati i skladištiti u inertnom plinu / … Zaštititi od vlage.
IT Manipolare e conservare in atmosfera di gas inerte/…. Tenere al riparo dall'umidità.
LV Saturu izmantot un glabāt tikai inertas gāzes vidē/… Sargāt no mitruma.
LT Turinį tvarkyti ir laikyti inertinėse dujose/…Saugoti nuo drėgmės.
HU Tartalma inert gázban / … használandó és tárolandó. Nedvességtől védendő.
MT Uża u aħżen il-kontenut taħt gass inerti /…. Ipproteġi mill-umdità.
NL Inhoud onder inert gas/… gebruiken en bewaren. Tegen vocht beschermen.
PL Używać i przechowywać zawartość w atmosferze obojętnego gazu /…. Chronić przed wilgocią.
PT Manusear e armazenar o conteúdo em atmosfera de gás inerte/…. Manter ao abrigo da humidade.
RO A se manipula și a se depozita conținutul sub un gaz inert/…. A se proteja de umiditate.
SK Manipulujte s obsahom a skladujte ho v prostredí s inertným plynom/… Chráňte pred vlhkosťou.
SL Ravnati z vsebino in jo hraniti v ustreznem inertnem plinu/…. Zaščititi pred vlago.
FI Käsittele ja varastoi sisältö inertissä kaasussa /…. Suojaa kosteudelta.
SV Hantera och förvara innehållet under inert gas/…. Skyddas från fukt."

(xiv) La voce relativa al codice P235 + P410 è soppressa.

(b) La tabella 1.3 è così modificata:

(i) La voce relativa al codice P312 è sostituita dalla seguente:

"P312 Lingua
BG При неразположение се обадете в ЦЕНТЪР ПО ТОКСИКОЛОГИЯ/на лекар/…
ES Llamar a un CENTRO DE TOXICOLOGÍA / médico/… si la persona se encuentra mal.
CS Necítíte-li se dobře, volejte TOXIKOLOGICKÉ INFORMAČNÍ STŘEDISKO / lékaře /… .
DA Kontakt GIFTLINJEN/læge/… i tilfælde af ubehag.
DE Bei Unwohlsein GIFTINFORMATIONSZENTRUM/Arzt/… anrufen.
ET Halva enesetunde korral võtta ühendust MÜRGISTUSTEABEKESKUSEGA/arstiga/….
EL Καλέστε το ΚΕΝΤΡΟ ΔΗΛΗΤΗΡΙΑΣΕΩΝ/γιατρό/…, αν αισθανθείτε αδιαθεσία.
EN Call a POISON CENTER/doctor/… if you feel unwell.
FR Appeler un CENTRE ANTIPOISON/un médecin/… en cas de malaise.
GA Cuir glao ar IONAD NIMHE/dochtúir/… má bhraitheann tú tinn.
HR U slučaju zdravstvenih tegoba nazvati CENTAR ZA KONTROLU OTROVANJA / liječnika / …
IT In caso di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico/… .
LV Sazinieties ar SAINDĒŠAN S INFORM CIJAS CENTRU/ārstu/…, ja jums ir slikta pašsajūta.
LT Pasijutus blogai, skambinti į APSINUODIJIMŲ KONTROLĖS IR INFORMACIJOS BIURĄ / kreiptis į gydytoją / …
HU Rosszullét esetén forduljon TOXIKOLÓGIAI KÖZPONTHOZ/orvoshoz/….
MT Ikkuntattja ĊENTRU TAL-AVVELENAMENT / tabib / … jekk tħossok ma tiflaħx.
NL Bij onwel voelen een ANTIGIFCENTRUM/arts/… raadplegen.
PL W przypadku złego samopoczucia skontaktować się z OŚRODKIEM ZATRUĆ/ lekarzem/….
PT Caso sinta indisposição, contacte um CENTRO DE INFORMAÇÃO ANTIVENENOS/médico/… .
RO Sunați la un CENTRU DE INFORMARE TOXICOLOGICĂ/un medic/… dacă nu vă simțiți bine.
SK Pri zdravotných problémoch volajte NÁRODNÉ TOXIKOLOGICKÉ INFORMAČNÉ CENTRUM/lekára/… .
SL Ob slabem počutju pokličite CENTER ZA ZASTRUPITVE/ zdravnika/… .
FI Ota yhteys MYRKYTYSTIETOKESKUKSEEN/lääkäriin/…, jos ilmenee pahoinvointia.
SV Vid obehag, kontakta GIFTINFORMATIONSCENTRALEN/läkare… ."

(ii) La voce relativa al codice P334 è sostituita dalla seguente:

"P334 Lingua
BG Потопете в хладка вода [или сложете мокри компреси].
ES Sumergir en agua fría [o envolver en vendas húmedas].
CS Ponořte do studené vody [nebo zabalte do vlhkého obvazu].
DA Hold under koldt vand [eller anvend våde omslag].
DE In kaltes Wasser tauchen [oder nassen Verband anlegen].
ET Hoida jahedas vees [või panna peale niiske kompress].
EL Βυθίστε σε δροσερό νερό [ή τυλίξτε με βρεγμένους επιδέσμους].
EN Immerse in cool water [or wrap in wet bandages].
FR Rincer à l'eau fraîche [ou poser une compresse humide].
GA Tum in uisce fionnuar [nó cuir bréid fliuch air].
HR Uroniti u hladnu vodu [ili omotati vlažnim zavojem].
IT Immergere in acqua fredda [o avvolgere con un bendaggio umido].
LV Iegremdēt vēsā ūdenī [vai ietīt mitros apsējos].
LT Įmerkti į vėsų vandenį [arba apvynioti šlapiais tvarsčiais].
HU Hideg vízzel [vagy nedves kötéssel] kell hűteni.
MT Daħħal fl-ilma kiesaħ [jew kebbeb f'faxex imxarrbin].
NL In koud water onderdompelen [of nat verband aanbrengen].
PL Zanurzyć w zimnej wodzie [lub owinąć mokrym bandażem].
PT Mergulhar em água fria [ou aplicar compressas húmidas].
RO Introduceți în apă rece [sau acoperiți cu o compresă umedă].
SK Ponorte do studenej vody [alebo obviažte mokrými obväzmi].
SL Potopiti v hladno vodo [ali zaviti v mokre povoje].
FI Upota kylmään veteen [tai kääri märkiin siteisiin].
SV Skölj under kallt vatten [eller använd våta omslag]."

(iii) La voce relativa al codice P353 è sostituita dalla seguente:

"P353 Lingua
BG Облейте кожата с вода [или вземете душ].
ES Enjuagar la piel con agua [o ducharse].
CS Opláchněte kůži vodou [nebo osprchujte].
DA Skyl [eller brus] huden med vand.
DE Haut mit Wasser abwaschen [oder duschen].
ET Loputada nahka veega [või loputada duši all].
EL Ξεπλύνετε την επιδερμίδα με νερό [ή στο ντους].
EN Rinse skin with water [or shower].
FR Rincer la peau à l'eau [ou se doucher].
GA Sruthlaítear an craiceann le huisce [nó glac cithfholcadh].
HR Isprati kožu vodom [ili tuširanjem].
IT Sciacquare la pelle [o fare una doccia].
LV Noskalot ādu ar ūdeni [vai iet dušā].
LT Odą nuplauti vandeniu [arba čiurkšle].
HU A bőrt le kell öblíteni vízzel [vagy zuhanyozás].
MT Laħlaħ il-ġilda bl-ilma [jew bix-xawer].
NL Huid met water afspoelen [of afdouchen].
PL Spłukać skórę pod strumieniem wody [lub prysznicem].
PT Enxaguar a pele com água [ou tomar um duche].
RO Clătiți pielea cu apă [sau faceți duș].
SK Pokožku ihneď opláchnite vodou [alebo sprchou].
SL Kožo izprati z vodo [ali prho].
FI Huuhdo iho vedellä [tai suihkuta].
SV Skölj huden med vatten [eller duscha]."

(iv) La voce relativa al codice P372 è sostituita dalla seguente:

"P372 Lingua
BG Опасност от експлозия.
ES Riesgo de explosión.
CS Nebezpečí výbuchu.
DA Eksplosionsfare.
DE Explosionsgefahr.
ET Plahvatusoht.
EL Κίνδυνος έκρηξης.
EN Explosion risk.
FR Risque d'explosion.
GA Baol pléasctha.
HR Opasnost od eksplozije.
IT Rischio di esplosione.
LV Eksplozijas risks.
LT Sprogimo pavojus.
HU Robbanásveszély.
MT Riskju ta' splużjoni.
NL Ontploffingsgevaar.
PL Zagrożenie wybuchem.
PT Risco de explosão.
RO Risc de explozie.
SK Riziko výbuchu.
SL Nevarnost eksplozije.
FI Räjähdysvaara.
SV Explosionsrisk."

(v) La voce relativa al codice P374 è soppressa.

(vi) La voce relativa al codice P381 è sostituita dalla seguente:

"P381 Lingua
BG В случай на изтичане премахнете всички източници на запалване.
ES En caso de fuga, eliminar todas las fuentes de ignición.
CS V případě úniku odstraňte všechny zdroje zapálení.
DA I tilfælde af lækage fjernes alle antændelseskilder.
DE Bei Undichtigkeit alle Zündquellen entfernen.
ET Lekke korral eemaldada kõik süüteallikad.
EL Σε περίπτωση διαρροής, εξαλείψτε όλες τις πηγές ανάφλεξης.
EN In case of leakage, eliminate all ignition sources.
FR En cas de fuite, éliminer toutes les sources d'ignition.
GA I gcás sceite, díothaigh gach foinse adhainte.
HR U slučaju istjecanja ukloniti sve izvore paljenja.
IT In caso di perdita, eliminare ogni fonte di accensione.
LV Noplūdes gadījumā novērst visus uzliesmošanas avotus.
LT Nuotėkio atveju, pašalinti visus uždegimo šaltinius.
HU Szivárgás esetén meg kell szüntetni az összes gyújtóforrást.
MT F'każ ta' tnixxija, elimina s-sorsi kollha li jqabbdu.
NL In geval van lekkage alle ontstekingsbronnen wegnemen.
PL W przypadku wycieku wyeliminować wszystkie źródła zapłonu.
PT Em caso de fuga, eliminar todas as fontes de ignição.
RO În caz de scurgeri, eliminați toate sursele de aprindere.
SK V prípade úniku odstráňte všetky zdroje zapálenia.
SL V primeru uhajanja odstraniti vse vire vžiga.
FI Vuototapauksessa poista kaikki sytytyslähteet.
SV Vid läckage, avlägsna alla antändningskällor."

(vii) La voce relativa al codice P301 + P312 è sostituita dalla seguente:

"P301 + P312 Lingua
BG ПРИ ПОГЛЪЩАНЕ: при неразположение се обадете в ЦЕНТЪР ПО ТОКСИКОЛОГИЯ/на лекар/…
ES EN CASO DE INGESTIÓN: Llamar a un CENTRO DE TOXICOLOGÍA / médico /… si la persona se encuentra mal.
CS PŘI POŽITÍ: Necítíte-li se dobře, volejte TOXIKOLOGICKÉ INFORMAČNÍ STŘEDISKO / lékaře / … .
DA I TILFÆLDE AF INDTAGELSE: Kontakt GIFTLINJEN/læge/… i tilfælde af ubehag.
DE BEI VERSCHLUCKEN: Bei Unwohlsein GIFTINFORMATIONSZENTRUM/ Arzt/… anrufen.
ET ALLANEELAMISE KORRAL: halva enesetunde korral võtta ühendust MÜRGISTUSTEABEKESKUSEGA/arstiga/…/.
EL ΣΕ ΠΕΡΙΠΤΩΣΗ ΚΑΤΑΠΟΣΗΣ: Καλέστε το ΚΕΝΤΡΟ ΔΗΛΗΤΗΡΙΑΣΕΩΝ/γιατρό/ …, αν αισθανθείτε αδιαθεσία.
EN IF SWALLOWED: Call a POISON CENTER/doctor/… if you feel unwell.
FR EN CAS D'INGESTION: Appeler un CENTRE ANTIPOISON/un médecin/…/ en cas de malaise.
GA MÁ SHLOGTAR: Cuir glao ar IONAD NIMHE/dochtúir/… má bhraitheann tú tinn.
HR AKO SE PROGUTA: u slučaju zdravstvenih tegoba nazvati CENTAR ZA KONTROLU OTROVANJA / liječnika / …
IT IN CASO DI INGESTIONE: in presenza di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico/… .
LV NORĪŠANAS GADĪJUM : Sazinieties ar SAINDĒŠAN S INFORM CIJAS CENTRU/ ārstu/…, ja jums ir slikta pašsajūta.
LT PRARIJUS: pasijutus blogai, skambinti į APSINUODIJIMŲ KONTROLĖS IR INFORMACIJOS BIURĄ / kreiptis į gydytoją / …
HU LENYELÉS ESETÉN: Rosszullét esetén forduljon TOXIKOLÓGIAI KÖZPONTHOZ/orvoshoz/….
MT JEKK JINBELA': Ikkuntattja ĊENTRU TAL-AVVELENAMENT / tabib /… jekk tħossok ma tiflaħx.
NL NA INSLIKKEN: bij onwel voelen een ANTIGIFCENTRUM/arts/… raadplegen.
PL W PRZYPADKU POŁKNIĘCIA: W przypadku złego samopoczucia skontaktować się z OŚRODKIEM ZATRUĆ/ lekarzem/….
PT EM CASO DE INGESTÃO: Caso sinta indisposição, contacte um CENTRO DE INFORMAÇÃO ANTIVENENOS/médico/… .
RO ÎN CAZ DE ÎNGHIȚIRE: Sunați la un CENTRU DE INFORMARE TOXICOLOGICĂ/un medic/… dacă nu vă simțiți bine.
SK PO POŽITÍ: Pri zdravotných problémoch volajte NÁRODNÉ TOXIKOLOGICKÉ INFORMAČNÉ CENTRUM/lekára/… .
SL PRI ZAUŽITJU: Ob slabem počutju pokličite CENTER ZA ZASTRUPITVE/ zdravnika/… .
FI JOS KEMIKAALIA ON NIELTY: Ota yhteys MYRKYTYSTIETOKESKUKSEEN/ lääkäriin/…, jos ilmenee pahoinvointia.
SV VID FÖRTÄRING: Vid obehag, kontakta GIFTINFORMATIONSCENTRALEN/läkare… ."

(viii) La voce relativa al codice P301 + P330 + P331 è soppressa.

(ix) La voce relativa al codice P302 + P334 è sostituita dalla seguente:

"P302 + P334 Lingua
BG ПРИ КОНТАКТ С КОЖАТА: потопете в хладка вода или сложете мокри компреси.
ES EN CASO DE CONTACTO CON LA PIEL: Sumergir en agua fría o envolver en vendas húmedas.
CS PŘI STYKU S KŮŽÍ: Ponořte do studené vody nebo zabalte do vlhkého obvazu.
DA VED KONTAKT MED HUDEN: Hold under koldt vand eller anvend våde omslag.
DE BEI BERÜHRUNG MIT DER HAUT: In kaltes Wasser tauchen oder nassen Verband anlegen.
ET NAHALE SATTUMISE KORRAL: hoida jahedas vees või panna peale niiske kompress.
EL ΣΕ ΠΕΡΙΠΤΩΣΗ ΕΠΑΦΗΣ ΜΕ ΤΟ ΔΕΡΜΑ: Βυθίστε σε δροσερό νερό ή τυλίξτε με βρεγμένους επιδέσμους.
EN IF ON SKIN: Immerse in cool water or wrap in wet bandages.
FR EN CAS DE CONTACT AVEC LA PEAU: Rincer à l'eau fraîche ou poser une compresse humide.
GA I gCÁS TEAGMHÁLA LEIS AN gCRAICEANN: Tum in uisce fionnuar nó cuir bréid fliuch air.
HR U SLUČAJU DODIRA S KOŽOM: uroniti u hladnu vodu ili omotati vlažnim zavojem.
IT IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: immergere in acqua fredda o avvolgere con un bendaggio umido.
LV SASKARĒ AR  DU: Iegremdēt vēsā ūdenī vai ietīt mitros apsējos.
LT PATEKUS ANT ODOS: įmerkti į vėsų vandenį arba apvynioti šlapiais tvarsčiais.
HU HA BŐRRE KERÜL: Hideg vízzel vagy nedves kötéssel kell hűteni.
MT JEKK FUQ IL-ĠILDA: Daħħal fl-ilma frisk jew kebbeb f'faxex imxarrbin.
NL BIJ CONTACT MET DE HUID: in koud water onderdompelen of nat verband aanbrengen.
PL W PRZYPADKU KONTAKTU ZE SKÓRĄ: Zanurzyć w zimnej wodzie lub owinąć mokrym bandażem.
PT SE ENTRAR EM CONTACTO COM A PELE: Mergulhar em água fria ou aplicar compressas húmidas.
RO ÎN CAZ DE CONTACT CU PIELEA: Introduceți în apă rece sau acoperiți cu o compresă umedă.
SK PRI KONTAKTE S POKOŽKOU: Ponorte do studenej vody alebo obviažte mokrými obväzmi.
SL PRI STIKU S KOŽO: Potopiti v hladno vodo ali zaviti v mokre povoje.
FI JOS KEMIKAALIA JOUTUU IHOLLE: Upota kylmään veteen tai kääri märkiin siteisiin.
SV VID HUDKONTAKT: Skölj under kallt vatten eller använd våta omslag."

(x) La voce relativa al codice P303 + P361 + P353 è soppressa.

(xi) La voce relativa al codice P305 + P351 + P338 è soppressa.

(xii) La voce relativa a un nuovo codice P336 + P315 è inserita dopo P333 + P313:

"P336 + P315 Lingua
BG Размразете замръзналите части в хладка вода. Не разтривайте засегнатото място. Незабавно потърсете медицински съвет/помощ.
ES Descongelar las partes congeladas con agua tibia. No frotar la parte afectada. Buscar asistencia médica inmediata.
CS Omrzlá místa ošetřete vlažnou vodou. Postižené místo netřete. Okamžitě vyhledejte lékařskou pomoc/ošetření.
DA Opvarm forsigtigt af frostskadede legemsdele i lunkent vand. Gnid ikke det angrebne område. Søg omgående lægehjælp.
DE Vereiste Bereiche mit lauwarmem Wasser auftauen. Betroffenen Bereich nicht reiben. Sofort ärztlichen Rat einholen/ärztliche Hilfe hinzuziehen.
ET Sulatada külmunud piirkonnad leige veega. Kannatada saanud piirkonda mitte hõõruda. Pöörduda viivitamata arsti poole.
EL Ξεπαγώστε τα παγωμένα μέρη με χλιαρό νερό. Μην τρίβετε την περιοχή που πάγωσε. Συμβουλευθείτε/Επισκεφθείτε αμέσως γιατρό.
EN Thaw frosted parts with lukewarm water. Do not rub affected area. Get immediate medical advice/attention.
FR Dégeler les parties gelées avec de l'eau tiède. Ne pas frotter les zones touchées. Consulter immédiatement un médecin.
GA Leáigh codanna sioctha le huisce alabhog. Ná cuimil an réimse lena mbaineann. Faigh comhairle/cúram liachta láithreach.
HR Zamrznute dijelove odmrznuti mlakom vodom. Ne trljati oštećeno mjesto. Hitno zatražiti savjet/pomoć liječnika.
IT Sgelare le parti congelate usando acqua tiepida. Non sfregare la parte interessata. Consultare immediatamente un medico.
LV Atkausēt sasalušās daļas ar remdenu ūdeni. Skarto zonu neberzt. Nekavējoties lūgt palīdzību mediķiem.
LT Prišalusias daleles atitirpinti drungnu vandeniu. Netrinti paveiktos zonos. Nedelsiant kreiptis į gydytoją.
HU A fagyott részeket langyos vízzel fel kell melegíteni. Tilos az érintett terület dörzsölése. Azonnal orvosi ellátást kell kérni.
MT Ħoll il-partijiet kiesħa bl-ilma fietel. Togħrokx il-parti affettwata. Ikkonsulta tabib minnufih.
NL Bevroren lichaamsdelen met lauw water ontdooien. Niet wrijven. Onmiddellijk een arts raadplegen.
PL Rozmrozić oszronione obszary letnią wodą. Nie trzeć oszronionego obszaru. Natychmiast zasięgnąć porady/zgłosić się pod opiekę lekarza.
PT Derreter as zonas congeladas com água morna. Não friccionar a zona afetada. Consulte imediatamente um médico.
RO Dezghețați părțile degerate cu apă călduță. Nu frecați zona afectată. Consultați imediat medicul.
SK Zmrznuté časti ošetrite vlažnou vodou. Postihnuté miesto netrite. Okamžite vyhľadajte lekársku pomoc/starostlivosť.
SL Zamrznjene dele odtaliti z mlačno vodo. Ne drgniti prizadetega mesta. Takoj poiščite zdravniško pomoč/oskrbo.
FI Sulata jäätyneet alueet haalealla vedellä. Vahingoittunutta aluetta ei saa hangata. Hakeudu välittömästi lääkäriin.
SV Värm det köldskadade området med ljummet vatten. Gnid inte det skadade området. Sök omedelbart läkarhjälp."

(xiii) La voce relativa al codice P335 + P334 è soppressa.

(xiv) Le seguenti nuove voci relative ai codici P301 + P330 + P331, P302 + P335 + P334, P303 + P361 + P353 e P305 + P351 + P338 sono inserite dopo la voce relativa al codice P370 + P378:

"P301 + P330 + P331 Lingua
BG ПРИ ПОГЛЪЩАНЕ: изплакнете устата. НЕ предизвиквайте повръщане.
ES EN CASO DE INGESTIÓN: Enjuagar la boca. NO provocar el vómito.
CS PŘI POŽITÍ: Vypláchněte ústa. NEVYVOLÁVEJTE zvracení.
DA I TILFÆLDE AF INDTAGELSE: Skyl munden. Fremkald IKKE opkastning.
DE BEI VERSCHLUCKEN: Mund ausspülen. KEIN Erbrechen herbeiführen.
ET ALLANEELAMISE KORRAL: loputada suud. MITTE kutsuda esile oksendamist.
EL ΣΕ ΠΕΡΙΠΤΩΣΗ ΚΑΤΑΠΟΣΗΣ: Ξεπλύνετε το στόμα. ΜΗΝ προκαλέσετε εμετό.
EN IF SWALLOWED: Rinse mouth. Do NOT induce vomiting.
FR EN CAS D'INGESTION: Rincer la bouche. NE PAS faire vomir.
GA MÁ SHLOGTAR: Sruthlaítear an béal. NÁ spreagtar urlacan.
HR AKO SE PROGUTA: isprati usta. NE izazivati povraćanje.
IT IN CASO DI INGESTIONE: sciacquare la bocca. NON provocare il vomito.
LV NORĪŠANAS GADĪJUM : Izskalot muti. NEIZRAISĪT vemšanu.
LT PRARIJUS: išskalauti burną. NESKATINTI vėmimo.
HU LENYELÉS ESETÉN: A szájat ki kell öblíteni. TILOS hánytatni.
MT JEKK JINBELA': Laħlaħ il-ħalq. TIPPROVOKAX ir-remettar.
NL NA INSLIKKEN: de mond spoelen. GEEN braken opwekken.
PL W PRZYPADKU POŁKNIĘCIA: wypłukać usta. NIE wywoływać wymiotów.
PT EM CASO DE INGESTÃO: Enxaguar a boca. NÃO provocar o vómito.
RO ÎN CAZ DE ÎNGHIȚIRE: Clătiți gura. NU provocați voma.
SK PO POŽITÍ: vypláchnite ústa. NEVYVOLÁVAJTE zvracanie.
SL PRI ZAUŽITJU: Izprati usta. Ne izzivati bruhanja.
FI JOS KEMIKAALIA ON NIELTY: Huuhdo suu. EI saa oksennuttaa.
SV VID FÖRTÄRING: Skölj munnen. Framkalla INTE kräkning."

"P302 + P335 + P334 Lingua
BG ПРИ КОНТАКТ С КОЖАТА: отстранете от кожата посипаните частици. Потопете в хладка вода [или сложете мокри компреси].
ES EN CASO DE CONTACTO CON LA PIEL: Cepillar las partículas sueltas depositadas en la piel; sumergir en agua fría [o envolver en vendas húmedas].
CS PŘI STYKU S KŮŽÍ: Volné částečky odstraňte z kůže. Ponořte do studené vody [nebo zabalte do vlhkého obvazu].
DA VED KONTAKT MED HUDEN: Børst løse partikler bort fra huden. Hold under koldt vand [eller anvend våde omslag].
DE BEI BERÜHRUNG MIT DER HAUT: Lose Partikel von der Haut abbürsten. In kaltes Wasser tauchen [oder nassen Verband anlegen].
ET NAHALE SATTUMISE KORRAL: pühkida lahtised osakesed nahalt maha. Hoida jahedas vees [või panna peale niiske kompress].
EL ΣΕ ΠΕΡΙΠΤΩΣΗ ΕΠΑΦΗΣ ΜΕ ΤΟ ΔΕΡΜΑ: Αφαιρέστε προσεκτικά τα σωματίδια που έχουν μείνει στο δέρμα με μια βούρτσα. Βυθίστε σε δροσερό νερό [ή τυλίξτε με βρεγμένους επιδέσμους].
EN IF ON SKIN: Brush off loose particles from skin. Immerse in cool water [or wrap in wet bandages].
FR EN CAS DE CONTACT AVEC LA PEAU: Enlever avec précaution les particules déposées sur la peau. Rincer à l'eau fraîche [ou poser une compresse humide].
GA I gCÁS TEAGMHÁLA LEIS AN gCRAICEANN: Glan cáithníní scaoilte den chraiceann. Tum in uisce fionnuar [nó cuir bréid fliuch air].
HR U SLUČAJU DODIRA S KOŽOM: izmesti zaostale čestice s kože. Uroniti u hladnu vodu [ili omotati vlažnim zavojem].
IT IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: rimuovere le particelle depositate sulla pelle. Immergere in acqua fredda [o avvolgere con un bendaggio umido].
LV SASKARĒ AR  DU: Noslaucīt brīvās daļiņas no ādas. Iegremdēt vēsā ūdenī [vai ietīt mitros apsējos].
LT PATEKUS ANT ODOS: neprilipusias daleles nuvalyti nuo odos. Įmerkti į vėsų vandenį [arba apvynioti šlapiais tvarsčiais].
HU HA BŐRRE KERÜL: A bőrre lazán tapadó szemcséket óvatosan le kell kefélni. Hideg vízzel [vagy nedves kötéssel] kell hűteni.
MT JEKK FUQ IL-ĠILDA: Farfar il-frak mhux imwaħħal minn mal-ġilda. Daħħal fl-ilma frisk [jew kebbeb f'faxex imxarrbin].
NL BIJ CONTACT MET DE HUID: losse deeltjes van de huid afvegen. In koud water onderdompelen [of nat verband aanbrengen].
PL W PRZYPADKU KONTAKTU ZE SKÓRĄ: Niezwiązaną pozostałość strzepnąć ze skóry. Zanurzyć w zimnej wodzie [lub owinąć mokrym bandażem].
PT SE ENTRAR EM CONTACTO COM A PELE: Sacudir da pele as partículas soltas. Mergulhar em água fria [ou aplicar compressas húmidas].
RO ÎN CAZ DE CONTACT CU PIELEA: Îndepărtați particulele depuse pe piele. Introduceți în apă rece [sau acoperiți cu o compresă umedă].
SK PRI KONTAKTE S POKOŽKOU: Z pokožky oprášte sypké čiastočky. Ponorte do studenej vody [alebo obviažte mokrými obväzmi].
SL PRI STIKU S KOŽO: S krtačo odstraniti razsute delce s kože. Potopiti v hladno vodo [ali zaviti v mokre povoje].
FI JOS KEMIKAALIA JOUTUU IHOLLE: Poista irtohiukkaset iholta. Upota kylmään veteen [tai kääri märkiin siteisiin].
SV VID HUDKONTAKT: Borsta bort lösa partiklar från huden. Skölj under kallt vatten [eller använd våta omslag]."

"P303 + P361 + P353 Lingua
BG ПРИ КОНТАКТ С КОЖАТА (или косата): незабавно свалете цялото замърсено облекло. Облейте кожата с вода [или вземете душ].
ES EN CASO DE CONTACTO CON LA PIEL (o el pelo): Quitar inmediatamente toda la ropa contaminada. Enjuagar la piel con agua [o ducharse].
CS PŘI STYKU S KŮŽÍ (nebo s vlasy): Veškeré kontaminované části oděvu okamžitě svlékněte. Opláchněte kůži vodou [nebo osprchujte].
DA VED KONTAKT MED HUDEN (eller håret): Tilsmudset tøj tages straks af/ fjernes. Skyl [eller brus] huden med vand.
DE BEI BERÜHRUNG MIT DER HAUT (oder dem Haar): Alle kontaminierten Kleidungsstücke sofort ausziehen. Haut mit Wasser abwaschen [oder duschen].
ET NAHALE (või juustele) SATTUMISE KORRAL: kõik saastunud rõivad viivitamata seljast võtta. Loputada nahka veega [või loputada duši all].
EL ΣΕ ΠΕΡΙΠΤΩΣΗ ΕΠΑΦΗΣ ΜΕ ΤΟ ΔΕΡΜΑ (ή με τα μαλλιά): Βγάλτε αμέσως όλα τα μολυσμένα ρούχα. Ξεπλύνετε την επιδερμίδα με νερό [ή στο ντους].
EN IF ON SKIN (or hair): Take off immediately all contaminated clothing. Rinse skin with water [or shower].
FR EN CAS DE CONTACT AVEC LA PEAU (ou les cheveux): Enlever immédiatement tous les vêtements contaminés. Rincer la peau à l'eau [ou se doucher].
GA I gCÁS TEAGMHÁLA LEIS AN gCRAICEANN (nó le gruaig): Bain díot láithreach na héadaí éillithe go léir. Sruthlaítear an craiceann le huisce [nó glac cithfholcadh].
HR U SLUČAJU DODIRA S KOŽOM (ili kosom): odmah skinuti svu zagađenu odjeću. Isprati kožu vodom [ili tuširanjem].
IT IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE (o con i capelli): togliersi di dosso immediatamente tutti gli indumenti contaminati. Sciacquare la pelle [o fare una doccia].
LV SASKARĒ AR  DU (vai matiem): Nekavējoties novilkt visu piesārņoto apģērbu. Noskalot ādu ar ūdeni [vai iet dušā].
LT PATEKUS ANT ODOS (arba plaukų): nedelsiant nuvilkti visus užterštus drabužius. Odą nuplauti vandeniu [arba čiurkšle].
HU HA BŐRRE (vagy hajra) KERÜL: Az összes szennyezett ruhadarabot azonnal le kell vetni. A bőrt le kell öblíteni vízzel [vagy zuhanyozás].
MT JEKK FUQ IL-ĠILDA (jew ix-xagħar): Inża' minnufih l-ilbies kontaminat. Laħlaħ il-ġilda bl-ilma [jew bix-xawer].
NL BIJ CONTACT MET DE HUID (of het haar): verontreinigde kleding onmiddellijk uittrekken. Huid met water afspoelen [of afdouchen].
PL W PRZYPADKU KONTAKTU ZE SKÓRĄ (lub z włosami): Natychmiast zdjąć całą zanieczyszczoną odzież. Spłukać skórę pod strumieniem wody [lub prysznicem].
PT SE ENTRAR EM CONTACTO COM A PELE (ou o cabelo): Retirar imediatamente toda a roupa contaminada. Enxaguar a pele com água [ou tomar um duche].
RO ÎN CAZ DE CONTACT CU PIELEA (sau cu părul): Scoateți imediat toată îmbrăcămintea contaminată. Clătiți pielea cu apă [sau faceți duș].
SK PRI KONTAKTE S POKOŽKOU (alebo vlasmi): Vyzlečte všetky kontaminované časti odevu. Pokožku ihneď opláchnite vodou [alebo sprchou].
SL PRI STIKU S KOŽO (ali lasmi): Takoj sleči vsa kontaminirana oblačila. Kožo izprati z vodo [ali prho].
FI JOS KEMIKAALIA JOUTUU IHOLLE (tai hiuksiin): Riisu saastunut vaatetus välittömästi. Huuhdo iho vedellä [tai suihkuta].
SV VID HUDKONTAKT (även håret): Ta omedelbart av alla nedstänkta kläder. Skölj huden med vatten [eller duscha]."

"P305 + P351 + P338 Lingua
BG ПРИ КОНТАКТ С ОЧИТЕ: промивайте внимателно с вода в продължение на няколко минути. Свалете контактните лещи, ако има такива и доколкото това е възможно. Продължете с изплакването.
ES EN CASO DE CONTACTO CON LOS OJOS: Enjuagar con agua cuidadosamente durante varios minutos. Quitar las lentes de contacto cuando estén presentes y pueda hacerse con facilidad. Proseguir con el lavado.
CS PŘI ZASAŽENÍ OČÍ: Několik minut opatrně vyplachujte vodou. Vyjměte kontaktní čočky, jsou-li nasazeny a pokud je lze vyjmout snadno. Pokračujte ve vyplachování.
DA VED KONTAKT MED ØJNENE: Skyl forsigtigt med vand i flere minutter. Fjern eventuelle kontaktlinser, hvis dette kan gøres let. Fortsæt skylning.
DE BEI KONTAKT MIT DEN AUGEN: Einige Minuten lang behutsam mit Wasser spülen. Eventuell vorhandene Kontaktlinsen nach Möglichkeit entfernen. Weiter spülen.
ET SILMA SATTUMISE KORRAL: loputada mitme minuti jooksul ettevaatlikult veega. Eemaldada kontaktläätsed, kui neid kasutatakse ja kui neid on kerge eemaldada. Loputada veel kord.
EL ΣΕ ΠΕΡΙΠΤΩΣΗ ΕΠΑΦΗΣ ΜΕ ΤΑ ΜΑΤΙΑ: Ξεπλύνετε προσεκτικά με νερό για αρκετά λεπτά. Αν υπάρχουν φακοί επαφής, αφαιρέστε τους, αν είναι εύκολο. Συνεχίστε να ξεπλένετε.
EN IF IN EYES: Rinse cautiously with water for several minutes. Remove contact lenses, if present and easy to do. Continue rinsing.
FR EN CAS DE CONTACT AVEC LES YEUX: Rincer avec précaution à l'eau pendant plusieurs minutes. Enlever les lentilles de contact si la victime en porte et si elles peuvent être facilement enlevées. Continuer à rincer.
GA I gCÁS TEAGMHÁLA LEIS NA SÚILE: Sruthlaítear go cúramach le huisce ar feadh roinnt nóiméad. Tóg amach na tadhall-lionsaí, más ann dóibh agus más furasta é sin a dhéanamh. Lean den sruthlú.
HR U SLUČAJU DODIRA S OČIMA: oprezno ispirati vodom nekoliko minuta. Ukloniti kontaktne leće ako ih nosite i ako se one lako uklanjaju. Nastaviti ispirati.
IT IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare.
LV SASKARĒ AR ACĪM: Uzmanīgi izskalot ar ūdeni vairākas minūtes. Izņemt kontaktlēcas, ja tās ir ievietotas un ja to var vienkārši izdarīt. Turpināt skalot.
LT PATEKUS Į AKIS: atsargiai plauti vandeniu kelias minutes. Išimti kontaktinius lęšius, jeigu jie yra ir jeigu lengvai galima tai padaryti. Toliau plauti akis.
HU SZEMBE KERÜLÉS ESETÉN: Több percig tartó óvatos öblítés vízzel. Adott esetben a kontaktlencsék eltávolítása, ha könnyen megoldható. Az öblítés folytatása.
MT JEKK JIDĦOL FL-GĦAJNEJN: Laħlaħ b'attenzjoni bl-ilma għal diversi minuti. Neħħi l-lentijiet tal-kuntatt, jekk ikun hemm u jkunu faċli biex tneħħihom. Kompli laħlaħ.
NL BIJ CONTACT MET DE OGEN: voorzichtig afspoelen met water gedurende een aantal minuten; contactlenzen verwijderen, indien mogelijk; blijven spoelen.
PL W PRZYPADKU DOSTANIA SIĘ DO OCZU: Ostrożnie płukać wodą przez kilka minut. Wyjąć soczewki kontaktowe, jeżeli są i można je łatwo usunąć. Nadal płukać.
PT SE ENTRAR EM CONTACTO COM OS OLHOS: Enxaguar cuidadosamente com água durante vários minutos. Se usar lentes de contacto, retire-as, se tal lhe for possível. Continue a enxaguar.
RO ÎN CAZ DE CONTACT CU OCHII: Clătiți cu atenție cu apă timp de mai multe minute. Scoateți lentilele de contact, dacă este cazul și dacă acest lucru se poate face cu ușurință. Continuați să clătiți.
SK PO ZASIAHNUTÍ OČÍ: Niekoľko minút ich opatrne vyplachujte vodou. Ak používate kontaktné šošovky a je to možné, odstráňte ich. Pokračujte vo vyplachovaní.
SL PRI STIKU Z OČMI: Previdno izpirati z vodo nekaj minut. Odstranite kontaktne leče, če jih imate in če to lahko storite brez težav. Nadaljujte z izpiranjem.
FI JOS KEMIKAALIA JOUTUU SILMIIN: Huuhdo huolellisesti vedellä usean minuutin ajan. Poista mahdolliset piilolinssit, jos sen voi tehdä helposti. Jatka huuhtomista.
SV VID KONTAKT MED ÖGONEN: Skölj försiktigt med vatten i flera minuter. Ta ur eventuella kontaktlinser om det går lätt. Fortsätt att skölja."

(xv) La voce relativa al codice P370 + P380 è soppressa.

(xvi) Le seguenti nuove voci relative ai codici P370 + P372 + P380 + P373 e P370 + P380 + P375 + [P378] sono inserite dopo la voce relativa al codice P371 + P380 + P375:

"P370 + P372 + P380 + P373 Lingua
BG При пожар: опасност от експлозия. Евакуирайте зоната. НЕ се опитвайте да гасите пожара, ако огънят наближи експлозиви.
ES En caso de incendio: Riesgo de explosión. Evacuar la zona. NO combatir el incendio cuando este afecte a la carga.
CS V případě požáru: Nebezpečí výbuchu. Vykliďte prostor. Požár NEHASTE, dostane-li se k výbušninám.
DA Ved brand: Eksplosionsfare. Evakuer området. BEKÆMP IKKE branden, hvis denne når eksplosiverne.
DE Bei Brand: Explosionsgefahr. Umgebung räumen. KEINE Brandbekämpfung, wenn das Feuer explosive Stoffe/Gemische/Erzeugnisse erreicht.
ET Tulekahju korral: plahvatusoht. Ala evakueerida. Kui tuli jõuab lõhkeaineteni, MITTE teha kustutustöid.
EL Σε περίπτωση πυρκαγιάς: Κίνδυνος έκρηξης. Εκκενώστε την περιοχή. ΜΗΝ προσπαθείτε να σβήσετε την πυρκαγιά, όταν η φωτιά πλησιάζει σε εκρηκτικά.
EN In case of fire: Explosion risk. Evacuate area. DO NOT fight fire when fire reaches explosives.
FR En cas d'incendie: Risque d'explosion. Évacuer la zone. NE PAS combattre l'incendie lorsque le feu atteint les explosifs.
GA I gcás dóiteáin: Baol pléasctha. Aslonnaigh gach duine as an limistéar. NÁ DÉAN an dóiteán a chomhrac má shroicheann sé pléascáin.
HR U slučaju požara: opasnost od eksplozije. Evakuirati područje. NE gasiti vatru kada plamen zahvati eksplozive.
IT Rischio di esplosione in caso di incendio. Evacuare la zona. NON utilizzare mezzi estinguenti se l'incendio raggiunge materiali esplosivi.
LV Ugunsgrēka gadījumā: Eksplozijas risks. Evakuēt zonu. NECENSTIES dzēst ugunsgrēku, ja uguns piekļūst sprādzienbīstamām vielām.
LT Gaisro atveju: sprogimo pavojus. Evakuoti zoną. NEGESINTI gaisro, jeigu ugnis pasiekia sprogmenis.
HU Tűz esetén: Robbanásveszély. A területet ki kell üríteni. TILOS a tűz oltása, ha az robbanóanyagra átterjedt.
MT F'każ ta' nar: Riskju ta' splużjoni. Evakwa ż-żona. TIPPRUVAX TITFI n-nar meta n-nar jilħaq l-isplussivi.
NL In geval van brand: ontploffingsgevaar. Evacueren. NIET blussen wanneer het vuur de ontplofbare stoffen bereikt.
PL W przypadku pożaru: Zagrożenie wybuchem. Ewakuować teren. NIE gasić pożaru, jeżeli ogień dosięgnie materiały wybuchowe.
PT Em caso de incêndio: Risco de explosão. Evacuar a zona. Se o fogo atingir os explosivos, NÃO tentar combatê-lo.
RO În caz de incendiu: Risc de explozie. Evacuați zona. NU încercați să stingeți incendiul atunci când focul a ajuns la explozivi.
SK V prípade požiaru: Riziko výbuchu. Priestory evakuujte. Požiar NEHASTE, ak sa oheň priblížil k výbušninám.
SL Ob požaru: Nevarnost eksplozije. Izprazniti območje. NE gasiti, ko ogenj doseže eksploziv.
FI Tulipalon sattuessa: Räjähdysvaara. Evakuoi alue. Tulta EI SAA yrittää sammuttaa sen saavutettua räjähteet.
SV Vid brand: Explosionsrisk. Utrym området. Försök INTE bekämpa branden när den når explosiva varor."

"P370 + P380 + P375[+ P378] Lingua
BG При пожар: евакуирайте зоната. Гасете пожара от разстояние поради опасност от експлозия. [Използвайте…, за да загасите].
ES En caso de incendio: Evacuar la zona. Combatir el incendio a distancia, debido al riesgo de explosión. [Utilizar … en la extinción].
CS V případě požáru: Vykliďte prostor. Kvůli nebezpečí výbuchu haste z dostatečné vzdálenosti. [K uhašení použijte …].
DA Ved brand: Evakuer området. Bekæmp branden på afstand på grund af eksplosionsfare. [Anvend … til brandslukning].
DE Bei Brand: Umgebung räumen. Wegen Explosionsgefahr Brand aus der Entfernung bekämpfen. [… zum Löschen verwenden.]
ET Tulekahju korral: ala evakueerida. Plahvatusohu tõttu teha kustutustöid eemalt. [Kustutamiseks kasutada ….].
EL Σε περίπτωση πυρκαγιάς: Εκκενώστε την περιοχή. Προσπαθήστε να σβήσετε την πυρκαγιά από απόσταση, επειδή υπάρχει κίνδυνος έκρηξης [Χρησιμοποιήστε … για την κατάσβεση].
EN In case of fire: Evacuate area. Fight fire remotely due to the risk of explosion. [Use … to extinguish].
FR En cas d'incendie: Évacuer la zone. Combattre l'incendie à distance à cause du risque d'explosion. [Utiliser … pour l'extinction].
GA I gcás dóiteáin: Aslonnaigh gach duine as an limistéar. Téigh i gcianghleic leis an dóiteán mar gheall ar an mbaol pléasctha. [Úsáid … le haghaidh múchta].
HR U slučaju požara: evakuirati područje. Gasiti s veće udaljenosti zbog opasnosti od eksplozije. [Za gašenje rabiti…].
IT In caso di incendio: evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza. [Estinguere con…].
LV Ugunsgrēka gadījumā: Evakuēt zonu. Dzēst uguni no attāluma eksplozijas riska dēļ. [Dzēšanai lietot …].
LT Gaisro atveju: evakuoti zoną. Gaisrą gesinti iš toli dėl sprogimo pavojaus. [Gesinimui naudoti …].
HU Tűz esetén: A területet ki kell üríteni. A tűz oltását robbanásveszély miatt távolból kell végezni. [Az oltáshoz … használandó].
MT F'każ ta' nar: Evakwa ż-żona. Itfi n-nar mill-bogħod minħabba r-riskju ta' splużjoni. [Uża … biex titfi].
NL In geval van brand: evacueren. Op afstand blussen in verband met ontploffingsgevaar. [Blussen met …].
PL W przypadku pożaru: Ewakuować teren. Z powodu ryzyka wybuchu gasić pożar z odległości. [Użyć … do gaszenia].
PT Em caso de incêndio: Evacuar a zona. Combater o incêndio à distância, devido ao risco de explosão. [Para extinguir utilizar…].
RO În caz de incendiu: Evacuați zona. Stingeți incendiul de la distanță din cauza pericolului de explozie. [Utilizați … pentru stingere].
SK V prípade požiaru: Priestory evakuujte. Z dôvodu nebezpečenstva výbuchu požiar haste z diaľky. [Na hasenie použite…].
SL Ob požaru: Izprazniti območje. Gasiti z večje razdalje zaradi nevarnosti eksplozije. [Za gašenje uporabiti …].
FI Tulipalon sattuessa: Evakuoi alue. Sammuta palo etäältä räjähdysvaaran takia. [Käytä palon sammuttamiseen …].
SV Vid brand: Utrym området. Bekämpa branden på avstånd på grund av explosionsrisken. [Släck med …]."

(c) La tabella 1.4 è così modificata:

(i) La voce relativa al codice P401 è sostituita dalla seguente:

"P401 Lingua
BG Да се съхранява съгласно…
ES Almacenar conforme a … .
CS Skladujte v souladu s … .
DA Opbevares i overensstemmelse med … .
DE Aufbewahren gemäß … .
ET Hoida kooskõlas … .
EL Αποθηκεύεται σύμφωνα με… .
EN Store in accordance with… .
FR Stocker conformément à… .
GA Stóráil i gcomhréir le… .
HR Skladištiti u skladu s…
IT Conservare secondo… .
LV Glabāt saskaņā ar … .
LT Laikyti, vadovaujantis…
HU A … -nak/-nek megfelelően tárolandó.
MT Aħżen skont… .
NL Overeenkomstig … bewaren.
PL Przechowywać zgodnie z … .
PT Armazenar em conformidade com… .
RO A se depozita în conformitate cu… .
SK Skladujte v súlade s… .
SL Hraniti v skladu s/z… .
FI Varastoi … mukaisesti.
SV Förvaras enligt … ."

(ii) La voce relativa al codice P406 è sostituita dalla seguente:

"P406 Lingua
BG Да се съхранява в устойчив на разяждане съд/… съд с устойчива вътрешна облицовка.
ES Almacenar en un recipiente resistente a la corrosión /… en un recipiente con revestimiento interior resistente.
CS Skladujte v obalu odolném proti korozi/… s odolnou vnitřní vrstvou.
DA Opbevares i ætsningsbestandig/… beholder med modstandsdygtig foring.
DE In korrosionsbeständigem/… Behälter mit korrosionsbeständiger Innenauskleidung aufbewahren.
ET Hoida sööbekindlas/…sööbekindla sisevooderdisega mahutis.
EL Αποθηκεύεται σε ανθεκτικό στη διάβρωση/… περιέκτη με ανθεκτική εσωτερική επένδυση.
EN Store in a corrosion resistant/… container with a resistant inner liner.
FR Stocker dans un récipient résistant à la corrosion/… avec doublure intérieure.
GA Stóráil i gcoimeádán/ … frithchreimneach le líneáil fhrithchreimneach laistigh.
HR Skladištiti u spremniku otpornom na nagrizanje / … s otpornom unutarnjom oblogom.
IT Conservare in recipiente resistente alla corrosione/… provvisto di rivestimento interno resistente.
LV Glabāt korozijizturīgā/… tvertnē ar iekšējo pretkorozijas izolāciju.
LT Laikyti korozijai atsparioje talpykloje/…, turinčioje atsparią vidinę dangą.
HU Saválló/saválló bélésű … edényben tárolandó.
MT Aħżen f'post reżistenti għall-korrużjoni /… kontenitur li huwa infurrat minn ġewwa b'materjal reżistenti.
NL In corrosiebestendige/… houder met corrosiebestendige binnenbekleding bewaren.
PL Przechowywać w pojemniku odpornym na korozję /… o odpornej powłoce wewnętrznej.
PT Armazenar num recipiente resistente à corrosão/… com um revestimento interior resistente.
RO A se depozita într-un recipient rezistent la coroziune/recipient din… cu dublură interioară rezistentă la coroziune.
SK Uchovávajte v nádobe odolnej proti korózii/… nádobe s odolnou vnútornou vrstvou.
SL Hraniti v posodi, odporni proti koroziji/…, z odporno notranjo oblogo.
FI Varastoi syöpymättömässä/… säiliössä, jossa on kestävä sisävuoraus.
SV Förvaras i korrosionsbeständig/… behållare med beständigt innerhölje."

(iii) La voce relativa al codice P407 è sostituita dalla seguente:

"P407 Lingua
BG Да се остави въздушно пространство между купчините или палетите.
ES Dejar un espacio de aire entre las pilas o bandejas.
CS Mezi stohy nebo paletami ponechte vzduchovou mezeru.
DA Opbevares med luftmellemrum mellem stakkene/pallerne.
DE Luftspalt zwischen Stapeln oder Paletten lassen.
ET Jätta virnade või kaubaaluste vahele õhuvahe.
EL Να υπάρχει κενό αέρος μεταξύ των σωρών ή παλετών.
EN Maintain air gap between stacks or pallets.
FR Maintenir un intervalle d'air entre les piles ou les palettes.
GA Coimeád bearna aeir idir cruacha nó idir pailléid.
HR Osigurati razmak između polica ili paleta.
IT Mantenere uno spazio libero tra gli scaffali o i pallet.
LV Saglabāt gaisa spraugu starp krāvumiem vai paletēm.
LT Palikti oro tarpą tarp eilių arba palečių.
HU A rakatok vagy raklapok között térközt kell hagyni.
MT Ħalli l-arja tgħaddi bejn l-imniezel jew il-palits.
NL Ruimte laten tussen stapels of pallets.
PL Zachować szczelinę powietrzną pomiędzy stosami lub paletami.
PT Respeitar as distâncias mínimas entre pilhas ou paletes.
RO Păstrați un spațiu gol între stive sau paleți.
SK Medzi regálmi alebo paletami ponechajte vzduchovú medzeru.
SL Ohraniti zračno režo med skladi ali paletami.
FI Jätä pinojen tai kuormalavojen väliin ilmarako.
SV Se till att det finns luft mellan staplar eller pallar."

(iv) La voce relativa al codice P420 è sostituita dalla seguente:

"P420 Lingua
BG Да се съхранява отделно.
ES Almacenar separadamente.
CS Skladujte odděleně.
DA Opbevares separat.
DE Getrennt aufbewahren.
ET Hoida eraldi.
EL Αποθηκεύεται χωριστά.
EN Store separately.
FR Stocker séparément.
GA Stóráil as féin.
HR Skladištiti odvojeno.
IT Conservare separatamente.
LV Glabāt atsevišķi.
LT Laikyti atskirai.
HU Elkülönítve tárolandó.
MT Aħżen separatament.
NL Gescheiden bewaren.
PL Przechowywać oddzielnie.
PT Armazenar separadamente.
RO A se depozita separat.
SK Skladujte jednotlivo.
SL Hraniti ločeno.
FI Varastoi erillään.
SV Förvaras separat."

(v) La voce relativa al codice P422 è soppressa.

(vi) La voce relativa al codice P411 + P235 è soppressa.

(d) La tabella 1.5 è così modificata:

La voce relativa al codice P502 è sostituita dalla seguente:

"P502 Lingua
BG Обърнете се към производителя или доставчика за информация относно оползотворяването или рециклирането.
ES Pedir información al fabricante o proveedor sobre la recuperación o el reciclado.
CS Informujte se u výrobce nebo dodavatele o regeneraci nebo recyklaci.
DA Indhent oplysninger om genindvinding/genanvendelse hos fabrikanten/leverandøren.
DE Informationen zur Wiederverwendung oder Wiederverwertung beim Hersteller oder Lieferanten erfragen.
ET Hankida valmistajalt või tarnijalt teavet kemikaali taaskasutamise või ringlussevõtu kohta.
EL Ανατρέξτε στον παρασκευαστή ή τον προμηθευτή για πληροφορίες όσον αφορά την ανάκτηση ή την ανακύκλωση.
EN Refer to manufacturer or supplier for information on recovery or recycling.
FR Consulter le fabricant ou le fournisseur pour des informations relatives à la récupération ou au recyclage.
GA Téigh i dteagmháil leis an monaróir nó leis an soláthróir chun faisnéis a fháil faoi aisghabháil nó athchúrsáil.
HR Za informacije o oporabi ili recikliranju obratiti se proizvođaču ili dobavljaču.
IT Chiedere informazioni al produttore o fornitore per il recupero o il riciclaggio.
LV Informācija par rekuperāciju vai pārstrādi saņemama pie ražotāja vai piegādātāja.
LT Kreiptis į gamintoją arba tiekėją dėl informacijos apie surinkimą arba recirkuliavimą.
HU A gyártó vagy a szállító határozza meg a hasznosításra vagy az újrafeldolgozásra vonatkozó információkat.
MT Irreferi għall-manifattur jew il-fornitur għal informazzjoni dwar l-irkupru jew ir- riċiklaġġ.
NL Raadpleeg fabrikant of leverancier voor informatie over terugwinning of recycling.
PL Przestrzegać wskazówek producenta lub dostawcy dotyczących odzysku lub wtórnego wykorzystania.
PT Solicitar ao fabricante ou fornecedor informações relativas à recuperação ou reciclagem.
RO Adresați-vă producătorului sau furnizorului pentru informații privind recuperarea/reciclarea.
SK Obráťte sa na výrobcu alebo dodávateľa s požiadavkou o informácie týkajúce sa obnovenia alebo recyklácie.
SL Za podatke glede predelave ali reciklaže se obrnite na proizvajalca ali dobavitelja.
FI Hanki valmistajalta tai toimittajalta tietoja uudelleenkäytöstä tai kierrätyksestä.
SV Rådfråga tillverkare eller leverantör om återvinning eller återanvändning."

Allegato V

Nell'allegato V, parte 2, del regolamento (CE) n. 1272/2008, la sezione 2.2 è sostituita dalla seguente:

 

Allegato VI

L'allegato VI, parte 1, del regolamento (Ce) n. 1272/2008 è così modificato:

(1) Nella tabella 1.1, la riga concernente la corrosione/irritazione cutanea è sostituita dalla seguente:

"Corrosione/irritazione cutanea

Skin Corr. 1

Skin Corr. 1A

Skin Corr. 1B

Skin Corr. 1C

Skin Irrit. 2"

(2) Al punto 1.1.3, la nota U è sostituita dalla seguente:

"Nota U (tabella 3.1):

Al momento dell'immissione sul mercato, i gas vanno classificati 'Gas sotto pressione' in uno dei gruppi pertinenti: gas compresso, gas liquefatto, gas liquefatto refrigerato o gas dissolto. Il gruppo dipende dallo stato fisico in cui il gas è confezionato e pertanto va attribuito caso per caso. Sono assegnati i seguenti codici:

Press. Gas (Comp.)

Press. Gas (Liq.)

Press. Gas (Ref. Liq.)

Press. Gas (Diss.) Gli aerosol non vanno classificati come gas sotto pressione (cfr. allegato I, parte 2, punto 2.3.2.1, nota 2)."

Allegato VII

L'allegato VII del regolamento (CE) n. 1272/2008 è così modificato:

(1) Nella tabella 1.1, le righe relative a C; R34 e C; R35 sono sostituite dalle seguenti:

"C; R34 Skin Corr. 1 H314 2)
C; R35 Skin Corr. 1 A H314"

(2) La nota 2 della tabella 1.1 è sostituita dalla seguente:

"Nota 2

Risalire ai dati originari può non essere sufficiente per distinguere tra le categorie 1B e 1C, poiché il periodo di esposizione è considerato di norma fino a quattro ore secondo il regolamento (Ce) n. 440/2008. In questi casi, si deve assegnare la categoria 1. Quando tuttavia i dati sono derivati da prove effettuate secondo un metodo sequenziale, come previsto nel regolamento (Ce) n. 440/2008, si deve prendere in considerazione un'ulteriore sottocategorizzazione nelle categorie 1B o 1C."

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598