Ippc/Aia


Quadro generale

Milano, gennaio 2018

 

La normativa sull’"Ippc" (acronimo di "Integrated Pollution Prevention and Control", ossia "prevenzione e riduzione integrata dell'inquinamento") subordina l’attività degli impianti industriali che presentano un elevato potenziale di inquinamento ad una particolare autorizzazione pubblica (denominata "autorizzazione ambientale integrata" – "Aia") che racchiude in un unico atto amministrativo il permesso a rilasciare inquinanti in aria, acqua, suolo e che viene rilasciata solo previo rispetto di precise condizioni ambientali.

 

L'attuale provvedimento nazionale di riferimento è rappresentato dal Titolo III-bis della Parte II del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Parte relativa alla disciplina Via, Vas e Ippc), introdotto nel "Codice ambientale" dal Dlgs 128/2010, e poi ampiamente modificato dal Dlgs 4 marzo 2014, n. 46, provvedimento di recepimento della direttiva 2010/75/Ue sulle emissioni industriali.

 

Leggi tutto

Ultimi aggiornamenti

  • Sentenza Trga 13 aprile 2018, n. 86 Accesso riservato

    Ippc/Aia - Autorizzazione integrata ambientale - Impianto - Modifica di sostanze immesse nell'ambiente - Comunicazione - Articolo 29-nonies, Dlgs 152/2006 - Distinzione tra "materie prime" e "sostanze" ai fini della comunicazione - Esclusione - Destina (aggiornato: 2018-04-17) Parole chiave

    • Decisione Commissione Ue 2017/1442/Ue Accesso riservato

      Adozione conclusioni Bat - Grandi impianti di combustione - Direttiva 2010/75/Ue

      (aggiornato: 2018-03-26) Parole chiave
      • Dl 4 luglio 2015, n. 92 Accesso riservato

        Misure urgenti in materia di rifiuti e di Aia, nonché per l'esercizio dell'attività d'impresa di stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale

        (aggiornato: 2018-03-25) Parole chiave
Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598