Trasporti


Quadro generale

Milanomaggio 2017

 

Il campo dei trasporti, in particolare di merci o sostanze pericolose, risulta comprensibilmente legato a doppio filo con la questione ambientale.

La scelta redazionale è stata di focalizzare l'attenzione di questo settore sulla disciplina del trasporto di merci pericolose: via strada, via ferrovia, via mare.

 

La direttiva 24 settembre 2008, n. 2008/68/Ce ha instaurato un regime comune che contempla tutti gli aspetti del trasporto interno di merci pericolose su strada, per ferrovia o per via navigabile nell'Unione europea.

Il quadro comunitario del trasporto delle merci pericolose in ambito Ue è stato così aggiornato, riunendo in un unico provvedimento le regole sul trasporto internazionale di merci su strada (cd. "Adr"), su ferrovia (cd. "Rid") e per vie navigabili (cd. "Adn") e abrogando di conseguenza le direttive 94/55/Ce, 96/49/Ce, 96/35/Ce, 2000/18/Ce.

La direttiva del 2008 è stata recepita con Dlgs 27 gennaio 2010, n. 35 che analogamente al provvedimento europeo, ha abrogato tutte le disposizioni nazionali precedenti, armonizzando in un unico testo le regole per i trasporti merci pericolose su strada, per ferrovia e via mare.

 

Il trasporto di rifiuti pericolosi
Alcuni particolari tipi di rifiuto oltre ad essere assoggettati alle norme sulla gestione dei rifiuti ai sensi del Codice del'ambiente (Dlgs 152/2006) quando sono trasportati possono essere inquadrati anche come merci pericolose, e quindi essere assoggettati alla relativa disciplina in materia, non essendo rilevante che si trovino "a fine vita".

Leggi tutto

Ultimi aggiornamenti

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598