Aria


Quadro generale

Milanosettembre 2018

 

L'attuale disciplina nazionale di riferimento in materia di inquinamento atmosferico è rappresentata dalla Parte V del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (cd. "Codice ambientale"), suddivisa in  3 titoli:
a) Prevenzione e limitazione delle emissioni in atmosfera di impianti e attività;
b) Impianti termici civili;
c) Combustibili.


Il provvedimento, entrato in vigore il 29 aprile 2006,  sostituisce secondo un preciso regime transitorio il Dpr 203/1988 sugli impianti industriali ed il Dpcm 8 marzo 2002 sulle caratteristiche dei combustibili.

Il Dlgs 15 novembre 2017, n. 183 modificando ampiamente la Parte V del Dlgs 152/2006 non ha solo recepito la direttiva 20115/2193/Ue sulle emissioni degli impianti di combustione medi, ma ha anche ridisegnato il quadro delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera.

Leggi tutto

Ultimi aggiornamenti

  • Emissioni, il punto della Cassazione sul confine tra legalità e illegalità Accesso riservato (aggiornato: 2019-02-08) Parole chiave
    • Sentenza Corte di Cassazione 4 dicembre 2018, n. 54209 Accesso riservato

      Rifiuti – Attività di recupero rifiuti - Esalazioni da un cumulo di materiali ferrosi triturati – Emissioni moleste – Articolo 674, Codice penale – Perdita della qualifica di rifiuto del materiale ferroso – Articolo 184-ter, Dlgs 152/2006 - Rilevanza a (aggiornato: 2019-02-08) Parole chiave

      • Sentenza Corte di Cassazione 29 gennaio 2019, n. 4250 Accesso riservato

        Aria - Emissioni in atmosfera - Autorizzazione alle emissioni - Articolo 269, Dlgs 152/2006 - Esercizio di attività senza autorizzazione - Articolo 279, Dlgs 152/2006 - Natura permanente del reato - Sussistenza - Sequestro degli impianti - Finalità - I (aggiornato: 2019-02-06) Parole chiave

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598