Ippc/Aia


Quadro generale

Milanogennaio 2019

 

La normativa sull’"Ippc" (acronimo di "Integrated Pollution Prevention and Control", ossia "prevenzione e riduzione integrata dell'inquinamento") subordina l’attività degli impianti industriali che presentano un elevato potenziale di inquinamento ad una particolare autorizzazione pubblica (denominata "autorizzazione ambientale integrata" – "Aia") che racchiude in un unico atto amministrativo il permesso a rilasciare inquinanti in aria, acqua, suolo e che viene rilasciata solo previo rispetto di precise condizioni ambientali.

 

L'attuale provvedimento nazionale di riferimento è rappresentato dal Titolo III-bis della Parte II del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Parte relativa alla disciplina Via, Vas e Ippc), introdotto nel "Codice ambientale" dal Dlgs 128/2010, e poi ampiamente modificato dal Dlgs 4 marzo 2014, n. 46, provvedimento di recepimento della direttiva 2010/75/Ue sulle emissioni industriali.

 

Leggi tutto

Ultimi aggiornamenti

  • Obblighi ambientali, principali norme tecniche e linee guida Ispra/Snpa di interesse per operatori Accesso riservato (aggiornato: 2019-04-17) Parole chiave
    • Sentenza Tar Lombardia 21 marzo 2019, n. 265 Accesso riservato

      Aia – Impianto di trattamento rifiuti – Continuità dei codici Eer nel passaggio dei rifiuti da produttore a utilizzatore – Allegato D, Dlgs 152/2006 - Sussistenza – Valutazione sito specifica della funzione dei rifiuti – Legittimità – Istanza per appro (aggiornato: 2019-04-17) Parole chiave

      • Sentenza Tar Lombardia 26 marzo 2019, n. 278 Accesso riservato

        Rifiuti - Impianto per il trattamento di percolato di discarica - Autorizzazione integrata ambientale - Procedimento - Aggiornamento dell'autorizzazione per modifica non sostanziale - Imposizione d'ufficio di prescrizioni a tutela di possibili rischi d (aggiornato: 2019-04-16) Parole chiave

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598