News - Aggiornamento normativo

Rifiuti

3 novembre 2015

Abbandono rifiuti, offensività condotta si valuta "ex ante"

Rifiuti

Abbandono rifiuti, offensività condotta si valuta "ex ante"

In materia ambientale, il principio di offensività deve intendersi non in termini di concreto apprezzamento del danno ambientale, bensì nell'attitudine della condotta a porre in pericolo il bene protetto con valutazione "ex ante".

 

La Corte di Cassazione (sentenza 42222/2015) ha così respinto il motivo di ricorso — basato sull’assenza nella sentenza di un giudizio di offensività della condotta — contro una condanna per gestione non autorizzata di rifiuti (articolo 256, comma 1, Dlgs 152/2006), inflitta in concorso al titolare della ditta e all'autista dipendente sorpreso ad abbandonare terre da scavo.

 

Secondo la Suprema Corte, il Giudice di merito ha invece argomentato in maniera logica ed esaustiva la propria decisione di ritenere che il quantitativo di terra scaricata, seppur non eccessivo, fosse in ogni caso idoneo a mettere in pericolo il bene protetto.

 

L'abbandono di rifiuti effettuato dal titolare di un’impresa configura il reato di cui all’articolo 256 del Dlgs 152/2006 anche se effettuato, come nel caso di specie, occasionalmente e in misura limitata.

 

© Copyright riservato - riproduzione vietata - ReteAmbiente Srl, Milano - La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 633/1941

Annunci Google
  • ReteAmbiente s.r.l.
  • via privata Giovanni Bensi 12/5,
    20152 Milano

    Tel. 02 45487277
    Fax 0245487333

    R.E.A. MI - 2569357
    Registro Imprese di Milano - Codice Fiscale e Partita IVA 10966180969

© Tutti i diritti riservati - Reteambiente.it
Testata registrata presso il Tribunale di Milano (20 settembre 2002 n. 494) - ISSN 2465-2598