Acque

Normativa Vigente

print

Decisione Consiglio Ue 2019/1727/Ue

Posizione da adottare a nome della Ue alla seconda riunione ministeriale dell'accordo di Bonn sulla lotta all'inquinamento nel mare del Nord in merito al Piano d'azione strategico dell'accordo di Bonn (Basap) 2019-2025

Ultima versione disponibile al 14/12/2019

Consiglio dell'Unione europea

Decisione 7 ottobre 2019, n. 2019/1727/Ue

(Guue 16 ottobre 2019 n. L 263)

Decisione sulla posizione da adottare, a nome dell'Unione europea, alla seconda riunione ministeriale dell'accordo di Bonn riguardo alla dichiarazione ministeriale e al piano d'azione strategico dell'accordo di Bonn (Basap) 2019-2025 ad essa allegato

Il Consiglio dell'Unione europea,

visto il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare gli articoli 191 e 196, in combinato disposto con l'articolo 218, paragrafo 9, vista la proposta della Commissione europea, considerando quanto segue:

(1) L'accordo concernente la cooperazione in materia di lotta contro l'inquinamento del Mare del Nord causato dagli idrocarburi e da altre sostanze pericolose ("accordo di Bonn")1 è stato concluso dalla Comunità economica europea con decisione 84/358/Cee del Consiglio2 . L'accordo di Bonn è entrato in vigore il 1° settembre 1989. L'accordo di Bonn è stato modificato nel 1989; tali emendamenti sono entrati in vigore il 1° aprile 1994. La Comunità economica europea ha approvato gli emendamenti con decisione 93/540/Cee del Consiglio3 .

(2) L'accordo di Bonn celebra il suo 50° anniversario nel 2019. In tale occasione le parti contraenti intendono adottare una dichiarazione ministeriale durante la seconda riunione ministeriale dell'accordo di Bonn alla presenza di organizzazioni intergovernative e osservatori delle regioni confinanti responsabili della lotta all'inquinamento del grande Mare del Nord e dei suoi accessi, causato dagli idrocarburi e da altre sostanze pericolose, che si terrà a Bonn l'11 ottobre 2019 ("dichiarazione ministeriale").

(3) Prendendo atto di 50 anni di proficua cooperazione nel quadro dell'accordo di Bonn e riconoscendo l'interesse comune di rafforzare ulteriormente la cooperazione a livello regionale al fine di prevenire, prepararsi e rispondere agli incidenti e all'inquinamento illegale del mare dovuto alle attività marittime nel grande Mare del Nord e nei suoi accessi, la dichiarazione ministeriale si propone di definire una visione comune di un grande Mare del Nord e dei suoi accessi esenti dall'inquinamento accidentale, evitabile e deliberato causato dai trasporti marittimi, dalle operazioni offshore nel settore degli idrocarburi e da altre attività marittime.

(4) A testimonianza di un risoluto impegno nel perseguire tale visione, la dichiarazione ministeriale attesterà i rinnovati sforzi profusi dalle parti contraenti dell'accordo di Bonn per il conseguimento degli obiettivi concordati e a favore di una migliore prevenzione, preparazione e risposta all'inquinamento marino nel grande Mare del Nord e nei suoi accessi. A tal fine le parti contraenti intendono adottare il piano d'azione strategico dell'accordo di Bonn 2019-2025, che deve essere allegato alla dichiarazione ministeriale e stabilisce obiettivi strategici e operativi ambiziosi e azioni per la loro attuazione, per il periodo 2019-2025.

(5) È importante stabilire la posizione che dovrà essere adottata a nome dell'Unione durante la seconda riunione ministeriale dell'accordo di Bonn, in quanto la decisione che verrà adottata durante la riunione avrà effetti giuridici nell'Unione.

(6) Dato che l'Unione è parte contraente dell'accordo di Bonn ed è interessata a rafforzare la cooperazione nella lotta all'inquinamento del grande Mare del Nord e dei suoi accessi, è opportuno firmare e appoggiare la dichiarazione ministeriale che sostiene il piano d'azione strategico 2019-2025 dell'accordo di Bonn ad essa allegato,

ha adottato la presente decisione:

Articolo 1

La posizione da adottare a nome dell'Unione in sede di seconda riunione ministeriale dell'accordo di Bonn consiste nell'approvare l'adozione della dichiarazione ministeriale e del piano d'azione strategico dell'accordo di Bonn (Basap) 2019-2025 ad essa allegato, che sono acclusi alla presente decisione. Modifiche di entità ridotta alla dichiarazione ministeriale e al piano d'azione strategico dell'accordo di Bonn (Basap) 2019-2025 ad essa allegato possono essere convenute senza un'ulteriore decisione del Consiglio.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno dell'adozione.

 

Fatto a Lussemburgo, il 7 ottobre 2019

 

Progetto di dichiarazione ministeriale

Formato: Documento PDF - Dimensioni: 354 KB


 

Progetto di piano d'azione strategico dell'accordo di Bonn (Basap)

Formato: Documento PDF - Dimensioni: 488 KB


Note ufficiali

1.

Gu L 188 del 16 luglio 1984, pag. 9.

2.

Decisione 84/358/Cee del Consiglio, del 28 giugno 1984, relativa alla conclusione dell'accordo concernente la cooperazione la materia di lotta contro l'inquinamento del Mare del Nord causato dagli idrocarburi e da altre sostanze pericolose (Gu L 188 del 16 luglio 1984, pag. 7).

3.

Decisione 93/540/Cee del Consiglio, del 18 ottobre 1993, relativa all'approvazione di certi emendamenti dell'accordo concernenti la cooperazione in materia di lotta contro l'inquinamento del Mare del Nord causato dagli idrocarburi e da altre sostanze pericolose (accordo di Bonn) (Gu L 263 del 22 ottobre 1993, pag. 51).

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • Sede legale:
    via Privata Giovanni Bensi 12/5, 20152 Milano
    Sede operativa:
    via Natale Battaglia 10, 20127 Milano
    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598