Scadenze ambientali

Giugno 2018

A cura di Paola Ficco e Alessandro Geremei

 

Le principali scadenze ambientali segnalate dal calendario di giugno 2018 sono relative a:

 


 

ACQUE

 


 

Inquinamento

 

Riferimenti normativi

Legge 27 dicembre 2006, n. 296

Articolo 1, comma 1132

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 le Regioni, le amministrazioni e gli enti territoriali devono trasmettere al MinAmbiente e all'Ispra le informazioni riguardanti le attività di propria competenza in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione delle risorse idriche e prevenzione del dissesto idrogeologico.

 

(scadenza trimestrale)

 


 

ARIA

 


 

Combustibili marittimi

 

Riferimenti normativi

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

— articolo 298, comma 2-bis

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 il MinAmbiente deve inviare alla Commissione Ue un documento elaborato sulla base della relazione annuale, redatta dall'Ispra, relativa ai livelli di tenore di zolfo nei combustibili.

 

(scadenza annuale)

 


 

Grandi impianti di combustione (Gic)

 

Riferimenti normativi

Legge 27 dicembre 1997, n. 449

— articolo 17, comma 29-33

 

Dpr 26 ottobre 2001, n. 416

— articolo 1

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 i gestori dei grandi impianti di combustione devono versare la seconda rata trimestrale di acconto della tassa sulle emissioni di SO2 e NOx.

 

(scadenza trimestrale)

 


 

Ozono

 

Riferimenti normativi

Dlgs 13 agosto 2010, n. 155

— articolo 19, commi 7 e 8

 

Adempimento

Entro lunedì 11 giugno 2018 le Regioni devono trasmettere all'Ispra, per ogni giorno del mese di giugno in cui si sono rilevati superamenti delle soglie di informazione e di allarme per l'ozono, le informazioni, formulate in via provvisoria, previste all'appendice IX, sezione I.

 

(scadenza mensile nel periodo aprile-settembre)

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 le Regioni devono trasmettere all'Ispra la comunicazione relativa alle zone e agli agglomerati in cui, nel corso nel 2017, i livelli rilevati hanno superato i valori obiettivo e gli obiettivi a lungo termine stabiliti dal Dlgs 155/2010.

Con riferimento alle zone in cui erano stati rilevati superamenti dei valori obiettivo nel corso del 2016, le Regioni devono trasmettere all'Ispra le informazioni previste dall'appendice VIII.

 

(scadenza annuale)

 


 

Qualità dell'aria

 

Riferimenti normativi

Dlgs 13 agosto 2010, n. 155

— articolo 19, commi 1, 3, 4

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 le Regioni devono trasmettere all'Ispra la comunicazione relativa alle zone e agli agglomerati in cui, nel corso nel 2017, i livelli rilevati hanno superato i valori limite dell'aria ambiente oltre il limite consentito, con specificazione dell'entità, della durata e dei motivi di tali superamenti. Con riferimento alle zone in cui erano stati rilevati superamenti dei limiti nel corso del 2016, le Regioni devono trasmettere all'Ispra i piani e i programmi per il rientro nei limiti.

Vanno inoltre comunicati all'Ispra tutti gli eventuali aggiornamenti intervenuti rispetto all'anno precedente e tutte le informazioni relative alla presenza di livelli comportanti il superamento delle soglie di valutazione superiore o inferiore (allegato II).

Per quanto riguarda gli inquinanti atmosferici di cui all'allegato XIII (arsenico, cadmio, nichel e benzo(a)pirene), le Regioni devono inoltre trasmettere all'Ispra la comunicazione annuale relativa alle zone e agglomerati dove nel corso del 2017 è stata accerato il superamento dei valori obiettivo, con individuazione delle aree di superamento.

 

(scadenza annuale)

 


 

CAMBIAMENTI CLIMATICI

 


 

Gas fluorurati ad effetto serra

 

Riferimenti normativi

Regolamento 517/2014/Ue

— articolo 19, comma 6

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 le imprese che hanno comunicato l'immissione in commercio di almeno 10mila tonnellate di CO2 equivalente di HFC nel 2017, devono far verificare i dati da un organismo di controllo indipendente.

 

(scadenza annuale)

 


 

DANNO AMBIENTALE E BONIFICHE

 


 

Bonifiche d'interesse nazionale

 

Riferimenti normativi

Dm 18 settembre 2001, n. 468

— Articolo 7, comma 3

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 i soggetti beneficiari del programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati di interesse nazionale devono inviare alla Regione territorialmente competente la relazione semestrale sullo stato dei lavori al fine di evidenziarne lo stato di avanzamento materiale e finanziario.

 

(scadenza semestrale)

 


 

INQUINAMENTO (ALTRE FORME DI)

 


 

Elettrodotti

Riferimenti normativi

Dpcm 8 luglio 2003

— articolo 5, comma 4

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 gli esercenti di elettrodotti con tensione di esercizio > 132 Kv devono comunicare all'Autorità di controllo competente 12 valori per ciascun giorno, corrispondenti ai valori medi delle correnti registrati ogni 2 ore nelle normali condizioni di esercizio.

 

(scadenza trimestrale)

 


 

RIFIUTI

 


 

Emergenza campana

 

Riferimenti normativi

Dl 23 maggio 2008, n. 90

— articolo 19-bis

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 il Governo deve presentare al Parlamento la relazione semestrale sullo stato di attuazione delle disposizioni di cui al Dl 90/2008, fornendo dettagliate informazioni sull'impiego dei fondi e sulle modalità con cui è stato assicurato il rispetto dei principi fondamentali in materia igienico-sanitaria.

 

(scadenza semestrale)

 


 

RUMORE

 


 

Aeroporti

 

Riferimenti normativi

Dpr 11 dicembre 1997, n. 496

— articolo 5

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 le Regioni devono trasmettere a MinAmbiente e MinInfrastrutture una relazione sul monitoraggio del rumore aeroportuale notturno (dalle ore 23 alle 6) effettuato nel mese di maggio.

 

(scadenza mensile)

 


 

SOSTANZE PERICOLOSE

 


 

Amianto

 

Riferimenti normativi

Dm 18 marzo 2003, n. 101

— Articolo 1

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 le Regioni devono trasmettere al MinAmbiente:

— i risultati della mappatura delle rispettive zone interessate dalla presenza di amianto;

— i dati analitici relativi agli interventi da effettuare e le relative priorità;

— i dati relativi agli interventi di bonifica effettuati.

 

(scadenza annuale)

 


 

Dichiarazione Prtr

 

Riferimenti normativi

Regolamento 166/2006/Ce

— articolo 5

 

Dpr 11 luglio 2011, n. 157

— articolo 4, comma 1

 

Adempimento

Entro sabato 30 giugno 2018 i gestori di attività industriali assoggettate al regolamento 166/2006/Ce possono inviare le modifiche o integrazioni dei dati contenuti nella dichiarazione Prtr effettuato entro il 30 aprile 2018.

 

(scadenza annuale)

 


 

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598