SPECIALE Terre e rocce da scavo

Introduzione ed ultime novità

A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

Segnaliamo il nuovo Seminario di Formazione sui Rifiuti di EdaPro, la società di servizi di Edizioni Ambiente

 

Terre e rocce da scavo tra sottoprodotti, rifiuti e riporti

L’end of waste da fresato d’asfalto

 

che si terrà a Roma, martedì 11 dicembre 2018 (vai al programma)

INTRODUZIONE

 

 

SPECIALE TERRE E ROCCE DA SCAVO

 

Dal 22 agosto 2017 è in vigore il Dpr 13 giugno 2017 n. 120, il provvedimento che riformula la disciplina ambientale per la gestione delle terre e rocce da scavo derivanti da attività finalizzate alla realizzazione di opere.

 

Il nuovo Dpr 120/2017 rimodula le regole di dettaglio per la gestione come sottoprodotti dei materiali da scavo eleggibili, dettando anche nuove disposizioni per l'amministrazione delle terre e rocce fin dall'origine escluse dal regime dei rifiuti e per quelle, invece, da condurre come rifiuti.

 

Adottato sulla base del Dl 133/2014, il Dpr 120/2017 incide sul complesso panorama legislativo in tema di materiali da scavo stratificatosi nel corso degli anni, disponendo da un lato l'abrogazione di diverse disposizioni di settore e dall'altro confermando la validità di alcune pregresse norme.

 

Vincenzo Dragani

 

 

ULTIME NOVITÀ:

 

25 luglio 2018: terremoto Centro Italia, più tempo per deposito intermedio terre. Entra in vigore il Dl 89/2018 che proroga il periodo massimo di deposito intermedio "in deroga" dei materiali da scavo nelle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria.

 

19 luglio 2018: terre da scavo, chiarimenti MinAmbiente su omissione dichiarazioni. Il Dicastero risponde in una nota a un quesito relativo all'applicazione del Dpr 120/2017 riguardante le conseguenze della mancata presentazione della dichiarazione di avvenuto utilizzo nei termini.

 

6 aprile 2018: Ue rettifica Elenco europeo dei rifiuti (Eer). Con un atto pubblicato sulla propria Gazzetta ufficiale l'Unione europea ha rettificato in vari punti l’elenco dei rifiuti recato dalla decisione 2014/955/Ue (in sostituzione di quello previsto dalla decisione 2000/532/Ce) modificando oltre 30 denominazioni di rifiuti associati a capitoli o codici.

 

● 10 novembre 2017: chiarimenti MinAmbiente su riporti. Diramata dal MinAmbiente una circolare di chiarimenti interpretativi sulla disciplina delle matrici materiali di riporto a seguito dell'entrata in vigore del recente regolamento sul riutilizzo delle terre da scavo (Dpr 120/2017).

 

● 7 agosto 2017: pubblicato il nuovo regolamento per la gestione delle terre e rocce da scavo. Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il nuovo Dpr 120/2017 che dal 22 agosto 2017 disciplina la gestione delle terre e rocce da scavo come sottoprodotti, rifiuti o non rifiuti.

 

 

 

ACCEDI al QUADRO NORMATIVO ed agli APPROFONDIMENTI dello Speciale

 

Annunci Google

Reteambiente.it - Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598