Sostanze pericolose

Normativa Vigente

print

Direttiva Commissione Ue 2019/173/Ue

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee) - Modifica dell'allegato III della direttiva 2011/65/Ue per quanto riguarda l'esenzione relativa all'uso del piombo e del cadmio negli inchiostri di stampa per l'applicazione di smalti su vetro

Parole chiave Parole chiave: Sostanze pericolose | Rifiuti | Raee | Metalli pesanti | Limiti / Soglie | Deroghe | Elettrodomestici / Domotica / Computer

Ultima versione disponibile al 06/12/2019

Commissione europea

Direttiva delegata 16 novembre 2018, n. 2019/173/Ue

(Guue 5 febbraio 2019 n. L 33)

Direttiva che modifica, adeguandolo al progresso scientifico e tecnico, l'allegato III della direttiva 2011/65/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l'esenzione relativa all'uso del piombo e del cadmio negli inchiostri di stampa per l'applicazione di smalti su vetro

(Testo rilevante ai fini del See)

 

la Commissione europea,

visto il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

vista la direttiva 2011/65/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2011, sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche1 , in particolare l'articolo 5, paragrafo 1, lettera a),

considerando quanto segue:

(1) La direttiva 2011/65/Ue impone agli Stati membri di garantire che le apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato non contengano determinate sostanze pericolose elencate nell'allegato II della direttiva stessa. L'obbligo non riguarda le applicazioni di cui all'allegato III della direttiva 2011/65/Ue.

(2) Le diverse categorie di apparecchiature elettriche ed elettroniche cui si applica la direttiva 2011/65/Ue (categorie da 1 a 11) sono elencate nell'allegato I della direttiva stessa.

(3) Il piombo e il cadmio sono sostanze soggette a restrizioni incluse nell'elenco di cui all'allegato II della direttiva 2011/65/Ue. Il loro uso in determinate applicazioni della stampa su vetro beneficiava tuttavia di un'esenzione dalla restrizione e figura attualmente nell'allegato III, voce 21, di tale direttiva. La data di scadenza dell'esenzione era, per le categorie da 1 a 7 e per la categoria 10, il 21 luglio 2016.

(4) La Commissione ha ricevuto una domanda di rinnovo di tale esenzione prima del 21 gennaio 2015, a norma dell'articolo 5, paragrafo 5, della direttiva 2011/65/Ue. L'esenzione rimane in vigore fino all'adozione di una decisione in merito alla domanda.

(5) Il piombo e il cadmio negli inchiostri di stampa per l'applicazione su vetro permettono di ottenere una marcatura durevole dei prodotti, in particolare sul bulbo di vetro delle lampade. La marcatura serve a vari scopi quali la marcatura Ce di conformità europea e la marcatura Raee dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, che, identificando il produttore, il tipo di lampada e la potenza, sono informazioni rilevanti ai fini della sicurezza, della corretta sostituzione della lampada e del riciclaggio. La durabilità della marcatura è importante perché rimanga leggibile durante tutto il ciclo di vita del prodotto, come imposto dalla legislazione e dalle norme in materia di sicurezza dei prodotti.

(6) Il piombo conferisce proprietà essenziali come una buona aderenza, temperature inferiori per la smaltatura, maggiore durabilità e opacità.

(7) Il cadmio è utilizzato per ottenere alcune sfumature dello smalto in varie applicazioni, tra cui quelle a scopo di sicurezza e allarme quando si ritiene che particolari sfumature aumentino la visibilità. Il cadmio conferisce inoltre importanti funzioni di filtraggio.

(8) Per alcune applicazioni interessate dall'attuale esenzione che riguarda le categorie da 1 a 7 e la categoria 10, la sostituzione o l'eliminazione del piombo è ancora impraticabile sotto il profilo tecnico e scientifico perché mancano sostituti affidabili. L'esenzione non indebolisce la protezione dell'ambiente e della salute offerta dal regolamento (Ce) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio2 . Essa dovrebbe pertanto essere rinnovata per dette applicazioni e categorie.

(9) Per alcune applicazioni interessate dall'attuale esenzione che riguarda le categorie da 1 a 7 e la categoria 10, la sostituzione o l'eliminazione del cadmio è ancora impraticabile sotto il profilo tecnico e scientifico perché mancano sostituti affidabili. L'esenzione non indebolisce la protezione dell'ambiente e della salute offerta dal regolamento (Ce) n. 1907/2006. Essa dovrebbe pertanto essere rinnovata per dette applicazioni e categorie.

(10) Per tutte le altre applicazioni attualmente interessate dall'esenzione, non sono soddisfatte le condizioni per il rinnovo. L'esenzione per tali applicazioni dovrebbe continuare ad applicarsi per 12 mesi dopo la data di entrata in vigore della presente direttiva delegata conformemente all'articolo 5, paragrafo 6, della direttiva 2011/65/Ue.

(11) Dal momento che per le applicazioni contenenti piombo interessate dal rinnovo non sono disponibili sul mercato alternative affidabili, l'esenzione per le categorie da 1 a 7 e per la categoria 10 dovrebbe essere rinnovata per la durata massima di cinque anni fino al 21 luglio 2021. Alla luce dei risultati degli sforzi in atto tesi a trovare una sostituzione affidabile, la durata dell'esenzione non è suscettibile di avere ripercussioni negative sull'innovazione.

(12) Dal momento che per le applicazioni contenenti cadmio interessate dal rinnovo non sono disponibili sul mercato alternative affidabili, l'esenzione per le categorie da 1 a 7 e per la categoria 10 dovrebbe essere rinnovata per la durata massima di cinque anni fino al 21 luglio 2021. Alla luce dei risultati degli sforzi in atto tesi a trovare una sostituzione affidabile, la durata dell'esenzione non è suscettibile di avere ripercussioni negative sull'innovazione.

(13) Per le categorie diverse da quelle da 1 a 7 e 10, l'esenzione resta in vigore per i periodi di validità di cui all'articolo 5, paragrafo 2, secondo comma, della direttiva 2011/65/Ue. Per motivi di chiarezza, le date di scadenza dovrebbero essere aggiunte nell'allegato III di tale direttiva.

(14) La direttiva 2011/65/Ue dovrebbe pertanto essere modificata di conseguenza,

ha adottato la presente direttiva:

Articolo 1

L'allegato III della direttiva 2011/65/Ue è modificato conformemente all'allegato della presente direttiva.

Articolo 2

1. Gli Stati membri adottano e pubblicano, entro il 29 febbraio 2020, le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva. Essi ne informano immediatamente la Commissione.

Essi applicano tali disposizioni a decorrere dal 1° marzo 2020.

Le disposizioni adottate dagli Stati membri contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate di tale riferimento all'atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del riferimento sono stabilite dagli Stati membri.

2. Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni fondamentali di diritto interno che adottano nel settore disciplinato dalla presente direttiva.

Articolo 3

La presente direttiva entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Articolo 4

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

 

Fatto a Bruxelles, il 16 novembre 2018

Allegato

Nell'allegato III, la voce 21 è sostituita dalla seguente:

"21

Piombo e cadmio negli inchiostri di stampa per l'applicazione di smalti su vetro, quali borosilicato e vetro sodico-calcico

Si applica alle categorie 8, 9 e 11, scade il:
- 21 luglio 2021 per le categorie 8 e 9 esclusi i dispositivi medico-diagnostici in vitro e gli strumenti di monitoraggio e controllo industriali;
- 21 luglio 2023 per i dispositivi medico-diagnostici in vitro della categoria 8;
- 21 luglio 2024 per gli strumenti di monitoraggio e controllo industriali della categoria 9 e per la categoria 11;

21 a)

Cadmio nel vetro stampato a colori con funzione di filtraggio usato come componente in applicazioni di illuminazione installate negli schermi e nei pannelli di controllo delle Aee

Si applica alle categorie da 1 a 7 e alla categoria 10, ad eccezione delle applicazioni disciplinate dalla voce 21 b) o 39, scade il 21 luglio 2021

21 b)

Cadmio negli inchiostri di stampa per l'applicazione di smalti su vetro, quali borosilicato e vetro sodico-calcico

Si applica alle categorie da 1 a 7 e alla categoria 10, ad eccezione delle applicazioni disciplinate dalla voce 21 a) o 39, scade il 21 luglio 2021

21 c)

Piombo negli inchiostri di stampa per l'applicazione di smalti su superfici diverse dal vetro borosilicato

Si applica alle categorie da 1 a 7 e alla categoria 10, scade il 21 luglio 2021".

Note ufficiali

1.

Gu L 174 dell'1 luglio 2011, pag. 88.

2.

Regolamento (Ce) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (Reach), che istituisce un'Agenzia europea per le sostanze chimiche (Gu L 396 del 30.12.2006, pag. 1).

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598