SPECIALE Aee/Raee

Segnaliamo i nuovi MINI MASTER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI di EdaPro, la società di servizi di Edizioni Ambiente

 

La tracciabilità dei rifiuti

Roma, 13-14 giugno 2017 (vai al programma)

 

La classificazione dei rifiuti e il certificato analitico

Roma, 20-21 giugno 2017 (vai al programma)

 

 

COSA SONO le "AEE" ed i "RAEE". I due acronimi indicano, rispettivamente, le Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche ("Aee") ed i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche ("Raee").

 

COSA PREVEDONO LE NORME AMBIENTALI. Apparecchiature e relativi rifiuti sono oggetto di una particolare disciplina giuridica che coinvolge, a vario titolo, sia soggetti pubblici che soggetti privati. Le attuali regole nazionali impongono:

— il divieto di immettere sul mercato "Aee" contenenti determinate sostanze pericolose;

— l'obbligo, per i soggetti coinvolti nella filiera dei relativi rifiuti, di provvedere a raccolta differenziata, trattamento e recupero ad hoc.

 

L'intera disciplina relativa ad "Aee" e "Raee" è stata riformulata ad opera, rispettivamente, del Dlgs 4 marzo 2014, n. 27 e del Dlgs 14 marzo 2014, n. 49, provvedimenti che hanno comunque lasciato in vita alcune disposizioni dello storico Dlgs 151/2005 ed attinenti regolamenti attuativi necessari al funzionamento del sistema che ruota intorno ai rifiuti elettrici ed elettronici.

 

 

ULTIME NOVITÀ:

 

27 maggio 2017: le regole per le garanzie finanziarie a carico dei produttori di Aee. Pubblicato il Dm Ambiente 9 marzo 2017, n. 68 che definisce le regole per la prestazione della garanzia finanziaria che va prestata dai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

 

19 aprile 2017: nuovi criteri Ue per calcolo peso Aee e Raee. Definita dalla Commissione Ue in attuazione della direttiva 2012/19/Ue la metodologia comune per calcolare il peso delle apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato nonché quello dei tecno-rifiuti prodotti.

 

15 marzo 2017: upgrade italiano delle norme Ue con nuove proroghe per l'uso di alcuni metalli pesanti nei dispositivi medici. Pubblicato il Dm 3 marzo 2017 con cui il MinAmbiente recepisce tre direttive Ue con esenzioni al divieto di utilizzo di alcune sostanze come piombo, cadmio, cromo esavalente e eteri di difenile polibromurato (Pbde) in dispositivi medici.

 

29 ottobre 2016: nuovo Statuto per Centro di Coordinamento Raee. Ufficializzato con comunicato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto MinAmbiente recante, ex Dlgs 49/2014, il nuovo Statuto del Centro di Coordinamento Raee.

 

27 agosto 2016: al via gli incentivi per nuove tecnologie di trattamento e riciclo dei Raee. Sono efficaci le disposizioni del Dm 25 luglio 2016 con cui il MinAmbiente ha dettato le regole per l'assegnazione di contributi ai soggetti pubblici e privati della "filiera Raee" per lo sviluppo di nuove tecnologie per il trattamento e riciclaggio di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

 

7 agosto 2016: in vigore nuove regole per Aee ecocompatibili. Entra in vigore il Dm Ambiente 10 giugno 2016, n. 140 che detta nuovi criteri e modalità per progettazione e produzione ecocompatibili di Aee ex Dlgs 49/2014.

 

 

 

ACCEDI allo Speciale Aee/Raee: quadro normativo e approfondimenti

 

 

 

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598