Rifiuti

Normativa Vigente

print

Testo vigente oggi 25/08/2019

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Decreto direttoriale 24 aprile 2019

(Pubblicato sul sito del MinAmbiente il 24 aprile 2019)

Decreto di approvazione del contributo ai sensi dell'articolo 7, comma 5 del decreto ministeriale 11 aprile 2011, n. 82

Il Direttore generale

Visto l'articolo 228, decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale" e successive modificazioni, relativo alla gestione degli pneumatici fuori uso;

Visto l'articolo 228, comma 2 del decreto legislativo n. 152/2006 secondo cui con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare è disciplinata la gestione degli pneumatici fuori uso;

Visto il decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 aprile 2011, n. 82 (regolamento) con il quale è disciplinata la gestione degli pneumatici fuori uso (Pfu);

Visto l'articolo 2, comma 1, lettera l), del citato decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare n. 82/2011 secondo cui questa Direzione generale è definita autorità competente;

Visto l'articolo 7, comma 2 del ripetuto decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare n. 82/2011 che istituisce il Comitato di gestione degli Pfu provenienti da veicoli fuori uso (Comitato);

Visto l'articolo 7, comma 5 del decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 82/2011 secondo cui il Comitato individua l'entità del contributo per la copertura dei costi di raccolta e gestione degli pneumatici dei veicoli a fine vita e lo comunica all'Autorità competente che lo approva;

Visto l'articolo 7, comma 10 del regolamento secondo cui con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare sono definiti i parametri tecnici per l'individuazione delle diverse categorie di contributo per la copertura dei costi di raccolta e trattamento degli Pfu, nonché delle spese relative alla gestione ed alla amministrazione del Comitato e del fondo in cui è versato il contributo (fondo) stesso riscosso dal rivenditore del veicolo all'atto della vendita;

Visto il decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 20 gennaio 2012 di definizione dei parametri tecnici per l'individuazione delle diverse categorie di contributo;

Visto il decreto direttoriale 7 luglio 2014, n. 5171/TRI/DIR, di approvazione del contributo ambientale per l'anno 2014, con il quale si è ritenuto necessario che il Comitato inviasse all'Autorità, entro il 31 maggio di ogni anno, il rendiconto economico della gestione dei proventi da contributo ambientale introitati nell'anno precedente;

Vista la nota 29 maggio 2018, Prot. SGP n. aoodir005/0001897/18 con la quale il Comitato ha trasmesso il rendiconto economico della gestione dei proventi da contributo ambientale introitati nell'anno 2017;

Vista la nota del 5 dicembre 2018, Prot. DSII n. aoodir020/0003943/18 con la quale il Comitato ha comunicato l'entità del contributo per l'anno 2019 e trasmesso la documentazione che ne giustifica l'individuazione;

Viste le grandezze esposte nel prospetto informatico fornito nell'allegato della nota del Comitato 3943/18, ed in particolare quella relativa alla stima del patrimonio netto al 31/12/2018, dalla quale si evidenzia un disavanzo presunto della gestione al 31/12/18, e quella relativa alla riserva di garanzia per la continuità del servizio, pari al costo di 1 mese di gestione del Comitato Pfu;

Vista la nota del 12 aprile 2019, Prot. DSII aoodir004/0001023/19 con la quale il Comitato, a seguito di interlocuzioni per le vie brevi con l'autorità competente, ha motivato l'introduzione della "quota di garanzia per la continuità del servizio" e ha aggiornato la stima del disavanzo presunto della gestione al 31/12/2018 a chiusura dell'esercizio;

Visto che la quota di "garanzia per la continuità del servizio", introdotta dal Comitato Pfu nel prospetto informatico allegato alla predetta nota 3943/18, non rientra tra i parametri tecnici per l'individuazione del contributo, previsti dal decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 20 gennaio 2012;

Considerato che l'aggiornamento della stima del disavanzo presunto al 31/12/2018, comunicato con nota 12 aprile 2019, Prot. DSII aoodir004/0001023/19, fornisce l'informazione come desunta a chiusura dell'esercizio 2018;

Considerato che i costi per la determinazione del contributo 2019 sono l'esito di stime previsionali sulle quali, pertanto, non è possibile procedere ad un dettagliato riscontro che può essere condotto solo ex post;

Ritenuto che al fine del predetto riscontro sia necessario che il Comitato invii all'Autorità, entro il 31 maggio di ogni anno, il rendiconto economico della gestione dei proventi da contributo ambientale introitati nell'anno precedente;

Considerato che ai sensi dell'articolo 7, comma 10 del regolamento, il contributo deve garantire la copertura dei costi di raccolta e gestione degli pneumatici provenienti dai veicoli a fine vita, nonché delle spese relative alla gestione ed alla amministrazione del Comitato e del fondo;

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, articolo 47 e successive modificazioni, recante il nuovo codice della strada;

Ritenuto di individuare la decorrenza dell'efficacia del presente decreto per la riscossione del contributo da parte dei rivenditori dei veicoli, al fine di consentire agli stessi di predisporre gli adempimenti necessari;

Decreta

Articolo 1

Ai sensi dell'articolo 7, comma 5, del Dm 11 aprile 2011, n. 82, è approvato il contributo per la gestione degli pneumatici fuori uso derivanti da demolizione dei veicoli a fine vita per l'anno 2019, secondo il prospetto seguente:

Tipologie di pneumatici allegato E del Dm 82/2011 Pesi min-max (in chilogrammi) Veicoli utilizzatori classificati secondo le categorie di cui all'articolo 47 Dlgs 285/1992 (Codice della strada) Contributo ambientale (€/veicolo)
A A1 (2-8)

Categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e, O1

0,64
B B1 (6 -18) Categorie M1, M2, O2, N1 4,17
C

C1 (20 — 40);

C2 (41 — 70);

Categorie M2, M3, N2, N3, O3, O4

16,66

30,75

D

D0 (< 4)

D1 (4 — 20);

D2 (21-40);

D3 (41 — 70);

D4 (71-130);

D5 (131 — 200);

D6 (> 200).

Macchine agricole, macchine operatrici, macchine industriali

0,81

3,58

6,39

16,75

36,54

54,81

106,58

Articolo 2

Il Comitato invia all'Autorità, entro il 31 maggio 2019, il rendiconto economico della gestione dei proventi introitati nell'anno 2018 in applicazione del presente decreto.

Articolo 3

Il presente decreto ha efficacia dal quindicesimo giorno dalla pubblicazione sul sito web del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Articolo 4

Ai sensi dell'articolo 3 della legge 7 agosto 1990, n. 241, avverso il presente decreto è ammesso ricorso al Tar entro 60 giorni dalla pubblicazione sul sito web del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare o ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla medesima pubblicazione.

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598